A Follonica di scena i master M2 e M3

0

Il maestro di judo Salvatore Di Paola ha partecipato con la squadra regionale al 5° strage internazionale , Grand Prix Master di judo riservato agli atleti M2 dai 36 ai 40 anni e M3 dai 41 ai 45 anni. Della rappresentativa facevano parte Claudio Santoro e Fabio Tranfaglia dell’Olimpic Center Judo di Telese Terme e Pasquale Iacomino di Torre del Greco.

Tante le Nazioni presenti al Grand Prix di Follonica, tra cui Germania, Svizzera e Belgio. Nella categoria M2 il primo a scendere sul tatami è stato Claudio Santoro, cat. fino a 81 Kg. Il judoka di Apice ha dimostrato una buona tecnica di base e ha affrontato i suoi avversari con sicurezza e capacità di mettere in pratica i consigli del maestro Di Paola. Santoro ha vinto il primo avversario, per poi andare ai recuperi per effetto di una sconfitta al secondo turno. Alla fine ha conquistato un buon terzo posto sul podio delle premiazioni.

E’ stata poi la volta di Pasquale Iacomino nella categoria fino a 66 Kg. L’atleta di Torre del Greco nella rappresentativa campana si è disimpegnato molto bene sul tatami e ha collezionato 3 vittorie per poi subire la sconfitta solo in finale. Un ottimo secondo posto che arricchisce il palmares di un combattente di razza.

Infine Fabio Tranfaglia nella categoria M3 fino a 66 Kg. ha trionfato conquistando una vittoria di assoluto prestigio internazionale. L’allievo del maestro Di Paola ha sconfitto 3 atleti in un girone all’italiana che comprendeva anche il rappresentante della Germania. Tranfaglia ha vinto tutti gli incontri per ippon, vale a dire prima del termine. Un successo che innalza a livello internazionale lo spessore di un judoka davvero di ottimo livello e che raccolto le congratulazioni dei tanti addetti ai lavori presenti a Follonica.

Enorme la soddisfazione di maestro e allievi per una spedizione che ha portato a casa ben tre medaglie.

Nella foto da sx: Iacomino – Tranfaglia – Santoro

Salvatore Di Paola

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.