Protesta al consiglio comunale di Limatola

0

Non sono serviti i tanti interventi dei Prefetti e gli appelli. Finanche le richieste di consiglio elaborate con tanto impegno dalla minoranza su temi vitali per il paese, come le scuole, il servizio idrico, l’occupazione e la crisi economica, la raccolta rifiuti, lo staff del sindaco ed il futuro dei dipendenti comunali, gli sprechi e l’efficienza dei servizi comunali, sono state banalizzate e rese inutili dal mancato accesso agli atti.

Per la Tares c’è voluto il ricorso al TAR, con il comune che è stato condannato ed il sindaco, dopo un ennesimo ricorso, mi ha inviato solo parte della documentazione.

Ma torniamo al consiglio di lunedì 27 ottobre, convocato su richiesta della minoranza per discutere sull’alienazione del chiosco bar l’ottagono attraverso l’esercizio del diritto di prelazione, avvenuto (a parere dell’opposizione) in contrasto con il regolamento approvato con delibera di consiglio comunale n° 10 del 24.4.2013.

Nemmeno stavolta è stato possibile avere l’accesso agli atti. Subito dopo l’appello ho chiesto la parola ed ho letto un documento, poi allegato alla delibera, in cui preciso di aver chiesto, a suo tempo,  l’accesso agli atti indispensabili per lo svolgimento dell’attività istituzionale per preparare la proposta per il consiglio odierno.  Ma i documenti non sono stati messi a disposizione. Ho rimarcato che la mancata conoscenza di documenti essenziali incide sulla consapevolezza della proposta di deliberazione su cui è chiamato ad esprimere il voto, tanto da condizionare negativamente le prerogative del consigliere.

Alla fine ho  abbandonato l’aula.

Per la cronaca il consiglio si è poi svolto (si fa per dire) tra le ulteriori inutili richieste  di atti e licenze edilizie dell’altro consigliere di minoranza, che alla fine ha proposto di rinviare l’argomento. Ma la maggioranza in maniera compatta ha bocciato il rinvio. Tanto è chiaro che senza la conoscenza degli atti amministrativi, nessuna proposta deliberativa si può fare.

A questo punto sembra essere chiaro che a Limatola ci sono consiglieri comunali di serie A e quelli di serie B.

Per le Istituzioni è più di un campanello d’allarme.

 Pietro Di Lorenzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.