«Vogliamo condividere alcune notizie che interesseranno il Comune di Telese Terme in questi giorni e che sono il frutto della programmazione e grazie ai finanziamenti ottenuti dalla precedente Amministrazione». Cosi i Consiglieri comunali Nicola Di Santo, Pasquale Carofano, Nadia Ceniccola e Teresa Teta del gruppo consiliare “Telese Città”.

«Sono stati approvati – spiegano dal gruppo Telese Città – entrambi i progetti presentati dal Comune di Telese Terme al Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale. Il progetto “Rilanci Campania”, in collaborazione con Anci Campania, per 10 operatori volontari, prevede attività di Informagiovani. Il progetto “Campania Sicura”, in partenariato con il Comune di Cusano Mutri, vedrà impegnati altri dieci giovani volontari in attività di Protezione civile. A breve verrà pubblicato il bando per gli aspiranti operatori volontari.
A breve partiranno anche i lavori del micronido comunale in Viale Minieri, intervento finanziato per € 699.241,00 euro e già appaltato dall’Amministrazione Carofano, che consentirà di conciliare al meglio la vita familiare con la vita lavorativa di tanti genitori della nostra comunità. Al via anche i lavori per il rifacimento del manto in erba sintetica, la realizzazione degli spogliatoi e la riattivazione dell’impianto di illuminazione per lo stadio comunale “Cesare Alterio” che sarà finanziato con i risparmi fatti dal Comune con la rinegoziazione dei tassi di interesse. Questo ha consentito all’Ente un risparmio di circa 80mila euro all’anno che sono stati impiegati per contrarre il mutuo con il Coni a tasso zero per € 670.000,00.

Infine nei prossimi giorni è prevista anche l’ultimazione dei lavori per il rifacimento dei campi esterni e degli spogliatoi per il circolo tennis “Cannarsa” per un importo di € 150.000,00 nonché l’avvio degli interventi relativi al rifacimento dei marciapiedi, del manto stradale, degli impianti semaforici e dell’arredo urbano in Via Caio Ponzio Telesino e in Via Roma per € 2.135.526,80».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.