Desiderio di Verità

0

In questa epoca di esaltazione della scienza, di pragmatismo sociale e di relativismo culturale in cui le interpretazioni soggettive ed emozionali cercano di sostituire le analisi oggettive e positive dei fatti, quale posto occupa la Verità nella sfera individuale e collettiva dell’uomo?

Da un lato assistiamo ad una elaborazione degli accadimenti sempre più personali, alla esaltazione della post-verità, dall’altro riscontriamo un bisogno sempre più crescente e profondo di  principi veri di per sé a cui far riferimento nel cercare di dare significato all’esistenza.

L’uomo contemporaneo è all’affannosa ricerca di Verità, di un principio, di un raggio con cui pensare e tracciare la perfetta circonferenza della propria vita; avverte in bisogno di  “qualcosa” di eternamente valido, non contingente o effimero , a cui agganciare la sua vita nel tentativo di darle un senso che non deluda, che non si dissolva con il cambiare delle condizioni sociali, individuali, politiche e culturali;  qualcosa che in questo assurdo, incomprensibile e mutevole mondo sia come una bussola che indichi il prezioso Nord.

Abbiamo un desiderio, un bisogno vitale di credere e ci aggrappiamo al primo “mago” che incontriamo come il principe di John Fowles

Il principe e il mago

C’era una volta un giovane principe che credeva in tutte le cose tranne che tre. Non credeva nelle principesse, non credeva nelle isole, non credeva in Dio. Il re suo padre gli diceva che queste cose non esistevano. Siccome nei domini paterni non vi erano ne’ principesse ne’ isole ne’ alcun segno di Dio, il principe credeva al padre.
Ma un bel giorno il principe lasciò il palazzo reale e giunse al paese vicino. Quivi, con sua grande meraviglia, da ogni punto della costa, vide delle isole e, su queste isole, strane e inquietanti creature cui non si arrischiò di dare un nome. Stava cercando un battello, quando lungo la spiaggia gli si avvicinò un uomo in abito da sera, di gran gala.
“Sono vere isole, quelle?”, chiede il giovane principe.
“Certo, sono vere isole”, rispose l’uomo in abito da sera.
“E quelle strane e inquietanti creature?”.
“Sono tutte genuine e autentiche principesse”.
“Ma allora anche Dio deve esistere!”, gridò il principe.
“Sono io Dio”, rispose l’uomo in abito da sera con un inchino.
Il giovane principe tornò a casa al più presto.
“Eccoti dunque di ritorno”, disse il re, suo padre.
“Ho visto le isole, ho visto le principesse, ho visto Dio”, disse il principe in tono di rimprovero.
Il re rimase impassibile.
“Non esistono né vere isole né’ vere principesse né un vero Dio”.
“Ma è ciò che ho visto!”.
“Dimmi com’era vestito Dio”.
“Dio era in abito da sera, di gala”.
“Portava le maniche della giacca rimboccate?”.
Il principe ricordava che erano rimboccate. Il re rise.
“E’ la divisa del mago. Sei stato ingannato”.
A queste parole il principe tornò nel paese vicino e si recò alla stessa spiaggia dove s’imbatte’ di nuovo nell’uomo in abito da sera.
“Il re mio padre mi ha detto chi sei”, disse il principe indignato.
“L’altra volta mi hai ingannato, ma non m’ingannerai ancora. Ora so che quelle non sono vere isole né vere principesse, perché tu sei un mago”.
L’uomo della spiaggia sorrise.
“Sei tu che t’inganni, ragazzo mio. Nel regno di tuo padre vi sono molte isole e molte principesse. Ma tu sei sotto l’incantesimo di tuo padre e non le puoi vedere”.
Il principe tornò a casa pensieroso. Quando vide il padre, lo fissò negli occhi.
“Padre, è vero che tu non sei un vero re, ma solo un mago?”
Il re sorrise e si rimboccò le maniche.
“Si, figlio mio, sono solo un mago”.
“Allora l’uomo della spiaggia era Dio”.
“L’uomo della spiaggia era un altro mago”.
“Devo sapere la verità, la verità dietro la magia”.
“Non vi è alcuna verità, dietro la magia”, disse il re.
Il principe era in preda alla tristezza . Disse: “Mi ucciderò”.
Il re, per magia, fece comparire la morte. Dalla porta la morte fece un cenno al principe. Il principe rabbrividì. Ricordò le isole belle ma irreali e le belle ma irreali principesse.
“Va bene”, disse, “riuscirò a sopportarlo”.
“Vedi, figlio mio, disse il re, “adesso anche tu sei diventato un mago“. (Da The magus di John Fowles. )
                                                                                              

 Angelo Mancini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.