Salviamo il Sannio dalle compagnie petrolifere

0

Si è tenuta nei giorni, presso la Sede Lipu di Benevento, la riunione preliminare per la costituzione di un Coordinamento di Associazioni, Comitati e Cittadini contro la decisione di estrazioni petrolifere sul territorio sannita.

La proposta, avanzata dal CODISAM di S. Arcangelo Trimonte, ha la volontà di coinvolgere tutti i soggetti civili affinchè ci sia una corretta informazione sulle problematiche in oggetto e, come conseguenza, l’avvio di azioni sul territorio provinciale atte alla sensibilizzazione di tutti i cittadini, anche attraverso l’informazione diretta agli Amministratori Locali.

In tale riunione è stata stilata una bozza di lettera da mandare ai Sindaci; tale bozza viene riportata integralmente e vuole essere una base di discussione tra quanti sentono il problema.

E’ prevista una ulteriore riunione mercoledì  16 gennaio 2013 alle ore 18.30 sempre presso la Sede LIPU di Benevento. In tale consesso è previsto un approfondimento dell’argomento e la sottoscrizione di un documento costitutivo e di intenti tra i partecipanti.

LETTERA

Oggetto: Informazioni in merito ai rischi per l’ambiente e per la salute derivanti dalle trivellazioni petrolifere previste in provincia di Benevento – provincia di Avellino.

Egregio Sig. Sindaco,

la delicata questione “ Petrolio “ è giunta alla fase di autorizzazione regionale per la realizzazione delle indagini geofisiche ma, non ancora definita, per quel che riguarda la realizzazione del pozzo esplorativo (che comunque dovrebbe essere effettuato a valle delle indagini geofisiche).

Il nostro Comitato ha seguito e continua a seguire tale vicenda, di cui all’oggetto, ed ha visionato in maniera diretta quanto accaduto e sta accadendo in Val d’Agri in Basilicata: scempio del territorio, azzeramento dei diritti alla salute dei cittadini di molti paesi interessati dalle estrazioni petrolifere, inquinamento dell’aria oltre i limiti imposti dall’OMS, in special modo per quanto riguarda l’idrogeno solforato gas pericoloso, tossico e cancerogeno) e chissà quali altri parametri mai inseriti in un monitoraggio serio, scarsa ricaduta occupazionale locale, bassissimi ritorni economici per i comuni e continue prevaricazione dei diritti dei cittadini.

La prego di credere a quanto si afferma poiché documentato da materiale audio-visivo e da documenti tecnici; saremo lieti di incontrarLa e portare a Sua conoscenza, e alla sua comunità, quanto da noi documentato.

Non è, le assicuro, la solita battaglia con un “No contro tutto e contro tutti”,  è una AZIONE DI CONTRASTO alle Compagnie Petrolifere che intendono sfruttare Noi ed il Nostro territorio a spese della nostra salute e delle generazioni future!

Il Sindaco è la massima Autorità Sanitaria locale ed in quanto tale responsabile della salute della propria comunità.

 

La situazione ambientale del nostro territorio è ben conosciuta da studi svolti dal mondo della Ricerca Scientifica; essa è un formidabile strumento a supporto dei diritti dei cittadini che può essere, quindi, utilizzato dalle Autorità locali per promuovere azioni tecnico-legali nelle sedi di Giustizia nazionali ed Europee.

Lei, sig.or Sindaco, si chiederà: come mai questo in Basilicata non è avvenuto?

La risposta è  semplice: grazie alla connivenza tra Agenzie Ambientali, politici regionali e/o locali, cittadini distratti o ignoranti la problematica, mancanza di studi di comparazione con la situazione attuale, hanno aperto la strada a quanto avvenuto……

Noi non faremo lo stesso errore. I parametri che le Compagnie Petrolifere dichiareranno, saranno confrontati con gli studi già effettuati e non esiteremo a denunciare quanti (Amministratori, ARPAC, Province, politici etc) faranno solo i loro interessi.

La preghiamo di seguirci e di sostenerci; non ripetiamo gli errori già commessi da altre comunità. Siamo disponibili ad incontrarvi e spiegare con molta calma quanto avviene non lontano da noi.

I documenti di intento, Le assicuro, se controfirmati dai Sindaci, ad esclusione di danni sanitari e ambientali oramai acclarati a livello scientifico ma non recepiti in Italia,  possono essere l’unico strumento valido per la tutela del cittadino e dell’ambiente.

Il Comitato

 

PROPOSTE

Il CODISAM ha proposto:

Invio della Lettera qui riportata ai Sindaci dei Comuni rientranti nelle Autorizzazioni Petrolifere.

Coordinamento  Provinciale dei Comitati, Associazioni e Cittadini.

Coordinamento dei 32 Sindaci interessati dalle Autorizzazioni.

Coordinamento delle Organizzazioni Sindacali della Provincia di Benevento.

Organizzazione di un pubblico dibattito sull’argomento da tenere a Benevento.

Nascita di un Comitato tecnico – legale che segua l’iter delle Autorizzazioni e di supporto alle discussioni con le parti in causa.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.