Fausto e Iaio: il recupero della loro storia

1

“Il 18 marzo del 1978-due giorni dopo il rapimento di Aldo Moro e la strage di via Fani-furono uccisi,a Milano,due giovani militanti di sinistra, Fausto Tinelli e Lorenzo Iannucci (Iaio). Dopo molti anni,si è riconosciuto che i due compagni-legati in vita e in morte-furono vittime del terrorismo,all’interno di quella strategia della tensione in cui forze reazionarie e antipopolari utilizzarono tutti i più violenti e sanguinari strumenti per impedire che ,nel nostro paese,si avviasse una stagione di rinnovamento profondo e di attuazione della Carta Costituzionale,conquistata dalla Resistenza. Non a caso,le bandiere dell’ANPI accompagnarono le due vittime,in un immenso corteo funebre,teso e compatto,nell’abbraccio a Fausto e Iaio e ai loro ideali di giustizia e di eguaglianza.

Iaio era telesino:la famiglia era emigrata a Milano; il papà era operaio alla Innocenti. Avevamo,da troppo tempo,un debito -morale e politico- verso Fausto e Iaio:il recupero della loro storia e la riflessione,inevitabile,sul rapporto tra quegli anni e il presente e il futuro da costruire. Ecco il significato centrale che intendiamo proporre,a 35 anni dalla uccisione di Fausto e di Iaio”.

Con queste parole il Presidente dell’Anpi Sannio è lieto di presentare il convegno-dibattito, organizzato dall’Anpi sezione Telese Terme, in collaborazione con l’IIS Telesi@ e con il patrocinio morale del Comune di Telese Terme, che si terrà lunedì 18 marzo, a partire dalle ore 10:00 a Telese Terme, viale Minieri (lato stazione), nell’aula magna del Polo Tecnologico dell’IIS Telesi@. Prenderanno la parola Nuccio Franco, giornalista e scrittore, Antonio Conte, Presidente dell’Anpi Sannio e docente di storia, Pasquale Carofano, Sindaco del Comune di Telese Terme, Domenica Di Sorbo, Dirigente dell’IIS Telesi@. Coordinerà i lavori Alessandro Liverini, Anpi Telese Terme. A seguire sarà deposta una corona di fiori presso i “Giardinetti Fausto e Iaio” (giardinetti delle scuole elementari di Telese Terme). Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

 Alessandro Liverini 

1 commento

  1. Ho conosciuto Lorenzo. Era mio compagno di giochi n’copp a Chiesa (il ns.quartiere) quando con la sua famiglia tornava da Milano per le vacanze estive. Apprezzo molto l’iniziativa. Per non dimenticare!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.