Cerreto Sannita: “commemorazione a 325 anni dal terremoto del 1688”

1

Nel tardo pomeriggio di mercoledì 5 giugno 2013, è prevista la commemorazione dei tanti cerretesi che morirono a causa del disastroso terremoto del 5 giugno 1688.L’iniziativa, curata dalla Società Operaia di Cerreto Sannita, avrà inizio alle ore 19,00 con un  corteo che partirà da Piazza Roma alla volta della vicina Contrada San Giovanni. Alle ore 19,30 nella chiesetta di San Giovanni si terrà la Santa Messa di Suffragio celebrata dal parroco della collegiata di San Martino don Edoardo Viscosi.

Alla Messa seguirà  una lettura delle testimonianze dei superstiti, tratte da saggi storici e atti notarili dell’epoca, per comprendere meglio come vissero i nostri antenati quei tragici momenti.

La scelta di commemorare le vittime del terremoto nella chiesetta rurale di San Giovanni è  dovuta al fatto che questo piccolo edificio di culto fu uno dei pochi a salvarsi dalla furia distruttrice del  sisma, tanto che per diversi mesi funse poi da chiesa parrocchiale.

L’esatto numero dei cerretesi che morirono a causa del terremoto non lo si conosce. Secondo lo storico Vincenzo Magnati, vissuto nella seconda metà del XVII secolo, a Cerreto le vittime furono ben quattromila. Questa cifra è confermata da un atto notarile del 1744 e da un’annotazione del Libro dei morti della Collegiata di San Martino laddove si legge che “oltre tremila anime morirono sotto le rovine del terremoto”. Recentemente Renato Pescitelli nel suo saggio “Palazzi, Case e Famiglie cerretesi nel XVIII secolo”, basandosi sulle relazioni vescovili, ha fissato il numero delle vittime cerretesi in duemila.

Il terremoto del 5 giugno 1688 riveste nella storia di Cerreto Sannita una particolare importanza, non solo per la sua funesta portata, ma anche perché questo evento distruttore segnò l’abbandono del vecchio insediamento medievale e la nascita dell’attuale abitato, caratterizzato da una pianta regolare frutto del progetto del regio ingegnere Giovanni Battista Manni.

Tutti sono invitati a partecipare.

Adam Biondi

1 commento

  1. Il bacino del Monte Alto è ubicato in una delle fasce a più alto tasso di sismicità della penisola italiana.

    Nel passato, nei comuni limitrofi al suddetto sito, ed in particolare nei territori di Morcone, Pontelandolfo, Casalduni, Guardia Sanframondi, Cerreto Sannita, Civitella Licinio e Pietraroja, si verificarono due terremoti devastanti, ossia:

    – l’evento tellurico del 5 dicembre 1456;
    – l’evento tellurico del 5 giugno 1688.

    E’, inoltre, interessante ricordare che, il 5 luglio 2009, si verificò un forte nubifragio, nei comuni della Valle Telesina, soprattutto nei comuni di Guardia Sanframondi e di Cerreto Sannita, che comportò consegue relative a strade e campi allagati, torrenti in piena, rami spezzati, tombini in tilt, ma soprattutto danni a vigneti e ad altre colture causate in particolare da una violenta grandinata con chicchi di grandi dimensioni.

    Se è vero, infine, che in natura nulla avviene a caso, ma tutto accade secondo ragione e necessità, è davvero singolare che le suddette date siano così ricorrenti.
    Daniela Santagata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.