Sindaci da mandare in Texas!

1

Marilina Mucci  per il Comitato NoTriv Sannio. Il Comitato NoTriv Sannio  esprime forte preoccupazione per come diversi amministratori stanno affrontando il problema delle ricerche di idrocarburi nella nostra  provincia. L’appello promosso dal professore Cicchella e dal comitato non ha ricevuto risposta da alcune amministrazioni locali e intanto il tempo passa e le procedure vanno avanti. Desta in noi  stupore  e perplessità il disinteresse  degli amministratori  che non hanno ritenuto di dover rispondere a dei cittadini preoccupati  per il loro territorio preso di mira  dalle  lobby petrolifere, come non hanno ritenuto di dover amministrare con attenzione e competenza il bene comune.  Non si possono considerare buoni amministratori coloro che  dichiarano di non essere stati informati  delle autorizzazioni richieste, scaricano  la responsabilità su altri ma continuano a non attivarsi  per  impedire la devastazione dei nostri territori,  nonostante da mesi varie associazioni e comitati li sollecitino ad  intraprendere tutte le possibili azioni di contrasto.

Sono tre i progetti di ricerca già autorizzati dal Ministero dello Sviluppo Economico :   Pietra  Spaccata – Santa  Croce  – Nusco,  ed un altro progetto  denominato Case  Capozzi  è in attesa di autorizzazione.

La mobilitazione dei comitati ha  sortito la tardiva presa di posizione di qualche sindaco  e della Provincia, che ha finalmente annunciato di voler ricorrere al Tar ed incontrare i sindaci. Ci auguriamo che i sindaci latitanti rispondano perlomeno alle sollecitazioni della Provincia.

Alcuni  amministratori hanno preferito incontrare la Delta Energy per farsi  spiegare il progetto e le ricadute sul territorio! Invece di incontrare chi ha tutto l’interesse a minimizzare l’impatto economico e allettare con improbabili ritorni economici, non bastava  semplicemente   documentarsi  su ciò che è successo e sta  succedendo nella  vicina Basilicata?

La Val D’Agri, che ha accettato di aderire a progetti di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi del tutto analoghi a quelli proposti per il Sannio e l’Irpinia, negli ultimi tre decenni ha visto un forte aumento dell’emigrazione giovanile e della disoccupazione, un evidente degrado ambientale e un aumento delle patologie legate all’inquinamento del suolo e delle falde acquifere.

Non bisogna poi dimenticare l’impatto che un simile progetto potrebbe avere su una zona ad elevato rischio sismico.

Alcuni docenti e ricercatori  dell’L’Università del Sannio ci hanno  confermato i rischi geoambientali  che   correrebbe   il  nostro territorio derivanti sia delle indagini preliminari che da quelle più devastanti delle successive  trivellazioni.

Il petrolio presente in Italia  è scadente, in qualità ed in quantità, ed è difficile da estrarre perché  posto in profondità. E’ saturo di impurità sulfuree che vanno eliminate il più vicino possibile ai punti estrattivi. Questo fa sì che ci sia bisogno di infrastrutture ad hoc: pozzi, centrali di desolforazione, oleodotti, strade, porti petroliferi, industrializzazione di aree che sono al momento quasi tutte agricole, boschive, turistiche. Non dimentichiamo gli abbondanti materiali di scarto prodotti dalle trivellazioni – tossici, difficili e costosi da smaltire – con tutti i business più o meno legali che ci girano attorno.

Nonostante le cementificazioni dei pozzi e l’utilizzo di materiale isolante negli oleodotti, tali strutture, con il passare degli anni,  presentano cedimenti strutturali, anche lievi, dovuti al logorio, alle pressioni, allo stress meccanico, inquinando l’acqua del sottosuolo e danneggiando gli ecosistemi con elevati costi di ripristino.

Cosa importa allora sapere se sotto la nostra terra c’è oro  nero? Dopo non ci sarà più nulla da fare: saremo invasi da cantieri, autobotti, tubature! La terra stessa sarà proprietà esclusiva delle compagnie petrolifere.

