A Limatola, dopo tante aziende, chiude anche l’unica banca

0

Pietro Di Lorenzo. E’ arrivata proprio oggi, via posta, la notizia che a partite dal 10 dicembre 2012 l’agenzia della Banca Popolare di Ancona chiude. Nella lettera è scritto “minisportello” quasi a giustificare che si tratta di una piccola cosa, una lieve perdita. In realtà lo sportello movimentava fino a 5 milioni di euro che nei periodi d’oro giunsero fino a 10 milioni all’anno.

La banca decide quindi di far sopravvivere lo sportello di Caiazzo e chiude quello di Limatola. Quest’ultimo da un punto di vista dei movimenti è addirittura superiore a quello di Chiazzo. Forse hanno giocato altre variabili!

Il dirigente dello sportello, ha chiaramente fatto capire che non c’è stata tutela, e tra l’altro il Comune aveva revocato all’unica banca anche il servizio tesoreria (al momento, nonostante un bando di gara, non è dato sapere a chi è stato assegnato).

Noi imprenditori che ancora resistiamo, nonostante la crisi, subiamo un’altra mazzata. Ma a pagare di più saranno purtroppo i poveri cittadini alle prese con la cronica inefficienza dello sportello postale.

Resta il ricordo di una battaglia per far aprire lo sportello bancario nella ex Svizzera del Sud (come era definita Limatola), che appartiene  al magazzino dei ricordi. Tante firme raccolte di cittadini e piccoli imprenditori che speravano e credevano di essere protagonisti di un futuro migliore. Almeno una banca, dicevamo allora, per salire sul treno dello sviluppo. Un treno che purtroppo ha lasciato solo macerie nel nostro sfortunato paese.

Limatola 22 novembre 2012

Pietro Di Lorenzo  Imprenditore e consigliere comunale “VIVILIMATOLA”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.