Notturna al Miletto

0

Anna Lisa Golvelli. Nella notte tra il 13 e il 14 agosto p.v., ad organizzarla le Sezioni CAI di Piedimonte Matese e Benevento. Partenza alle ore 00.30 dalla località “Sprecavitelli”. Anche quest’anno previsti un centinaio di escursionisti. L’obiettivo è raggiungere la vetta di Monte Miletto che, con i suoi 2.050 metri, sovrasta l’intero massiccio del Matese. L’ascesa è ormai un classico dell’estate matesina: da ormai molti anni infatti, l’intento è quello di unire la suggestione di un trekking sotto le stelle alla celebrazione della memoria di un giovane socio, Emiliano, prematuramente scomparso.

Nelle scorse edizioni tra i partecipanti sono stati registrati molti giovani, desiderosi di condividere piaceri ed emozioni lungo un percorso che parte da località “Sprecavitelli”, in prossimità del Lago Matese e si snoda tra faggi e rocce lungo i fianchi della montagna in un silenzio che sembra irreale, rotto di tanto in tanto dal richiamo di qualche uccello notturno. Lo spettacolo delle stelle cadenti che fanno compagnia lungo l’ascesa è indescrivibile. In fila indiana, avvalendosi dell’uso delle torce che a volte risultano superflue grazie alla luna che col suo bianco chiarore conferisce al paesaggio un aspetto ammaliante, lentamente si sale sempre più su fino a raggiungere la vetta poco prima dell’alba. Lo spuntare del sole che illumina l’Adriatico ed il Tirreno è a dir poco un momento magico.

Le vette circostanti si colorano di rosa, in lontananza biancheggia l’abbazia di Monte Cassino, ad ovest spicca l’Epomeo che domina l’isola d’Ischia. Ci si scambiano felicitazioni per l’impresa compiuta insieme, si dedica un ricordo ad Emiliano, quindi si imbocca il sentiero del ritorno prima del calore eccessivo del sole. Le emozioni appena vissute fanno scomparire la stanchezza per le ore di sonno sacrificate.

Foto tratta da http://www.francescoraffaele.com/web-y2007/mMiletto.htm

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.