Aggiornamento sull’iter di redazione del PUC di San Salvatore Telesino

2

Nella serata del 7 ottobre scorso, nella sala del consiglio del comune, si è svolto un incontro fra i tecnici di San Salvatore Telesino e l’Amministrazione, presente anche il progettista del piano, ing. Ferrigni.

L’incontro è stato introdotto dal Sindaco Romano, che ha ricordato che la bozza delle norme di attuazione del nuovo PUC era stata inoltrata tempo addietro ai tecnici perché potessero proporre le loro eventuali osservazioni, senza riceverne alcuna senza citare, però, l’intervento della consulta ambientale pubblicato su vivitelese).

Il sindaco ha comunque affermato che l’amministrazione è aperta ad ogni suggerimento e contributo, e che punta a uno “sviluppo armonico” del territorio, senza lasciar spazio a palazzoni e speculazioni edilizie (“abbiamo dato direttive precise in tal senso al redattore del piano”).

A suo giudizio, il nostro paese non è stato ancora “invaso” dal cemento, e sarebbe intendimento di quest’amministrazione che così continui ad essere, correggendo anzi qualche errore del passato (riferimento all’area industriale diffusa, anzi dispersa, senza alcuna regola sul nostro territorio? Oppure a qualche palazzone che si sta arrampicando sulla Rocca?).

Peccato che poi l’intervento dell’ing. Ferrigni, confermando quanto abbiamo potuto leggere nelle Norme di Attuazione da lui proposte, al di là delle frasi di circostanza, abbia sostanzialmente smentito le parole del sindaco, ribadendo con chiarezza che il modello al quale si è ispirato è quello della vicina Telese, che ha un piano regolatore generale che, dagli anni ‘90 ad oggi, ha consentito di edificare a dismisura un numero spropositato e sproporzionato di “palazzoni”, con appartamenti e negozi certamente “tipici” (della speculazione edilizia), peraltro quasi sempre di pessima qualità, e che oggi nessuno vuole o può più acquistare o affittare.

E peccato che, successivamente,nel corso dello stesso incontro, anche il vicesindaco Iacobelli sia intervenuto a sostegno del progettista per “mettere sul tavolo” la sua esperienza professionale con il piano regolatore di Telese, e per evidenziarne gli effetti, a suo giudizio positivi, sull’economia.

D’altra parte, l’ing. Ferrigni aveva affermato chiaramente che ha seguito gli indirizzi forniti dall’amministrazione e, in particolare, ha “enunciato” due principi:

1) “mentre gli interventi sui piccoli lotti saranno liberalizzati al massimo, quelli che superano una certa soglia dovranno essere attentamente controllati”;

2) “le aree necessarie per la realizzazione di strutture pubbliche dovranno essere cedute al comune senza oneri per l’amministrazione, sfruttando il meccanismo della perequazione e con il riconoscimento di adeguati “premi” ai costruttori.

Noi, però, non abbiamo trovato traccia del primo “principio” negli indirizzi programmatici ufficiali che gli sono stati forniti (delibera di Consiglio Comunale n. 53 del 3 dicembre 2010), e anche sul secondo abbiamo le nostre perplessità, peraltro condivise dalla stessa Amministrazione, come emerso nel successivo incontro del 17 ottobre.

In generale il contrasto fra gli indirizzi programmatici di cui alla delibera sopra citata e le Norme di Attuazione proposte dal’ing. Ferrigni è eclatante, così come lo è il mancato recepimento delle disposizioni che il Piano Territoriale di Coordinamento della provincia di Benevento fornisce, in particolare per il territorio della Valle Telesina.

Lo stesso ing. Ferrigni aveva comunque aggiunto che dovranno essere tutelate le risorse del territorio (Telesia, il sistema collinare e corridoio ecologico di Monte Acero, Rocca Pugliano – Grassano), ma non nel senso che sarà vietato ogni intervento, bensì con l’obiettivo di favorire la realizzazione di B&B, bar, ristoranti, …

E’ ancora importante ricordare che l’ing. Ferrigni ha riferito che il piano non prevede aree per l’edilizia economica e popolare (che sarebbero obbligatorie in una certa percentuale), e che piuttosto saranno concessi premi in volumetria alle cooperative e imprese che realizzeranno interventi di “edilizia sociale”.

