San Salvatore: Discutere il Piano Urbanistico Comunale

1

LETTERA APERTA  a Fabio Massimo L. Romano e Leucio Antonio Iacobelli  (rispettivamente, sindaco e vice-sindaco p.t.del comune di S. Salvatore Tel.)  Dopo l’ultimo incontro pubblico di alcuni mesi fa (con messaggio di posta elettronica del 23 luglio scorso inviata ad alcuni tecnici di San Salvatore Telesino)è stata divulgata una nuova bozza delle norme di attuazione del prossimo P.U.C. (leggi: parte 1, parte 2 e parte 3).

La mail, firmata l’“Amministrazione comunale”, riferiva che successivamente si sarebbe svoltoun incontro per valutare le eventuali osservazioni dei tecnici destinatari. Da allora nessun’altra notizia è pervenuta, né l’ufficio comunale competente ha altri documenti o informazioni, né allo stesso ufficio è stato chiesto dall’Amministrazione di esprimere un parere preventivo.

Ebbene, dopo quasi 8 anni di “lavoro” (l’iter è stato avviato con la delibera di Giunta n. 179 del 20.12.2005 e la successiva determinazione n. 69 del 28.03.2006 dell’Area tecnica-manutentiva del Comune di San Salvatore Telesino), il tecnico incaricato della redazione del piano, prof. Ing. Ferruccio Ferrigni, propone ancora una volta la versione“riveduta e corretta” delle Norme vigenti nel comune di Telese Terme che tanti disastri hanno provocato.

In mancanza di tutti gli altri elaborati (regolamento edilizio, disegno di piano, …), è anche difficile fare osservazioni o valutazioni nel merito; tuttavia, come consulta ambientale, essendo rimaste prive di riscontro le precedenti richieste fatte all’assessore all’ambiente, riteniamo indispensabile unconfronto con il Sindaco ed il Vice Sindacosu una questione di fondamentale importanza per il futuro del nostro paese.

Da sempre chiediamo che tutte le scelte rilevanti per l’intera cittadinanza siano indirizzate, in modo motivato e documentato, alla tutela dell’interesse pubblico e del bene comune. Abbiamo la convinzione di poter dare un utile contributo anche e soprattutto nella procedura di redazione del PUC, nella quale, peraltro, si misura l’effettiva e concreta volontà di un’Amministrazione di individuare la strada migliore per garantire partecipazione e tutela dell’ambiente(entrambi punti “qualificanti” del programma elettorale prima e di “governo” poi di questa maggioranza), contribuendo alla individuazione e corretta valutazione di tutti gli elementi significativi da tenere in considerazione (andamento demografico, offerta e domanda di nuove abitazioni, individuazione delle risorse, andamento delle attività economiche presenti sul territorio, persistenza di una crisi economica italiana e non solo,necessità di nuovi servizi, …).

Vogliamo che nel nostro paese sia impedita quella devastazione del territorio per soli fini speculativi che si è verificata in altri comuni, anche vicinissimi a noi(e in parte già anche a San Salvatore Telesino), con problemi e storture edilizie e urbanistiche i cui risultati sono e resteranno a lungo sotto i nostri occhi. Le speculazioni edilizie devono essere rese irrealizzabili e dovranno essere introdotti sistemi di regolazione e controllo dell’attività edilizia tali da disincentivare costruzioni a mero scopo di lucro.Vogliamo inoltre che siano tenute in considerazione tutte le novita’ e gli obblighi a livello locale in materia di edilizia sostenibile (risparmio energetico, uso di fonti rinnovabili, risparmio idrico, riuso del patrimonio edilizio con valorizzazione delle abitazione esistenti).

In ogni caso il P.U.C., come abbiamo ripetutamente chiesto, avrebbe dovuto essere redatto solo a valle di un percorso di vera partecipazione, dopo aver fissato insieme ai cittadini, gli obiettivi e le linee di indirizzo del piano.

In mancanza di tale confronto, a nostro avviso le Norme di Attuazione proposte dal Prof. Ferrigni devono essere abbandonate e riscritte completamente (peraltro non sembrano affatto conformi nemmeno al Piano di Coordinamento Territoriale Provinciale), a meno chequesta amministrazione non voglia ricadere deliberatamente negli stessi errori già commessi a Telese Terme, con centinaia di alloggi invenduti e altre centinaia in costruzione che avranno lo stesso destino (problema già evidente anche a San Salvatore), solo per soddisfare le “aspettative” di tecnici, imprese e poco lungimiranti proprietari di fondi.

Riteniamo quindi che il Puc di San Salvatore Telesino debba prevedere e consentire solo interventi di trasformazione compatibili con le esigenze di salvaguardia delle risorse naturali, paesaggistico-ambientali, agro-silvo-pastorali e storico-culturali del nostro territorio, regolamentando in modo sostenibile le trasformazioni fisiche e funzionali ammissibili nelle singole zone del territorio comunale.

In Italia il tasso di crescita demografica è bassissimo (quel poco che c´è è dovuto prevalentemente agli immigrati), eppure il cemento consuma molto più suolo che in tutto il resto d’Europa. Dunque è doveroso difendere il territorio e il paesaggio (come scritto anche nella Costituzione) da speculazioni edilizie che non rispondono a reali richieste di nuovi alloggi e che spesso hanno il solo scopo di riciclare i proventi di attività illecite.

In particolare il P.u.c. dovrebbe indicare precise e rigide regole per la tutela e valorizzazione del paesaggio agrario attraverso la classificazione dei terreni agricoli, vietando l’ulteriore utilizzo di aree agricole ad alta produttività per insediamenti produttivi, fatti salvi gli interventi realizzati dai coltivatori diretti o dagli imprenditori agricoli, e consentendo la costruzione solo di case unifamiliari.

Ciò che maggiormente si contesta oggi, con il “senno di poi”, a Salvatore Pacelli, è di aver consentito, anzi stimolato, la realizzazione, senza alcuna regola né garanzia, di decine di capannoni inutili che hanno deturpato le nostre campagne. All’epoca pochi avevanola consapevolezzanecessaria per evidenziare i rischi di quella politica che anzi, ai più, sembrava lungimirante.Oggi, invece, voinon potete ignorare le esperienze negative richiamate e la diversa sensibilità che la cittadinanza esprime rispetto alla gestione del territorio.

Vi chiediamo, quindi, un incontro urgente con la Consulta Ambientale.

Pierluigi Santillo  per la Consulta ambientale  di San Salvatore Telesino

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.