Non si fermano le azioni di lotta di Cittadinanza Attiva contro il trasferimento del Poliambulatorio di Telese

0

Sergio Paliotti. Mentre prosegue la raccolta delle firme per scongiurare lo spostamento del Poliambulatorio da Telese a Cerreto, l’Associazione Cittadinanza attiva ha inviato una lettera al Direttore della Asl di Benevento inoltrata per conoscenza anche al Ministro della Salute, ai Parlamentari sanniti, al Presidente e all’Assessore alla Sanità  della Regione Campania, al Presidente e all’Assessore alla Sanità  della Provincia di Benevento e al Prefetto.

Con lo  scritto, a firma del Presidente dell’Associazione, si chiede un incontro urgente al Direttore dell’Azienda Sanitaria e lo si invita, fino ad allora, a non rendere in alcun modo operativa la decisione relativa al trasferimento.

Molte le contestazioni contenute nella lettera. Oltre a denunciare il rischio di un gravoso spreco di denaro pubblico ( la nuova struttura, già pronta e costata finora oltre un milione di euro, sarebbe abbandonata al degrado e al vandalismo), si parla di ostinazione del responsabile Asl per aver rifiutato o neanche preso in considerazione le soluzioni alternative offerte dal Comune.

Da Cittadinanza Attiva anche l’affermazione, con onere di prova, che la sede di Cerreto è anch’essa inadeguata come lo è quella attuale di Telese.

Senza mezzi termini, un eventuale diniego all’incontro viene bollato come assoluta mancanza di rispetto e attenzione verso i cittadini e di sensibilità nei confronti delle categorie più deboli e meno protette ( anziani, disabili, malati ) da parte del Direttore della Asl.

La lettera si conclude con un chiaro avvertimento: “ la nostra gente non intende né rassegnarsi, né  fermarsi”.

Intanto, si allarga anche ad altre zone della Valle la mobilitazione dei cittadini. Altre  postazioni per la raccolta delle firme contro il trasferimento del Poliamburatorio sono stati istituiti ad Amorosi, Dugenta, Puglianello e Solopaca, mentre ci si sta attivando per coinvolgere anche altri Comuni

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.