Si è anche accennato al “fabbisogno” di edilizia abitativa che sarà indicato e regolamentato nel piano. A tale proposito, l’ing. Ferrigni ha parlato di un calcolo complesso, che si è impegnato a divulgare al più presto, basato sulla normativa nazionale e regionale, sul PTCP e su “calcoli” tipici della tecnica urbanistica (derivati, fra l’altro, dall’andamento demografico).Ha riferito che lui fornirà indicazione di un minimo e di un massimo di tale “fabbisogno” (qualcuno ha “azzardato” 300 – 500 uu.ii.), ma ha detto che comunque si tratta di limiti non vincolanti (e in effetti le sue N.A. non prevedono alcun argine al cemento!).

Se non abbiamo capito bene qualcosa, l’ing. Ferrigni potrà ovviamente intervenire per smentirci o chiarire il suo pensiero.

Intanto cerchiamo di entrare un po’ più nel dettaglio delle Norme di Attuazione, impostate sul concetto di “carico urbanistico” con limiti di edificazione basati sull’“unità immobiliare” (di grandezza indefinita: massimo 200 mq per le abitazioni, …), e che prevedono la possibilità di realizzare 2 U.I. praticamente su ogni lotto, indipendentemente dalla sua estensione, più la sopraelevazione, sempre di 2 U.I., di ogni edificio esistente, e così via cementificando.

Nelle zone di “espansione edilizia” sono inoltre previsti carichi urbanistici a nostro avviso insostenibili (fino a 35 U.I. per ettaro, cioè fino a 25.000 mc/ha o al 70% della superficie del lotto !!!), oltre la conservazione o il raddoppio, in qualche caso, di quelle preesistenti, più l’incremento virtuale della superficie fondiaria da considerare per il calcolo del carico urbanistico!), una serie di premi, compensazioni, deroghe, … che rendono in realtà  impossibile da stimare il carico urbanistico effettivo che queste Norme di Attuazione rischiano di “scaricare” sul territorio di San Salvatore Telesino, con conseguenze inaccettabili sul paesaggio e sulla vivibilità e quindi sull’attrattiva turistica del nostro territorio, ma anche sul valore degli immobili già esistenti, sulla capacità di produzione agricola del nostro territorio, sulla sicurezza degli edifici e sull’assetto idrogeologico, …

Qualcuno ha opportunamente anche fatto presente che capacità edificatorie così “spinte” assegnate ai terreni, ne fanno lievitare sicuramente il valore (teorico), avendo come conseguenza immediata un’imposizione fiscale che potrebbe costringere molti a svendere (magari a costruttori con grande liquidità da investire).

Al momento non esiste (dicono) un disegno di piano, quindi non si conosce l’estensione e la posizione delle varie zone (l’ing. Ferrigni, all’inizio del suo intervento, aveva infatti detto di voler condividere  le regole prima di “disegnare” il piano), e dunque è anche impossibile prevederne il reale impatto sul territorio. Tuttavia, anche con un’interpretazione minimale, abbiamo già stimato una “ricaduta” potenziale di diversi milioni di metri cubi di cemento.

Per inciso ricordiamo anche che tempo addietro (settembre 2013), il sindaco si era impegnato con la consulta ambientale a fornire degli aggiornamenti sulle questioni relative alle cave presenti sul territorio: al momento non ha ancora dato seguito a tale impegno,ma ora, nelle norme di attuazione (articolo 40), leggiamo invece che sono previste “zone per industrie estrattive”, previa “concessione” “subordinata alla stipula di una convenzione”: data la delicatezza della materia, crediamo sia necessario qualche chiarimento in proposito!

Alcuni di noi erano presenti all’incontro del 7 ottobre in qualità di tecnici, ma comunque in rappresentanza di Cittadini in Movimento, e coerentemente con le opinioni già più volte espresse e le richieste fatte in passato alle ultime tre amministrazioni, abbiamo espresso tutto il nostro disaccordo, sia rispetto al metodo che rispetto al contenuto della bozza in discussione. E in particolare abbiamo cercato di evidenziare l’assoluta inconciliabilità fra gli indirizzi programmatici e le parole del sindaco, con la proposta dell’ing. Ferrigni. A nostro avviso il “principio regolatore” indicato dal progettista del piano, ovvero l’“autoregolazione ha già fatto troppi danni a Telese, e non può e non deve essere esteso a San Salvatore, nemmeno con i “correttivi” che lo stesso Ferrigni ha riferito essere necessari.

Abbiamo insistito nel ricordare che anche a San Salvatore esistono decine di appartamenti nuovi già finiti che nessuno acquista o affitta, e altre decine in costruzione, per non parlare delle fabbriche abbandonate.

