Faicchio: comunicato di ‘Rinascita popolare’

0

Con un documento protocollato alle ore 10.30 presso il Comune di Faicchio da parte del capogruppo di minoranza Cocozza Filippo, viene stigmatizzato il rinvio della Conferenza dei Capigruppo per assenza del Presidente del Consiglio Comunale e del Sindaco. “Dopo che è stata concordata telefonicamente la conferenza per la stesura dell’ordine del giorno tra il Presidente del Consiglio e i capigruppo, stamane, purtroppo, era presente solo il dott. Lavorgna in qualità di capogruppo di maggioranza, rendendo di fatto nulla l’assemblea.” Al riguardo è utile considerare che l’articolo 8 dello Statuto del Comune di Faicchio al comma 3.6 prevede che la Conferenza dei Capigruppo deve essere partecipata dal Sindaco e dal Presidente del Consiglio Comunale, senza che questi avessero diritto di voto. “Questa è la dimostrazione di come il Consiglio Comunale di Faicchio viene rallentato nella propria attività dalla mancata presenza del Presidente Ferruci. Inoltre è opportuno rilevare che sono QUATTRO MESI che il Consiglio non viene convocato, evidente indice dell’andamento amministrativo dell’attuale Maggioranza.” – questo è quanto dichiarato da Cocozza dopo il rinvio della conferenza, il quale ha continuato: “Il sindaco sapeva dei suoi impegni Istituzionali, pertanto poteva differire la data di convocazione della conferenza dei capigruppo evitando disagi per il Consiglio Comunale chiamato, tra l’altro,  ad approvare il Bilancio Consuntivo 2014.

Data l’importanza del tema posto in discussione ed essendo il Comune di Faicchio sotto la vigilanza della Corte dei Conti, per via del Piano di Riequilibrio, mi sarei aspettato una sensibilità istituzionale diversa da parte del Sindaco e del Presidente del Consiglio che nella realtà non c’è stata.

Vedere il capogruppo di maggioranza condividere le mie stesse considerazioni e non sottoscrivere il documento, in cui si richiede una nuova convocazione nei modi e nei termini stabiliti dalla Legge, solo per rispetto del gruppo che rappresenta, è stata una vera mortificazione nei confronti prima degli elettori che rappresenta e poi per il ruolo istituzionale che ricopre.” – conclude Cocozza – “Spero che venga riconvocata in tempi brevi la conferenza e si passi alla stesura dell’ordine del giorno nel più breve tempo possibile, perché, oltre al termine perentorio del 30 di Aprile per l’approvazione del bilancio Consuntivo, la comunità ha bisogno di un maggiore impegno da parte di questa amministrazione che molto spesso risulta essere distaccata e lenta nell’affrontare le problematiche quotidiane.”

Cocozza Filippo