Quando c’era solo il cinema

0

E in quegli anni c’era solo lui a Telese, il Cinema di Peppe Assini, lì dove ora c’è una bella palazzina con un negozio dal nome inglesizzante, a pochi metri dall’incrocio di Via Roma con la via per il lago. Quando c’era il Cinema non si chiamava Via Turistica del lago, era poco più di una stradina, con il fondo in terra battuta piena di pozzanghere e sassolini, all’angolo delle vetrine di Graziano, ricolme di giocattoli.

Per le lunghe serate d’inverno il Cinema Assini era, con i Bar, l’unico locale di divertimento del paese.

Ci accoglieva con le sue poltroncine in legno e il pavimento ricoperto da un tavolato. L’ arrivano i nostri  dei western coincideva con il ritmo dei nostri piedi battuti sul pavimento in legno per accompagnare il galoppo dei cavalli lanciati contro gli indiani, sempre perdenti.

Dietro allo schermo c’era il palcoscenico, per serate di intrattenimento live.  Su quelle tavole e fra quelle quinte si esibì per la prima volta, nel 1957, la Filodrammatica “La Dilettante”, Compagnia teatrale di giovani telesini guidati dal “regista” Raffaele De Crescenzo. Si esordì con la commedia “Le Pistrine”, ambientata nell’antica Roma e fu la prima di una storia di successi.

(https://aldomaturo.blogspot.com/2012/04/e-fu-il-tempo-del-teatro.html

Una grande bacheca in legno, posta al Quadrivio lì dove i primi platani accompagnavano alle terme, ospitava le locandine che annunciavano i film. Romantici, storici, di guerra, comici, il repertorio si ripeteva di settimana in settimana e un’ occhiata a quella bacheca era un rito giornaliero. Le prime “gigantografie” con Brigitte Bardot, dall’aria provocante e il mezzo busto mozzafiato, fecero epoca.

D’estate apriva l’altro locale, l’ Arena Bagni, cinema all’aperto a pochi passi dall’ingresso delle terme, a confine con l’Albergo e il Ristorante Pagliarella. E’ stato spazzato via da una nuova strada e solo qualche rudere in tufo ne testimonia ancora l’esistenza.

L’Arena era circondata da un muro alto pochi metri e sul fondo in terra battuta erano allineate tutte le sedie con i listelli in legno, suddivise per lato destro e lato sinistro da un corridoio centrale. La sera c’era sempre qualcuno che arrivava prima per “occupare” le sedie in attesa degli amici e parenti ritardatari.

In attesa del film e tra il primo e secondo tempo girava il venditore di caramelle, dolcetti, gomme da masticare, ceci e semi di zucca. Personaggio storico a Telese, girava tutto intorno con il banchetto poggiato sullo stomaco, invitando all’acquisto con il suo mantra “Caramelle-lle-lle-le”.

Lo schermo in muratura dava le spalle al viale e sovrastava  il cancello d’ingresso e il botteghino, collegato all’esterno da due fori nel muro per pagare e ritirare il biglietto. 

Circa mezz’ora prima dell’inizio del film partivano gli altoparlanti  che, ad alto volume, intervallavano l’annuncio del titolo del film con le più belle canzoni dell’epoca, riprodotte sul giradischi a 78 giri. “Malafemmina” piaceva particolarmente al gestore e le sue note riempivano il viale più volte nella serata.

Già dai giorni prima, però, una vecchia 500 B girava il paese e dalle trombe Geloso poste sul tettuccio si poteva ascoltare tutta la programmazione della settimana.

Le serate all’Arena Bagni sono rimaste ammantate da romanticismo e nostalgia, con l’indimenticabile spettacolo offerto dal film e dal cielo notturno puntellato di stelle.

Poi venne lui, il Cinema Modernissimo. Un nome, un programma. In breve azzerò praticamente gli altri due. Bello, moderno, elegante con le sue poltroncine,  la policroma sala di ingresso, la suddivisione tra Platea e Galleria. Fu un prima e un dopo, un passaggio epocale per Telese e il segno che la comunità stava passando velocemente da paese a cittadina.

Aldo Maturo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.