Governo e Regione rinviano il riordino del ciclo dei rifiuti in Campania

1

Giannaserena Franzè. Nonostante le mobilitazioni  con presidi a Roma, presso la regione  e lo sciopero dell’ 11 dicembre scorso la regione Campania ed il Governo Nazionale hanno deciso di non dare ascolto ai migliaia di lavoratori dei consorzi di bacino che sono da mesi senza retribuzioni.

Infatti, la Giunta Regionale ha scelto di non adottare entro il 31.12.2012 la legge regionale di riordino del ciclo dei rifiuti in capo ai comuni mediante gli ATO, come prescritto dalla legge 135/2012,  ma di chiedere al Governo di spostare tale termine.

Il Governo con apposito decreto legge  n.1/2013 ha unicamente rinviato di sei mesi tale scadenza e la regione avrà ancora tempo per procedere al varo del nuovo assetto del ciclo dei rifiuti in Campania.

Purtroppo questo rinvio serve unicamente alla politica ed alle istituzioni inadempienti che  continueranno a promettere soluzioni salvifiche ma non serve ai lavoratori che vedono rinviate le  garanzie di stabilità occupazionale e la certezza della corresponsione delle retribuzioni.

I comuni che non hanno versato regolarmente le risorse dovute quale corrispettivo dei servizi ai consorzi ed alle società o che escono impunemente dai consorzi creando doppi costi all’erario continueranno a farlo nonostante siano responsabili di tale disastro finanziario che ha assunto dimensioni di centinaia di milioni di euro di debiti.

Le società provinciali continueranno  a scaricarsi del vincolo di assunzione dei lavoratori dei consorzi di bacino mentre  emettono  bandi e attivano lavori interinali aggravando ulteriormente il  debito.

Questa cattiva amministrazione e queste  disfunzioni nel ciclo dei rifiuti  pesano duramente sui cittadini che continuano a pagano la TARSU più cara del paese.

Nel frattempo l’emergenza rifiuti persiste e si esportano rifiuti fuori regione e fuori paese con costi di centinaia di milioni che portano risorse e lavoro altrove mentre i nostri lavoratori vivono nella incertezza del futuro e da mesi senza stipendi per le loro famiglie.

Diciamo ancora una volta basta!

Non si può essere così irresponsabili non riordinando il ciclo in modo efficace e calpestando i sacrosanti diritti dei lavoratori.

Bisogna che una volta per tutte lo comprenda il Presidente Caldoro e la sua Giunta e si faccia carico della ripresa del tavolo di confronto sulla legge regionale di riordino del ciclo dei rifiuti. Non tra sei mesi: adesso e subito,  in modo da dare finalmente e doverosamente certezze di prospettiva di lavoro e reddito ai lavoratori dei Consorzi di Bacino ed all’intero comparto dell’igiene ambientale campano.

Solo  in questo modo si potrà scongiurare una drammatico conflitto sociale con pesanti ricadute sui servizi e scongiurare una nuova emergenza del ciclo dei rifiuti in questa regione.

15 gennaio 2013

1 commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.