Basta fitti

1

Lucio Rubano. Da Il Mattino di oggi, 12 luglio, apprendo che la Regione Campania ha dato l’avvio alla sua spending review con una proposta di legge che prevede, tra i costi da tagliare, anche quelli dei fitti passivi: “le sedi delle agenzie e delle società dovranno essere ubicate in immobili di proprietà regionale. Il ricorso ai fitti dovrà essere una eccezione di durata limitata.”

Già nel settembre del 2011, a seguito dell’acquisto da parte dell’ASL dell’immobile situato in Morcone e  denominato “Nuovo Capozzi”,  feci rilevare con una mia nota al commissario dell’ Azienda, dott. Giuseppe Testa, quanto fosse più economico usare e sfruttare il patrimonio immobiliare di proprietà dell’Azienda, come ad esempio l’ospedale dismesso di Cerreto Sannita (idoneo sia per la collocazione di ambulatori specialistici che degli uffici) in luogo dei siti di proprietà di terzi. Per la precisione,  al dott. Testa riferii l’esempio di Napoli, che in quel periodo aveva trasferito gli uffici dell’Azienda dal Centro Direzionale al Frullone, in un immobile di sua proprietà, risparmiando un milione di euro all’anno per l’affitto

Ultimamente, ho affidato le stesse  considerazione anche al dott. Mino Ventucci, Direttore Sanitario dell’Asl BN1, che in una intervista alla stampa locale accennò, riferendosi all’ esigenza di razionalizzare le risorse per migliorare i servizi, alla necessità di sfruttare appieno il patrimonio immobiliare di proprietà dell’Azienda.

Ora che la Regione Campania si avvia a far diventare legge non solo lo sfruttamento del suo patrimonio immobiliare, ma il carattere dell’eccezionalità limitata nel tempo nel caso in cui ciò non fosse possibile, mi auguro che si possa finalmente addivenire all’utilizzo delle tantissime strutture realizzate con fiumi di denaro pubblico, compreso, ripeto,  l’ex  ospedale di Cerreto Sannita,  e condannate  al deterioramento a causa del non uso. Il risparmio sarà veramente notevole e a beneficiarne saranno i servizi cui sarà possibile destinare maggiori risorse.

 

Lucio Rubano Consigliere Provinciale

1 commento

  1. L’ASL di Benevento ha acquistato a Morcone un immobile denominato “Nuovo Capozzi”, da sempre utilizzato dall’azienda per attività sanitarie e condotto in locazione. Questo, giustamente, per risparmiare il fitto.
    La stessa ASL, invece. dismette l’Ospedale di Cerreto Sannita, per “risparmiare” sulla nostra pelle, ma lascia inutilizzati i suoi tanti locali, panoramicissimi, accessibili agli automobilisti ed ai disabili senza alcun tipo di problema, a soli 10 minuti dall’uscita della strada a scorrimento veloce Caianello-Benevento, pieni di sole, senza problemi di traffico e con ampio parcheggio. Quale è il problema? Sarebbe l’ideale per l’ASL poterli “fittare” a terzi o utilizzarli direttamente. Come?. In tempo di vacche magre, ma io direi sempre!, come è possibile continuare a pagare sontuosi fitti per uffici, ambulatori e servizi vari, magari allocati in edifici separati, spesso con problemi di traffico, di parcheggio e di inaccessibilità per i diversamente abili, senza pensare di spostare gli stessi in una unica sede “completamente gratuita?”. Così facendo, il patrimonio immobiliare dell’azienda, costruito con fiumi di denaro pubblico, sarebbe sfruttato al meglio, si eviterebbe il suo deterioramento, causato dall’abbandono e si determinerebbe un cospicuo, ma proprio cospicuo risparmio per le casse dell’azienda, nonché meno disagi e risparmio di tempo per gli utenti, che troverebbero tutto in un solo posto. Troppo logico? Sicuramente per tutti, non per chi ancora ragiona in modo …non lo so. Sembra quasi che non interessi risparmiare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.