Imprese, lavoro, territorio: proposte concrete di sviluppo

0

I cittadini protagonisti del cambiamento. Nella sala convegni del ristorante Esclusivitè, si comincia con l’introduzione di Pietro Di Lorenzo, che rilancia le proposte ed apre l’incontro con l’imprenditore Vito Campagnuolo di Nashira hard metals. L’azienda limatolese ha annunciato, anche attraverso un filmato le sue strategie ed un prossimo investimento in tecnologie innovative. Per presentare il sindaco di Camigliano (per configurazione ed abitanti abbastanza simile a Limatola) si è fatto ricorso ad un altro video. Vincenzo Cenname, primo cittadino di Camigliano, è infatti protagonista di numerose iniziative nel campo dei rifiuti, con utilizzo di risorse innovative e di forte impatto sociale ed  economico. Cenname ha  spiegato il bilancio partecipato e la buona politica di contenimento degli sprechi per raggiungere una piena efficienza dell’organizzazione comunale.

Voce poi al territorio, con Pina D’Angelo che da giovane dirigente ha parlato di Limatola e  della sua azienda denunciando le difficoltà  burocratiche e la mancanza di infrastrutture in un territorio che appare come vero nemico di chi produce. Giovanni Iannucci si è soffermato sulla necessità di essere uniti e lottare per voltare finalmente pagina. Alfonso Ciervo di Confagricoltura ha introdotto il tema della salvaguardia del territorio che è stato gravemente danneggiato da discariche e da opere inutili. Luigi Bocchino di Autonomia Sud  ha affrontato i temi della buona politica e denunciato i ritardi della regione campania. Ha preso la parola Domenico Forgione del sindacato CISAL, il quale ha precisato l’importanza  di mettere insieme forze produttive e sociali per affrontare meglio le sfide programmate, che sono la crescita, l’occupazione e l’innovazione.

Il vicepresidente della Camera di Commercio Antonio Campese ha confermato la disponibilità dell’Ente Camerale a sostenere con atti concreti le serie proposte di un territorio come Limatola, che negli ultimi anni ha subito gravissimi danni derivanti soprattutto dalla cattiva politica. Per il futuro i cittadini e le imprese devono finalmente diventare protagonisti.

Tra il pubblico erano presenti amministratori comunali, tra cui Vincenzo Di Cerbo e Vincenzo Ciervo di Dugenta, Clemente Cecere Palazzo di Bonea. Tanti gli  imprenditori, gli artigiani ed i cittadini che nella ex Svizzera del Sud (così era chiamata Limatola ai tempi del boom economico), che da veri protagonisti in sala,  hanno dichiarato la loro espressa di volontà di essere finalmente artefici del cambiamento. Imprese lavoro territorio, quindi insieme per lo sviluppo.

Pietro Di Lorenzo, presidente della commissione anticrisi del Comune di Limatola, nei prossimi giorni articolerà insieme al gruppo di lavoro, le concrete proposte operative.

Limatola, 23.4.2013

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.