Telese Terme: consiglio comunale aperto

0

Ufficio di segreteria del sindaco Pasquale Carofano.  Comunicato stampa n.16/2012. Oggetto: Consiglio Comunale aperto  Si è svolto nella mattinata del 10 marzo il programmato Consiglio Comunale aperto.

Al civico consesso ha partecipato un rilevantissimo numero di cittadini anche dei paesi viciniori, nonché i Sindaci di San Salvatore Telesino, di Solopaca, di Guardia Sanframondi, di Castelvenere, di Amorosi e i seguenti parlamentari nazionali, regionali ed europei:

Costantino Boffa, Mario Pepe, Umberto Del Basso De Caro, Erminia Mazzoni e Nicola Formichella.

Il dibattito che ne è scaturito ha posto in luce la necessità di riaffermare le innumerevoli e crescenti ragioni che possano porre un freno al depotenziamento e all’indebolimento dei servizi sanitari pubblici, avvenuti nel tempo ai danni della cittadina termale come ad esempio il servizio materno infantile, il servizio veterinario, la Guardia Medica.

Per tale motivo si è reso necessario fare chiarezza su una vicenda, che in sé presenta potenziali rischi di contingenti speculazioni, finalizzate a indebiti tentativi di ulteriori allontanamenti di servizi sanitari pubblici operanti nel territorio comunale di Telese Terme.

Ciò che preoccupa è il mancato trasferimento del poliambulatorio di via Massarelli in una nuova struttura, appositamente costruita per l’ASL per quel cambio di sede.

Oggi l’ASL, dopo aver fatto un bando pubblico nel 2002 per reperire la nuova struttura, un contratto preliminare di acquisto con il privato proprietario nel 2006 con un esborso finanziario, quale anticipo, di circa 1.300.000,00 euro, l’acquisto di mobili di arredo per alcune centinaia di migliaia di euro, ha bloccato il trasferimento stante accertate illegittimità edilizie dell’immobile per iniziativa dell’Autorità Giudiziaria.

Il fatto inspiegabile tuttavia è che il neo direttore dell’ASL Michele Rossi, pur di fronte alla dichiarata volontà, espressa in un apposito Consiglio Comunale dall’intera Amministrazione, di voler procedere alla sanatoria dell’immobile grazie ad una specifica normativa del luglio 2011, intenderebbe retrocedere e non più acquistare l’immobile, avente una superficie di oltre 2.000 mq.

Tale cambiamento di programma potrebbe creare i presupposti per mettere in pericolo la permanenza dei servizi sanitari pubblici esistenti a Telese Terme.

E’ stato fortemente auspicato che ciò non accada anche per evitare ulteriori prevedibili conseguenze, quali l’inizio di lunghi contenziosi e il configurarsi di danni erariali nel caso di un mancato rientro delle somme pari a circa 1.300.000,00 euro, corrisposti finora dall’ASL.

I Deputati e i Sindaci presenti hanno espresso la loro piena solidarietà al Comune di Telese Terme.

Purtroppo l’assenza dell’interlocutore principale della vicenda, il Direttore dell’ASL Bn1 Michele Rossi, è stata stigmatizzata in quanto non ha consentito di poter avere un confronto pubblico chiarificatore, diretto a portare serenità nelle comunità della valle telesina, rimaste fortemente deluse dell’atteggiamento del pubblico funzionario.

Il Consiglio Comunale ha chiuso i lavori alle ore 13.00 circa con una delibera che nella sostanza ha previsto di fare voti alla direzione generale dell’ASL di Benevento, al Prefetto, al Presidente della Regione Campania ed al Presidente della Provincia di Benevento, affinché ciascuno per le proprie competenze e funzioni, determino le condizioni per la permanenza di tutti i servizi erogati dal Distretto Sanitario nel Comune di Telese Terme, scongiurando qualsiasi ipotesi di delocalizzazione di servizi, ancorché provvisori, in altri Comuni del Distretto.

Telese Terme 13/03/2012

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.