I  sindaci  sono  la massima  autorità locale  di  protezione  sanitaria   sul territorio: non possono accettare passivamente la distruzione dell’ambiente e della salute dei territori che amministrano.

La ricerca del petrolio e le trivellazioni rispondono ad una logica di sviluppo che si è manifestata fallimentare. La crisi che stiamo vivendo è la crisi di questo modello di sviluppo basato proprio sul petrolio e che ha distrutto risorse e diritti in nome del profitto di pochi. Il nostro territorio, pur martoriato e danneggiato, dovrebbe essere valorizzato per la sua vocazione agricola ed ambientale e promosso come modello alternativo. Questo e non altro dovrebbe essere a cuore dei nostri amministratori!

Noi vogliamo un altro modello di sviluppo,  una valorizzazione dell’agricoltura e del paesaggio, la difesa delle risorse naturali e delle condizioni di vita, la sostenibilità. Non abbiamo bisogno del petrolio. Non abbiamo bisogno di  “far durare per un  altro decennio” questo modello ormai in crisi.

Ed abbiamo bisogno di più democrazia e diritti. Le comunità coinvolte non avrebbero il diritto di saper cosa si decide per il loro territorio e con quali prospettive? Quale dei sindaci interessati ha informato  i propri cittadini su quanto sta avvenendo? C’è bisogno di maggiore coinvolgimento della popolazione e di azioni incisive per riuscire a contrastare la definitiva distruzione del nostro territorio.

Chiediamo pertanto ai sindaci di organizzare incontri con i cittadini ed i comitati per informarli,  e di attivarsi per quanto di loro competenza,  sgomberando il campo  dagli equivoci  e dai tatticismi,  per bloccare le indagini preliminari richieste dalle compagnie petrolifere. Una volta  ottenuta  l’autorizzazione alle indagini preliminari, automaticamente  si  da’ loro il lasciapassare per le  successive fasi  esplorative ed estrattive.

E’  fondamentale,  quindi ,  che i sindaci inviino le necessarie ed urgenti osservazioni alla Regione, ed appoggino il ricorso al Tar promesso dalla Provincia. Potrebbero anche di mostrare la loro reale volontà di opporsi con la convocazione dei  rispettivi Consigli comunali, aperti alla cittadinanza, per promuovere ed approvare delibere che dichiarino la netta opposizione alla ricerca di idrocarburi sui loro territori e decidere quali iniziative intraprendere insieme ai loro cittadini.

Non vogliamo essere l’ennesimo territorio da depredare. Vogliamo preservare la nostra acqua, la nostra aria e, soprattutto, la nostra possibilità di uno sviluppo sostenibile, giusto, rispettoso dell’ambiente e delle persone. Se qualche sindaco è affascinato dallo sfruttamento dell’oro nero, se ne vada spontaneamente in Texas, prima  che vi sia mandato di forza dai suoi cittadini.

Noi vogliamo il Sannio verde non nero!

1 commento

  1. Trovo che l’azione di informazione che il comitato No-Triv sta facendo sulle trivellazioni petrolifere sia molto utile, infatti ho partecipato ad un convegno organizzato Domenica dal Movimento 5 Stelle di San Giorgio del Sannio su Case Capozzi, quanto alla posizione della Provincia, mi pare che essa in campagna elettorale stia solo scaricando tutte le responsabilità sui Sindaci, quando mai abbiamo avuto nel Sannio una Provincia attenta al territorio? C’è proprio bisogno di tutti i Sindaci per fare ricorso al Tar, ricorso che la Provincia aveva già annunciato prima della fine dell’anno e per il quale mi pare siano scaduti i termini. Attenzione comitato No-Triv la Provincia che oggi scarica sui Sindaci domani potrebbe scaricare sul comitato o sui singoli cittadini, e appoggiare altri progetti di alto impatto ambientale a favore di altre multinazionali come quello della Centrale idroelettrica sostenuto dal comitato No-Luminosa del quale ho scritto in un mio intervento su questo sito “Provincia e Regione spennano i paperi sanniti”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.