Termalismo …

8

Ezio Esposito. Pietro, non sono riuscito a trasportare l’immagine di Montecatini Terme nell’angusto spazio di un commento.  Prima di cominciare a digitare questo testo ho sorvolato Montecatini per vedere e capire coma vanno le cose da quelle parti in questi tempi cupi ed è azzardato pensare che tutto ciò che riluce sia oro. Da Montecatini e d’intorno c’è la fuga. Infatti molti vogliono vendere: case, alberghi e simili: tutto quanto è stato realizzato nel periodo del boom termale.

Anche la gestione delle terme, una SpA nella quale hanno azioni il Comune e la Regione Toscana, segue il disastro generale dell’economia italiana. Basta leggere qui sopra la richiesta di sottoscrivere obbligazioni per le terme. Ciò non toglie che tra …facciamo il paragone?… Montecatini terme e le terme di Telese ci sia un abisso sottolineato anche da una famiglia che vive all’estero: << … perché RAI international mostra tante belle terme che ci sono in Italia e le nostre terme di Telese MAI? >>. Perché, perché?… l’abbiamo perché, tante volte fino a prostrarci dalla stanchezza … e perché a qualcuno non piacciono i puntini sospensivi? Dicono che sono tossici.

e.e.

 

8 Commenti

  1. Si, Ezio, hai certamente ragione e lo dimostra l’immagine del tuo intervento.
    Le terme di Montecatini sono state coinvolte nella grave crisi europea, non poteva essere diversamente, sarebbe stato una eccezione. La società che gestisce le terme ha bisogno di liquidità ed è stata costretta a ricorrere al debito obbligazionario. Ciò può essere una forma di investimento per chi sottoscrive l’obbligazione perché il bene sta lì, nelle sue meravigliose strutture e nel suo incantevole Parco: c’è solo da aspettare tempi migliori.
    Ma, per le terme di Telese, cosa succederà alla fine del contratto di subconcessione, svenderle o regalarle all’Impresa Minieri con preghiera di accettare il regalo, se non si corre urgentemente ai ripari?
    Ti saluto. Pietro Quercia.

  2. Ma le terme ed il termalismo è in crisi a livello internazionale non a livello locale.
    Il Welfare è fallito in tutto il mondo e persino nei paesi Scandinavi si stanno rivedendo e studiando nuove politiche.Alcuni paesi che convenzionavano le teme (Vedi Germania e Inghilterra) non potendo più sostenere la nuova spesa sanitaria ha tolto le cure termali.
    Ricordo Ischia invasa dai turisti tedeschi ,e nemmeno molti anni fa, erano fruitori di cure termali del sistema sanitario nazionale tedesco,di ogni ceto, molti infatti erano semplici operai tedeschi lì praticamente a spese del loro Stato. famoso era che per pranzo facevano solo cappuccino e cena brodino, spendevano pochissimo. Ischia è in ginocchio senza tedeschi!
    Temo che con la crisi del Termalismo c’entri poco la politica locale è crisi sistemica mondiale.Telese è bellissima, ma terme in Italia ce ne sono moltissime e anche se il cuore è lì e io le trovo le più belle, forse non è proprio un dato oggettivo,forse. Lia buono

    • Rosalia, leggo sempre con piacere i tuoi commenti. Ciò che vorrei rilevare è che le terme di Telese sono in crisi dal 1985, malgrado che, negli anni, abbiano usufruito, all’incirca, di quaranta miliardi contributi di varia natura e specie.
      Tu sei in grado di capire dov’è finito tanto denaro visto che attualmente Il parco termale (non so le attrezzature) è ridotto tanto male?.
      cari saluti
      e.e.

  3. (purgato)
    Ah quanto sono belle le Terme di Telese cara Lia!
    Parli col cuore e ti capisco, ma il cuore ti nasconde la verità o ti rifiuti di vederla ed eviti finanche di visitarle tutte…le Terme.
    Certo, il mondo sta attraversando periodi bui e non torneranno più i tempi delle decine di migliaia di impegnative ENPAS, INPS, CEPDEL, COLDIRETTI, ecc.
    Chissà in quanti pensavano fossero prestazioni gratuite
    e quanti impiegati statali e degli enti locali avevano davvero bisogno di cure termali!
    Quei tempi, cara Lia, non torneranno più ed ò per questo che bisogna offrire agli abituali utenti, prima che ci abbandonino del tutto, efficienti servizi e possibilità di svago e di pace nel parco termale. Le Terme, altrimenti, potrebbero essere condotte anche dall’ultimo degli imbecilli. Ti abbraccio Lia.
    Pietro Quercia.

  4. Oh, si Ezio, da qualche tempo sono costretto a prendere
    “l’olio di ricino”. Sai? Questa volta lo danno a me ed in misura eccessiva: sono cambiati i tempi!!!
    Li voglio proprio mettere i tre punti esclamativi. Però vedessi come sono dimagrito.
    Ciao. Pietro Quercia.

  5. beh, caro Pietro, mi fa piacere constatare che ancora la voglia di scherzare non ti abbandona. Sarà forse per non piangere che la metti sull’ironico? Io non riesco più a ridere da quando sono venuto a passeggio con te al Cerro ed ho visto le reali condizioni, accuratamente nascoste (ma neanche tanto), in cui versa il Parco delle Terme.
    Mi sa che l’olio di ricino bisognerebbe darlo a qualcun altro invece di berlo tu. Ma, come si dice? Siamo in democrazia e ci tocca abbozzare…ma fino a quando?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.