Dei delitti e delle pene. Diritti umani e nuova etica

0

Nel  1764 a Livorno, in forma anonima, veniva pubblicato  “Dei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria, un “libriccino” che aveva promosso “non solo l’abolizion della tortura, ma la riforma di tutta la legislazion criminale”, come avrebbe  acutamente osservato alcuni decenni dopo Alessandro Manzoni nella sua  “Storia della colonna infame” (cap. III).  Manzoni era  nipote di Beccaria, figlio della figlia Giulia, ma questo non inficia il suo giudizio, largamente condiviso dagli studiosi e dalle persone colte del suo tempo.

Sono passati 250 anni dalla pubblicazione di questo trattato che si presenta sempre più di drammatica attualità, visto  l’ alto numero di Stati che ancora pratica con sistematicità l’uso della “morte di stato” e della tortura come mezzo per  “estorcere”  la verità.

Le pagine che più frequentemente vengono richiamate sono quelle relative alla pena di morte che Beccaria dimostra  “né utile, né necessaria”  e quelle contro la tortura:  “un uomo non può chiamarsi reo prima della sentenza del giudice”  e  “la tortura non divenga il crogiuolo della verità”. Accanto a questi temi noti ai più, ve ne sono altri che sono alla base della pacifica convivenza e della legalità: il diritto,  la giustizia, non è un accessorio ma l’essenza stessa di uno Stato.

Sant’Agostino nella Città di Dio  afferma: «Bandita la giustizia, che cosa sono i grandi imperi se non bande di briganti che hanno avuto successo? E che cosa sono le bande di briganti, se non imperi in embrione?».
Questo è il punto fondamentale che  distingue uno Stato dai clan criminali: non  il numero di gendarmi, ma la giustizia

Il successo del libro fu enorme, grazie anche a Voltaire che lo fece conoscere in tutta l’Europa, tanto che nel 1786 il Granducato di Toscana, primo stato al mondo, eliminò la pena di morte e la tortura dal suo ordinamento penale.

Per la prima volta uno Stato, un monarca, si spogliava del suo plurisecolare diritto di vita e di morte sui suoi sudditi per attribuirlo al suo legittimo proprietario, l’individuo stesso. Per la prima volta veniva riconosciuto il diritto inalienabile  alla vita da parte di ogni uomo; per la prima volta il comandamento  “Non uccidere” veniva sancito anche da una legge laica considerandolo un delitto più atroce del delitto stesso, come afferma  Dostoevskij  ne  “ L’Idiota”: “L’omicidio, ordinato da una sentenza, è molto più atroce che non l’omicidio del malfattore. Colui che viene assalito dai  briganti e sgozzato di notte in un bosco o in qualsiasi altro modo,  sino all’ultimo istante spera certamente di salvarsi. Ci sono esempi di persone che, con il coltello già piantato in gola, speravano ancora, o fuggivano o chiedevano pietà. Ma nel caso della ghigliottina, questa estrema speranza, che rende la morte dieci volte più lieve, viene radicalmente soppressa; qui esiste una sentenza, esiste la certezza dell’impossibilità di sfuggirle, e questa certezza  è di per se stessa un supplizio peggiore di qualsiasi altro”.

Dei delitti e delle pene solleva ancora oggi riflessioni profonde e si inserisce in un dibattito più ampio relativo alla costituzione di un’etica planetaria della responsabilità e alla mai superata questione dei diritti fondamentali di ogni essere umano.

A tale proposito l’IIS Telesi@ organizza il convegno  “Cesare Beccaria, 250 anni da  Dei delitti e delle pene. Diritti umani e nuova etica” il 22 maggio 2014, alle ore 17,00 presso la biblioteca dell’istituto,  in Viale Minieri.

Gli interventi saranno a cura di

  • Cristina Ciancio, Unisannio,  Dei delitti e delle pene. Le origini del moderno diritto penale tra ragione e sentimento;
  • Silvio D’Aloia, Giudice di pace, Il Processo Penale innanzi alla Magistratura Onoraria
  • Salvatore Esposito, Mediteranneo sociale scarl, Una nuova responsabilità. Economia civile, diritti e costituzione
  • Carmine Collina, IIS Telesi@, L’archeologia pubblica e l’etica della responsabilità
  • Felice Casucci, Unisannio-Fondazione Gerardino Romano, Da Beccaria a oggi: la libertà nel processo.

Il piccolo trattato di Cesare Beccaria che  “scrisse meno di tutti, ed ebbe fama più di tutti” (Luigi Settembrini) ancora oggi è una miniera inesauribile di osservazioni , di prospettive di riforma , di rivendicazioni dei diritti ed  è “in morale quel che sono in medicina quei poche farmaci che potrebbero alleviare i nostri mali”(Voltaire).

 Carmine Collina e Angelo Mancini

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.