16 marzo 1978. Il giorno della paura

16 marzo 1978. Il giorno della paura

Sono passati 37 anni da quel terribile giorno, ma non si possono dimenticare le prime ore del sequestro di Aldo Moro, vissute nel supercarcere di Fossombrone faccia a faccia con i capi delle Brigate Rosse. Il 16 marzo del 1978, con il sequestro Moro, iniziarono i 55 giorni più misteriosi […]

Continua la lettura ›
Quando la morte non era una livella

Quando la morte non era una livella

Appunti sui riti funebri del nostro sud, dalle prime ore di lutto al “consuolo”, quando nella piccola vita di paese anche il dolore era motivo di condivisione. Quando la gente ancora moriva in casa, la morte non era una livella.  Usi e consuetudini scandivano  i riti funebri marcando le differenze […]

Continua la lettura ›
80 anni: voglia di comunità

80 anni: voglia di comunità

Auguro a Telese che la ricorrenza degli 80 anni dall’autonomia comunale non si esaurisca solo in una serie di manifestazioni  rituali ma possa essere il punto di partenza per una ritrovata unità di intenti da parte di tutte le componenti politiche per ricostruire una cittadina a misura d’uomo. La natura, […]

Continua la lettura ›
Il Cerro de noantri

Il Cerro de noantri

Il Cerro torna alla ribalta e l’idea di riscattarne la bellezza, la funzione e la vitalità non può che trovare l’adesione dei telesini mentre la mente corre agli anni ’60, quando quel posto non era solo luogo di sfuggenti amori estivi ma anche centro vitale di tante manifestazioni di rilievo. Oggi […]

Continua la lettura ›
I pendolari del rumore

I pendolari del rumore

Ho abitato al quadrivio per oltre 30 anni e non posso che solidarizzare con Carletto Franco e Alice Canelli di cui comprendo perfettamente l’esasperazione. Abitare in una zona ad alto inquinamento acustico è molto penalizzante ed ancora oggi mi fanno pena gli abitanti del centro della città dove vivo, vittime […]

Continua la lettura ›
Il braciere e il prete

Il braciere e il prete

Li si andava a cercare nel ripostiglio agli inizi di ottobre, quando le prime nebbie cominciavano ad ovattare Telese e la luce debole dell’inverno sfumava  sul  viale già ricoperto dalle foglie gialle dei platani. Si spostavano scatoloni, borsoni e legni accatastati per estrarli da quel disordine e rimetterli in uso, […]

Continua la lettura ›
Personaggi del passato: l’acquaiola

Personaggi del passato: l’acquaiola

Aldo Maturo. L’Antica  Banca dell’Acqua Solfurea ‘e zi Nennella, fotografata da Luciano de Crescenzo nel suo famosissimo libro “La Napoli di Bellavista”, ha rappresentato il più famoso monumento ad uno dei più antichi mestieri napoletani, l’acquaiuolo. Forse se ne trovano anche oggi, ma di certo fino agli anni  ’60-‘70 gli […]

Continua la lettura ›
La torre: è finita l’attesa di tempi migliori

La torre: è finita l’attesa di tempi migliori

 Mi sarebbe piaciuto partecipare al convegno sulla Torre ma per ovvi motivi logistici non ho potuto. Mi sarebbe piaciuto perché quella Torre, come ricordavo in un mio precedente intervento di un anno fa, Una torre, una storia, un po’ sentimentalmente mi appartiene non solo come ex telesino ma anche come […]

Continua la lettura ›
Telese-Cerreto: anamnesi di una diocesi

Telese-Cerreto: anamnesi di una diocesi

Diocesi di Telese e Cerreto Sannita. Quante volte ci siamo chiesti  per quale motivo la sede vescovile, e tutto il comprensorio diocesano, ha questo doppio nome?  La curiosità mi ha spinto ad una ricerca storica sulle origini della diocesi e quello che segue è il frutto di questo studio, che pongo […]

Continua la lettura ›
Il gioco delle tre carte

Il gioco delle tre carte

Era il gioco dei giochi, a Napoli, sui marciapiedi davanti alla stazione centrale, al Corso Garibaldi, sotto la Galleria o dovunque c’era un passaggio di persone frettolose.  Era il gioco delle tre carte che mi affascinava quando, uscito dall’università, mi avviavo frettoloso verso il treno, pronto a perderlo pur di godermi quella favolosa […]

Continua la lettura ›