Riuscitissimo Convegno sul restauro della Torre in zona Episcopio.

0

Antonio Giaquinto.  Comunicato stampa n.56/2012 –  Oggetto: Realizzato un dvd che sintetizza in 5 minuti mille anni di storia telesina. Il Convegno di presentazione del progetto di restauro della torre campanaria tenutosi ieri 18 giugno 2012 presso la sala conferenze dell’IIS Telesi@, ha avuto un entusiastico riscontro da parte del folto pubblico presente.

All’incontro pubblico erano presenti anche Pasquale Izzo, Sindaco di San Salvatore Telesino e Antonio Santonastaso, Sindaco di Solopaca.

Nel corso del dibattito è stata tracciata la filosofia dell’intervento di recupero dell’area “Episcopio”.

Dai vari interventi che si sono susseguiti, è emerso che il restauro dell’antico manufatto e la sistemazione del giardino archeologico circostante possono rappresentare una grossa occasione per esperire un tentativo molto ambizioso, che è quello di alimentare un progetto culturale di ampio respiro.

E’ stato, infatti, sottolineato che il recupero della memoria storica sia un fattore irrinunciabile e decisivo per rilanciare la comunità telesina verso processi di crescita anche socio-economici.

L’accento è stato posto sulla millenaria storia del comprensorio territoriale telesino e sulle tante vicende che ne hanno caratterizzato i vari periodi a partire dagli scontri guerreschi tra saraceni, longobardi e normanni e dal devastante terremoto del 1349 quando, a seguito dell’evento sismico, affiorarono le sorgenti di acqua sulfurea che causarono la diaspora dal territorio telesino.

Nel suo intervento il  progettista arch. Vincenzo Vallone ha relazionato in modo completo, abbracciando un ampio periodo temporale a partire dalla genesi del progetto generale risalente all’anno 1978  e a tutti i vari interventi effettuati nell’area archeologica interessata, l’ultimo dei quali avvenuto nell’anno 1995. Interessantissima è stata l’illustrazione architettonica della torre e del risanamento complessivo che sarà effettuato, che prevede anche uno spazio all’interno della torre ove sarà allestito un piccolo museo di reperti archeologici che saranno rinvenuti, unitamente a quelli già venuti alla luce nel passato.

E’ seguita subito dopo la proiezione di un breve video, ideato e realizzato, per l’occasione, dall’avv. Fulvio Di Mezza. Il noto professionista telesino, amante e cultore dell’arte e del territorio, con il dvd prodotto, ha sintetizzato, in circa 5 minuti di proiezione, mille anni di storia telesina. Il pubblico ne è rimasto affascinato.

Le conclusioni del convegno sono state affidate al Sen.Prof. Antonio Conte che, in maniera avvincente, ha tracciato un quadro storico a partire dal IX-X secolo ai giorni nostri, delineando una storia che accomuna un territorio, la valle telesina, oggi suddivisa da confini amministrativi con realtà autonomamente governate.

Non pochi sono stati i riferimenti alla torre campanaria che, a suo dire, rappresenta una bellezza architettonica, unica nel suo genere, nel panorama non solo campano, ma dell’intero meridione.

Al riguardo poi, l’autorevole relatore ha espresso la sua netta convinzione, con stringenti argomentazioni storico-logiche, sulle origini normanne della torre da far risalire al XII secolo. Sul punto, tuttavia, per la mancanza di documentazione storica, non possono essere ancorate certezze.

L’Assessore Liverini, che ha curato il convegno, ha dichiarato: “La discussione che si è dispiegata nel dibattito ha allargato gli orizzonti, ancora poco diffusi, di una importante storia più che millenaria del nostro territorio. Con l’intervento di restauro della torre è auspicabile che quella storia, ancora non sufficientemente esplorata, sul piano critico e scientifico, possa alimentare permanentementedibattiti culturali e memoria collettiva.

“ Un convegno senz’altro ben riuscito – ha dichiarato il Sindaco Pasquale Carofano – che ha suscitato l’interesse dei numerosi presenti e che ha posto le basi per far sì che il denaro pubblico venga utilizzato in maniera proficua per la comunità. Mi piace ricordare che è stato forte impegno di questa Amministrazione acquisire anche una piccola area privata, oggi quindi diventata pubblica, che deturpava la visione della torre. Vuole essere questo sforzo finanziario il segnale concreto di quanta attenzione viene posta per la tutela dell’ambiente, del territorio e delle sue potenzialità.  Sento il dovere di ringraziare a nome dell’intera Amministrazione, il Sindaco di San Salvatore Telesino Pasquale Izzo e il Sindaco di Solopaca Antonio Santonastaso che ci hanno onorato della loro presenza. Un ringraziamento particolare va inoltre per il disinteressato contributo di straordinario spessore fornito dal Sen.Prof. Antonio Conte, dall’avv. Fulvio Di Mezza e dal progettista arch. Vincenzo Vallone”.

Un nuovo incontro pubblico è stato già preannunciato allorquando saranno ultimati i lavori.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.