Cerreto: recital sull’epistolario D’Annunzio – Eleonora Duse

2

Ada Gagliardi. Nell’ambito delle manifestazioni di fine anno scolastico “Primo Vere”, dell’Istituto “Carafa-Giustiniani”  di Cerreto Sannita diretto da Bernarda  De Girolamo, grande successo domenica sera della conferenza spettacolo “L’epistolario di D’Annunzio ed Eleonora Duse” di Franca Minnucci.

Pescarese come il Vate, docente, attrice, artista  poliedrica, Franca Minnucci si è esibita in una serie di letture sceniche di lettere  e poesie dannunziane accompagnata dalle musiche del maestro Nino Di Luise. Grande l’emozione del pubblico affascinato dalla  voce dell’attrice  che ha toccato l’anima e ha  suscitato continui  applausi.

L’attrice,  che ha recitato con Michele Placido, Mario Scaccia, Ugo Pagliai, Giuseppe Pambieri  ha ricevuto l’incarico dal comitato scientifico del Vittoriale  di curare il carteggio Duse-D’Annunzio,  vagliando   1500 scritti  che racconta nel suo libro, ricostruendo, attraverso lettere, telegrammi e documenti inediti,  il 1904, anno controverso della storia d’amore fra la grande attrice e il poeta. Molte delle lettere fra “Gabry” e “Ghisola” sono state declamate con gestualità e voce densi di pathos tali da  coinvolgere emotivamente gli spettatori, rapiti, tra l’altro, dal fascino della musica.

Le parole  scaturite dalle lettere  di Eleonora sembrano quasi una partitura, tanto sono dense di vita e di sogno, testimonianza  di una donna che si sentiva “ebbra” d’amore per il Vate.

2 Commenti

  1. Veramente uno spettacolo coinvolgente. Confesso che non avevo mai amato D’Annunzio…ci è riuscito Franca Minnucci. A sentirla leggere con partecipazione estrema la corrispondenza tra Eleonora Duse e “Gabri” venivano i brividi. Complimenti sinceri agli ideatori.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.