Misure per “valorizzare” il centro storico (ne abbiamo ancora uno?), discussioni su altezze e distanze fra i fabbricati e dai confini, “visuale libera”, parcheggi pubblici da cedere o “monetizzare” e altri tecnicismi urbanistici sono stati alcuni degli altri aspetti tecnico-giuridici delle norme proposte che sono stati oggetto di discussione con l’ing. Ferrigni che, su alcuni dettagli, si è impegnato ad approfondire le questioni sollevate e a proporre delle modifiche all’amministrazione, ammettendo comunque già in quella sede alcune “non conformità” con le disposizioni del vigente Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (P.T.C.P.).

Da parte nostra, come abbiamo sostenuto anche recentemente nell’ambito dei lavori della consulta ambientale (peraltro non ancora convocata per il richiesto confronto), abbiamo insistito nel sostenere che il PUC dovrebbe consentire solo “interventi di trasformazione compatibili con le esigenze di salvaguardia delle risorse naturali, paesaggistico-ambientali, agro-silvo-pastorali e storico-culturali del nostro territorio, regolamentando in modo sostenibile le trasformazioni fisiche e funzionali ammissibili nelle singole zone del territorio comunale” …, rispettando le norme di riferimento nazionali e regionali e il PTCP (si veda per esempio l’articolo 94 delle relative N.A.) vigenti, e limitando l’ulteriore consumo di suolo e in particolare l’utilizzo di aree agricole ad alta produttività per abitazioni inutili e insediamenti “industriali e artigianali”, fatti salvi gli interventi realizzati dai coltivatori fino al completo utilizzo delle strutture già esistenti.

Dopo circa 4 ore di discussione l’incontro è stato chiuso con l’impegno dell’amministrazione a proseguire il confronto.

Ovviamente avevamo confermato la nostra disponibilità, auspicando però che nel frattempo vi fosse, da parte del sindaco e dei consiglieri di maggioranza, una profonda riflessione, dopo un’attenta rilettura del documento presentato dall’ing. Ferrigni, cercando di immaginarne tutte le conseguenze, e che quindi, con una diversa consapevolezza, si potesse lavorare ad un totale ripensamento, con l’avvio di un vero e trasparente confronto con i cittadini.

Un nuovo incontro con i tecnici è stato poi effettivamente convocato per il 17 ottobre, e in tale occasione il sindaco e il vicesindaco hanno recepito alcune delle osservazioni e proposte emerse nel dibattito, come la necessità di eliminare, o almeno chiarire e circoscrivere, alcune “deroghe” contenute nelle N.A., e da noi evidenziate, rispetto a disposizioni legislative e/o la pianificazione di livello superiore  – piano territoriale regionale e piano territoriale di coordinamento provinciale – di cui per conto nostro abbiamo chiesto il pieno rispetto, sia per impedire con misure concrete la devastazione del territorio ad opera della speculazione edilizia sia per evitare di ricevere poi dei rilievi che comporterebbero ancora altri ritardi nell’approvazione definitiva del PUC.

D’altra parte, tutti i presenti sono stati sostanzialmente concordi nel ritenere necessarie delle limitazioni rispetto alla concessione di maggiore flessibilità nell’applicazione delle norme urbanistiche di carattere generale, circoscrivendo la tipologia dei “piccoli interventi” per i quali tali deroghe siano applicabili (case unifamiliari, singole unità immobiliari e relative pertinenze), in modo da favorire soprattutto il recupero e la valorizzazione del patrimonio edilizio già costruito. Si è convenuto anche sull’opportunità di eliminare il concetto di carico urbanistico riferito all’unità immobiliare proposto dall’ing. Ferrigni, per tornare agli indici di fabbricabilità che meglio consentono di controllarlo e indirizzarlo.

Inoltre è stata condivisa la necessità di circoscrivere e possibilmente restringere la zona agricola a vocazione artigianale (c.d. “zona industriale”), individuando anche degli strumenti amministrativi che obblighino al riuso dei capannoni dismessi/abbandonati prima di consentire la realizzazione di ulteriori volumetrie con tale destinazione d’uso, anche con incentivi fiscali e premialità per le attività che intendessero spostarsi dall’esterno del perimetro della zona industriale all’interno della stessa.

L’incontro del 17 ottobre fra i tecnici e l’amministrazione, quindi, pur con qualche “scontro” dialettico troppo energico, è stato positivo, costituendo un passo avanti verso una maggiore condivisione di uno strumento di gestione e governo, ma anche di “controllo” del territorio, che è fondamentale e avrà un impatto determinante per il futuro del nostro paese, da qui ai prossimi 20-30 anni.

