Ad un anno dall’apertura del Museo ….

0

Ad un anno dall’apertura del Museo della Ceramica, avvenuta il 27 ottobre 2012, il bilancio è nettamente positivo. E’ quanto traspare dai dati ufficiali sulle visite al Museo ed alle bellezze storico-artistiche di Cerreto Sannita che l’Amministrazione Comunale ha pubblicato.

Nello specifico da ottobre 2012 ad oggi hanno visitato il museo circa 3.500 visitatori tra cui:

  • 500 alunni di scuole locali e/o provenienti dalla Campania;
  • i Rotary Club della Valle Telesina e di Ancona; l’Associazione Italiana Biblioteche Campania; i delegati al Congresso Nazionale del movimento “Fermare il Declino”; i soci dell’Assemblea Nazionale “Città dell’Olio”; il Lyons Clubdi Benevento; i Docenti dell’Università di Scienze Turistiche “IREDA” di Napoli;
  • il Master internazionale “Erasmus Mundus” , guidato dalla Prof.ssa Arch. Marina Fumo;
  • Il Direttore del Museo di Siviglia ed il Prof. di Storia dell’Arte dell’Università Siviglia Dr. Alfonso Pleguezuelo, attualmente Responsabile dell’allestimento delle Collezioni Ceramiche della Fonfazione Cubelckiaen di Lisbona e il Prof. Carlos Petit dell’Università di Huelva;
  • I soci del Touring Club Italiano con le manifestazioni di Bandiera Arancioni e l’edizione Plein air ;

Sono state poi formalizzate le collaborazioni con vari tour Operator, tra cui l’Agenzia viaggi Mazzone di Benevento e con strutture alberghiere interessate ai flussi turistici, tra cui il Grand’Hotel di Telese Terme. Tanti visitatori e appassionati sono poi giunti dai più svariati posti d’Italia. Il tutto grazie ad una forte sinergia attivata dall’Ufficio Promozione Turistica, istituito da soli due anni dal Comune di Cerreto Sannita con le altre Istituzioni, Associazioni ed operatori del settore locali e non.

Il Sindaco Dr. Pasquale Santagata con soddisfazione registra il successo delle iniziative di qualità “ci abbiamo creduto fin dall’inizio del nostro mandato, e questi risultati confermano che avevamo visto giusto”.

Il  Consigliere delegato Caterina Meglio “puntare sul turismo di qualità significa rafforzare l’offerta culturale della nostra città. Dobbiamo continuare ad investire sulle nostre risorse e dobbiamo rafforzare le collaborazioni con i privati. La valenza di Cerreto Città dell’Olio, Città della Ceramica, Bandiera Arancione  e altro, comincia a dare i primi e concreti risultati. Siamo sulla strada giusta.

“Un riconoscimento per il lavoro svolto, alla dedizione, va all’Ufficio di promozione preposto alla valorizzazione delle nostre bellezze storico-artistiche”.

Il Conservatore Prof. Giuseppe Zoschg  “ con il Museo Civico e della Ceramica non è stato avviato solo un processo per conferire carattere di sistematicità al patrimonio culturale di Cerreto ma anche una sfida per dare contenuto alla necessità di riconoscimento identificativo di se stessa e della sua storia. Ringrazio l’Amministrazione per la fiducia accordatami e L’Ufficio di promozione per la preziosa collaborazione”.

L’Assessore alla cultura Lorenzo Morone mette invece in evidenza lo sforzo fatto per “professionalizzare” il servizio di accoglienza. Basti pensare che i volontari hanno seguito un corso di aggiornamento non solo sulla “cultura” Cerretese, ma anche sulle regole turistiche, approfondimenti che hanno visto la partecipazione anche di docenti Universitari. Resta ora lo scoglio più duro: riuscire a gestire le altre strutture Museali Cerretesi (Arte Contemporanea e Arte Sacra, già esistenti, Civiltà Rurale e Museo Archeologico da allestire. La Pro Loco ed il Forum danno una mano, ma la gestione deve essere comunque comunale. Altro scoglio da risolvere è il circuito virtuoso tra Musei, Beni Architettonici (Chiese) ed operatori commerciali del settore (Alberghi, ristoranti, botteghe artigiane, produttori di olio, latticini, carni etc). Sarà dura, ma con la buona volontà di tutti si può riuscire a trasformare la cultura in economia. L’individualismo tipico degli artigiani non porta da nessuna parte!”

Lorenzo Morone

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.