Cerreto: contributo per lavori presso il Museo della ceramica

0

Comune di Cerreto Sannita Assessorato alla Cultura.  Con D.D, n. 149 del 08/06/2012 il Comune di Cerreto Sannita ha ottenuto un contributo per lavori da eseguire presso il Museo della ceramica cerretese. La somma di Euro 40.002,60 doveva essere impegnata per adeguare la parte seminterrata del Museo, esistente solo come struttura e mai completata.

Il reperimento di un finanziamento molto più sostanzioso che consentirà di completare l’intera struttura come centro POLIFUNZIONALE, struttura che tanti problemi ha creato al Cantinone per le continue infiltrazioni d’acqua, hanno consigliato di impegnare altrove le modeste disponibilità, soprattutto per adeguare lo spazio espositivo del Museo stesso, vista la continua richiesta di locali per esposizione di manufatti e per manifestazioni artistiche.

Ecco quindi che la necessità impellente di reperire altri spazi espositivi sicuri e protetti dalle intemperie ha determinato nell’Amministrazione la scelta di organizzare in due ali del Chiostro nuovi locali espositivi, semplicemente chiudendo alcuni finestroni con vetrate a lastra unica per renderle il meno impattive possibile.

Tutto in accordo con la Soprintendenza ai BB.AA. di Caserta ed in piena armonia con la programmazione TRIENNALE della Regione Campania, Enti che già hanno tempestivamente approvato la variante. Gli interventi che si intende realizzare sono quindi finalizzati ad una riqualificazione tecnico-funzionali di parte del chiostro, indispensabile per raggiungere l’obiettivo di migliorare, il più possibile, le strutture museali ed i relativi servizi.  Strutture che proprio ieri hanno ricevuto in visita ufficiale il V.Presidente per l’Italia Centrale dell’AICC  Cesare Baccelli ed il delegato Slow Food di Empoli Enrico Roccato, accompagnati dal V. Presidente per l’Italia Meridionale Dr. Lucio Rubano. Il giudizio? “…uno dei Musei più belli delle Città della Ceramica”.

I nuovi interventi di Ristrutturazione del Museo, con ADEGUAMENTO degli spazi esterni esistenti sono così sintetizzabili:

chiusura di 8 finestroni  con vetro antivandalismo posizionato all’interno e con il telaio completamente mascherato dalle mazzette dei finestroni stessi;
Chiusura interna, con vetrate in parte apribili (n.2), in modo da avere un locale ad L  utilizzabile separatamente e con accessi dall’interno del chiostro stesso.
Ripresa della pittura delle pareti di tutto il chiostro, in quanto destinato ad esposizioni estemporanee;
Fornitura e posa in opera di binario  con incorporato il sistema di illuminazione per appendere ed illuminare le opere esposte.
Manutenzione dell’impianto elettrico ed antintrusione, per migliorare la sicurezza globale del Museo.

I lavori  consentiranno di ottenere una serie di risultati, ovvero:

consentire al museo di migliorare la sicurezza delle esposizioni, anche temporanee, che attualmente e periodicamente si tengono nel chiostro ed esposte, purtroppo, alle inclemenze del tempo che crea, in caso di temporali, vortici di acqua e vento dannosi per gli oggetti esposti;
migliorare gli standards funzionali ed incrementare la fruizione degli spazi museali per l’utenza, anche in una logica di sostenibilità economica delle strutture interessate;
innalzare la qualità delle prestazioni del museo, nell’ottica di garantire un processo di crescita mirato alle peculiarità della istituzione museale che rappresenta realmente uno strumento di rafforzamento dell’offerta culturale esistente sul territorio.

I lavori, che inizieranno a breve, si concluderanno per Pasqua e i nuovi locali ospiteranno per l’occasione una personale ceramica di 4 artisti campani, sotto la direzione del Prof. Tonino Maddonni, Direttore del MARCON.

      L’Assessore alla Cultura  Arch. Lorenzo Morone

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.