Sempre nel corso dello stesso ultimo incontro del 17 ottobre è stato oggetto di riflessione un concetto espresso dall’ing. Ferrigni, e cioè che l’insieme di condizioni, vincoli, procedure, prescrizioni e meccanismi delle norme di attuazione, è volto a conseguire un sistema di “auto-regolazione”che dovrebbe essere applicato in blocco, e che ogni modifica di singole norme all’interno del blocco ne comprometterebbe l’efficacia complessiva.

Per quanto ci riguarda, questo non può essere certo un ostacolo, e riteniamo che non debba essere esclusa la possibilità di ripensare completamente l’impostazione progettuale del Piano; anzi, proprio questo è il nostro obiettivo, e a tal fine, è fondamentale che nei prossimi incontri, che l’amministrazione si è impegnata a convocare a breve, sia coinvolto anche l’ufficio tecnico comunale, affinché possa contribuire con la sua esperienza specifica e la conoscenza del territorio, ad approfondire ulteriormente tutti gli aspetti del piano, evidenziando ulteriori criticità rispetto a quelle già segnalate dai tecnici fino ad ora intervenuti,  fornendo il proprio parere in merito, e, a valle di tutto il processo di confronto e condivisione, possa predisporre opportunamente un documento da inviare all’ing. Ferrigni con le richieste di modifica che saranno state decise.

Insistiamo, inoltre, per il coinvolgimento di altre categorie di cittadini (commercianti, agricoltori, associazioni, …) e soprattutto dei cittadini più giovani, degli studenti e dei loro insegnanti, con interventi opportunamente coordinati nelle scuole. D’altra parte siamo convinti che i cittadini stessi si debbano attivare in prima persona per essere coinvolti nella pianificazione del proprio territorio.  Le idee, le aspettative, i bisogni e i sogni dei nostri bambini e ragazzi sono un contributo irrinunciabile per individuare le scelte più giuste da fare.

Pierluigi Santillo

Per ‘Cittadini in Movimento Laboratorio di Cittadinana Attiva

2 Commenti

  1. E’ necessario, con il contributo di tutti , riuscire a fare un buon Piano Urbanistico per il nostro Comune . Un PUC condiviso da tutti i cittadini , da tutte le categorie : dei lavoratori , degli studenti , dei giovani e dei giovanissimi degli anziani e delle casalinghe , tutti devono condividere le scelte e tutti devono avere dal nuovo PUC garantita un’opportunità di sviluppo e di sana crescita, perseguendo tutti insieme, nessuno escluso un uso democratico del territorio, che tenga conto delle esigenze e delle legittime aspettative di tutti .
    Un PUC condiviso anche con le Amministrazioni dei Comuni vicini al fine di condividere le attrezzature pubbliche e le Zonizzazioni di aree per le attività produttive, ed anche la programmazione per la promozione turistica del territorio e la tutela e la valorizzazione dei beni culturali.
    In merito alla partecipazione dell’Ufficio tecnico comunale agli incontri perché : con la sua esperienza specifica e la conoscenza del territorio, può essere utile ad approfondire ulteriormente tutti gli aspetti del piano, evidenziando ulteriori criticità , è vero e sono certo dell’utilità dell’UTC.
    Come sono certo che questo contributo può egregiamente essere dato anche dall’esperienza dei tanti tecnici che realmente e lealmente quotidianamente operano sul territorio, ed inoltre ognuno di loro con la propria esperienza può testimoniare di quanto l’UTC è utile a tal fine.
    A riprova vi rimando a quando scriveva il compianto sindaco Pacelli, uomo di grande cultura e sensibilità , di sicuro grande conoscitore dei suoi polli, in un appunto allegato agli elaborati tecnici del vigente PRG “ordinava” :

    “Il piano Regolatore deve sempre essere custodito da Gioconda
    (l’impiegata dell’ufficio protocollo) ogni volta che viene usato dall’Ufficio Tecnico deve subito essere restituito”.
    firmato Salvatore Pacelli.

    Quest’ordine è stato attuato fino alla prematura scomparsa del compianto sindaco.
    Quale pensiero lo preoccupava, per dare tale disposizione? Perché l’UTC doveva subito restituire alla signora dell’ufficio protocollo lo strumento base per lo svolgimento della sua attività?

    Forse perché quel sindaco amava la sua terra e conosceva bene i suoi polli!

    Leucio Iacobelli

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.