Un minuto di silenzio per ricordare il già Primo cittadino di Guardia Sanframondi Filippo Foschini, venuto a mancare un mese fa in quel di Piacenza, dove si trovava attualmente insieme alla sua famiglia, seguito da parole toccanti di commiato per un uomo che ha dedicato la sua vita al bene della comunità guardiese. Parole contenute in una lettera che la moglie ha inviato al Presidente del consiglio comunale e parole cariche di emozione nell’intervento del Sindaco e dei Consiglieri Carlo Falato e Michele Foschini, che ne hanno ricordato le qualità di bravo mediatore ed infaticabile lavoratore.

È iniziato così il primo Consiglio Comunale successivo all’emergenza Covid-19, tenutosi lunedì 25 maggio, presso la Sala consiliare del Comune di Guardia Sanframondi, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza: distanza interpersonale di 1 mt, garantita da una nuova disposizione di banchi e sedie nell’aula consiliare, misurazione della temperatura corporea a cura dei volontari della Protezione civile comunale prima dell’ingresso, utilizzo di guanti e mascherina per i componenti del consesso.

All’ordine del giorno, la ratifica di due delibere di Giunta Comunale, aventi ad oggetto variazioni d’urgenza di bilancio relative agli artt. 112, 114 e 115 D.L. 18/2020 e il Rinnovo dell’Adesione alla Stazione Unica Appaltante istituita presso la Provincia di Benevento.

Ma ciò che ha determinato una più larga partecipazione ed un costruttivo dibattito è stato il secondo punto all’o.d.g., dopo la ratifica dei verbali della seduta precedente, rubricato “Misure per fronteggiare emergenza Covid19 – Fase 2. Proposte operative”.

Il dibattito è stato articolato in due momenti: uno scenario sulle azioni già messe in campo dall’Amministrazione Comunale e successivamente l’esposizione di proposte e programmi per affrontare al meglio la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

Innanzitutto, un excursus di quanto già realizzato, a cura del Sindaco Floriano Panza, degli Assessori Elena Sanzari, Giovanni Ceniccola, Morena Di Lonardo e Silvio Falato e del Consigliere delegato alla Sanità Giulia Falato. Quest’ultima ha passato in rassegna le iniziative di stampo sociale poste in essere nella fase 1, cui hanno preso parte numerose associazioni guardiesi, riunitesi nel gruppo “Guardia non si ferma” (“Vox Fidei”, “Pro Loco Guardia Sanframondi”, “Acli Guardia”, “Associazione Culturale Nuovo Laboratorio Teatrale Guardia Sanframondi”, “Gli amici del cuore”, “Misericordia”, “Padre Pio il Tralcio”, Parrocchia “Santa Maria Assunta San Filippo Neri”, “Nucleo di Protezione Civile di Guardia Sanframondi”, “Outside The Box” e “U.N.A.C. Sezione di Guardia Sanframondi”, cui è seguita la creazione di una omonima piattaforma web, che ha registrato migliaia di visualizzazioni ed è stata valido strumento di informazione, supporto e vicinanza alla popolazione. Le diverse iniziative hanno posto un’attenzione particolare alle fasce deboli della comunità, attraverso l’attivazione di un conto corrente dedicato ove fare donazioni e della “Spesa SoSpesa”, grazie alla quale beni di prima necessità sono arrivati a diverse famiglie in difficoltà, per concentrarsi poi sui più piccoli, cui sono stati consegnati uova di cioccolato, fogli, pastelli e piantine, tutto grazie alla generosità di anonimi donatori ed al lavoro volontario di associazioni locali, in primis Misericordia, Protezione Civile  e Pro Loco di Guardia Sanframondi.

La vicinanza, nella prima fase, dell’ente comunale alle attività commerciali e di ristorazione messe a dura prova dalla crisi ha trovato estrinsecazione in atti deliberativi urgenti relativi a: disponibilità alla concessione gratuita di spazi pubblici, sanificazione dei locali a totale carico dell’Ente, proroga tr4ibuti, 200 buoni spesa, fitti agevolati, ecc..

La necessità di guardare avanti e pensare ad una ripartenza per l’economia locale e per l’intero territorio ha spronato la nascita di proposte operative che si pongono l’obiettivo di contribuire a darvi slancio e nuovo vigore.

Senza dubbio, rilevanti le indicazioni provenienti dall’Assessore al Bilancio Silvio Falato e dall’Assessore all’Igiene e Ambiente Giovanni Ceniccola circa gli aiuti in termini di agevolazioni economiche e fiscali, come la riduzione dell’IRPEF e della Tassa sui rifiuti (TARI), che si intendono garantire alle attività commerciali e di ristorazione che hanno subìto nei mesi passati lo stop forzato del Governo, unitamente alla possibilità di riduzione dell’IMU per gli agricoltori, suggerito dal Consigliere Carlo Falato.

L’aiuto alle attività che hanno subìto maggiori danni in conseguenza dell’emergenza Covid-19, come sottolineato dall’Assessore al Turismo Morena Di Lonardo, passa anche attraverso il bisogno di lanciare campagne di sensibilizzazione affinché innanzitutto il cittadino locale scelga di consumare nel proprio paese, unitamente alla necessità di favorire un rilancio del turismo e dell’incoming, attraverso una piattaforma online specifica che faccia da vetrina per il territorio e permetta di prenotare un pranzo, una cena, una degustazione presso le strutture ricettive/di ristorazione e le cantine guardiesi ed usufruirne anche in un momento successivo, ricevendo in cambio servizi aggiuntivi gratuiti da parte dell’ente comunale.

Il Sindaco Floriano Panza, intervenuto più volte nel corso della seduta consiliare, ha posto innanzitutto l’accento sul grande lavoro svolto durante la fase più critica dell’emergenza, che ha visto un grande spirito di solidarietà da parte di privati cittadini, cantine, attività commerciali, associazioni locali, per poi sottolineare l’importanza di lanciare una vera e propria “politica dei borghi”, che faccia della tecnologia, delle infrastrutture informatiche e della connessione veloce gli strumenti per una ripartenza duratura e per un futuro veramente “smart”, anche al di là dell’emergenza Covid-19.

Non sono mancate, ad opera dell’Assessore alla Pubblica Istruzione Elena Sanzari, riflessioni sulla situazione scolastica, che dall’inizio dell’emergenza si svolge secondo la modalità della didattica a distanza e deve prepararsi per una ripartenza in aula a settembre. A seguito di calcoli e valutazioni compiuti dall’ufficio tecnico comunale, è risultato che, posta la necessità di garantire il distanziamento interpersonale di 1 mt tra gli studenti, le strutture che ospitano le scuole di Guardia Sanframondi sono sufficienti ad ospitare l’intero numero di alunni iscritto. Un incontro tra la dirigenza scolastica, il Responsabile della Sicurezza e l’Amministrazione Comunale è stato fissato per il 28 maggio p.v., al fine di discutere ed individuare congiuntamente le linee da seguire in vista della riapertura degli edifici scolastici, in sicurezza.

Una seduta consiliare, dunque, concreta e ricca di spunti di azione e che ha permesso un reale confronto su tematiche importanti e senz’altro contingenti.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.