Visita a Bruxelles

0

Oggi, lunedì 19 gennaio, la classe primo classico internazionale è partita per il primo stage dell’anno scolastico che prevede la visita alla città belga di Bruxelles,e nella giornata di domani, al Parlamento Europeo.
Partiti da Ciampino (RM) siamo arrivati a Bruxelles e subito siamo rimasti colpiti dal meraviglioso effetto creato dal modo in cui edifici antichi e moderni si sposano insieme in modo perfetto! La sintonia ‘del vecchio e del nuovo’.
La nostra guida turistica, Giselle, ci ha accolto affettuosamente e ci ha portato a fare un tour della città sulla nostra navetta privata.
In questo breve ma intenso e meraviglioso giro ci ha proposto la storia di questa bellissima città.
Ci ha spiegato che il Belgio è uno Stato federale diviso in tre regioni e che Bruxelles é composta da diciannove comuni. Le tre lingue ufficiali del Belgio sono il francese, l’olandese e il tedesco e, dunque, non esiste una lingua belga.
Siamo rimasti molto affascinati da ciò che ci ha mostrato la guida, ad esempio il Palazzo Reale,  la Cathédrale de St Michael et St Gudula, molto simile alla cattedrale Notre Dame di Parigi, ma che si differenzia da quest’ultima per alcuni elementi caratteristici; proseguendo il nostro tragitto abbiamo visto anche l’Atomium, una costruzione enorme e spettacolare che rappresenta i nove atomi di un cristallo di ferro. Inoltre abbiamo attraversato quartieri affascinanti e testimoni di culture diverse, che si incontrano e si confrontano per creare una perfetta realtà e un delicato equilibrio.
Abbiamo poi attraversato la Galeries Royales Saint-Hubert o de la Reine, che fece costruire il re Umberto per segnare un confine netto tra ricchi e poveri dato che per scendere dai loro  palazzi alla Grande Place non volevano passare nei quartieri degli operai; l’ingresso alla galleria, infatti, era a pagamento per non essere accessibile a tutti.
Infine abbiamo potuto appunto ammirare la ‘Grande Place’ , la piazza centrale della città, circondata dalle corporazioni, dall’Hôtel de Ville e dalla maison du Roi. È generalmgente considerata una delle più belle piazze del mondo. In una strada laterale alla piazza si trova il Manneken-Pis, simbolo dell’indipendenza di spirito degli abitanti di Bruxelles; è tradizione offrire al Manneken-Pis abiti in occasioni speciali.
Una parte importantissima dei giorni dei cittadini sono i bar e i locali caratteristici, dove si svolge la vita quotidiana quando il tempo non permette altro, cosa che succede spesso per il clima della regione; noi vediamo quasi sempre il sole, il loro cielo invece è spesso grigio ma, come ha detto la guida, ‘Le soleil que nous n’avons pas dans le ciel, nous l’avons dans le coeur!’.

Festa Chiara
Petretti Francesca
Santillo Isabella

………………………………………………………….

Citoyens d’Europe 

L’Europa è stato il tema principale del nostro  secondo giorno qui a Bruxelles. L’itinerario della giornata è stato  molto intenso e istruttivo ed é iniziato con la visita al Parlamento  Europeo guidati dal dottor Abele Benevento, che ci ha fatto da Cicerone  nella nostra prima avventura all’interno dell’organo Europeo. Appena  siamo giunti all’esterno dell’edificio siamo stati colpiti  dall’imponenza e dalla bellezza di quel luogo rimanendo tutti  affascinati ed entusiasti di essere lì e sentirci “cittadini Europei”. Quando siamo entrati all’interno dell’edificio ci hanno fornito spiegazioni sulle attività che si svolgono nel Parlamento Europeo. In quel momento abbiamo avvertito l’importanza dell’esistenza dell’Unione Europea, che ci permette sempre di aprirci  a nuove esperienze. Dopo questa introduzione siamo giunti dinanzi alla postazione dove si svolgono le interviste ai parlamentari. Mentre passeggiavamo nell’atrio del Parlamento abbiamo avuto la fortuna ed il piacere di incontrare l’Onorevole Nicola Caputo rappresentante della Regione Campania. Durante l’incontro abbiamo discusso del nostro futuro. In seguito siamo entrati nella sala Parlamentare dove si riuniscono tutti i rappresentanti delle nazioni per discutere delle questioni inerenti all’Europa. Abbiamo anche assistito ai lavori di una commissione europea. Usciti dal Parlamento, abbiamo raggiunto il Parlamentarium che invita i visitatori a scoprire tutto ciò che rende unico il Parlamento europeo, esso infatti é un vero e proprio viaggio nella storia dell’Unione Europea che ci ha permesso di approfondire le nostre conoscenze in questo campo. Inoltre, sempre guidati dal nostro Cicerone, abbiamo visitato Piazza Schuman considerata il centro dell’Europa poiché vi si trova la sede della Commissione Europea. Infine ci siamo recati all’Ufficio Rappresentante della regione Campania dove il dottor Benevento ci ha illustrato le attività di cui si occupa e del suo carattere di trait d’union tra Bruxelles e la Campania. Questa esperienza coinvolgente e avvincente ha permesso a noi studenti di immergerci nel ruolo di un deputato del Parlamento Europeo e vivere personalmente momenti essenziali del lavoro politico aprendoci nuove visuali con la speranza che un giorno anche noi avremo l’opportunità di sedere tra i deputati.

fotogallery

 Calderoni Nicole,  Di Lunardo Federica, Iannelli Pasqualina  

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.