Futuro remoto. Un viaggio fra scienza e fantascienza

0

di Ada Gagliardi.  “Gentile Dirigente, siamo lieti di informarla che la Sua scuola è stata selezionata come finalista per il Concorso “Futuro Remoto. Un viaggio tra Scienza e Fantascienza”……

Questo è l’incipit della comunicazione pervenuta al Dirigente Bernarda De Girolamo dell’Istituto Carafa-Giustiniani di Cerreto Sannita dall’Ufficio Contact Center di Città della Scienza di Napoli, comunicazione che segue quella di pochi giorni fa inviata dall’Ufficio Scolastico Regionale che invitava alla cerimonia di premiazione le Scuole partecipanti.

Mercoledì 23 novembre alle ore 10,00 , pertanto, la prof. Maria Antonietta Biondi ed alcuni alunni della classe II C Commerciale si recheranno alla Sala Newton di Città della Scienza ed incroceranno le dita : sono in nomination!

Gli allievi cerretesi hanno concorso con un video sull’Asse tematico: “La Terra, paradiso e inferno- Il legame profondo dell’uomo con la Terra si manifesta in molteplici modi. La Terra offre all’uomo tesori immensi, ma è anche teatro di grandi catastrofi”.

Gli altri Assi tematici dell’edizione 2011 sono relativi ad eventi catastrofici del passato che hanno condizionato la vita dell’uomo e di altre specie sul nostro Pianeta; il Pianeta inquieto: l’indagine dei segreti più intimi della Terra per scoprire le origini della sua “turbolenza” e per incontrare sorprendenti esseri del passato; Mondi di sotto: le rappresentazioni artistiche e fantastiche del Pianeta Terra.

I temi proposti da Futuro Remoto appaiono quanto mai attuali, considerati i catastrofici eventi che nelle scorse settimane hanno messo in ginocchio Genova, le Cinque Terre e molte altre zone d’Italia e offrono anche l’occasione per scoprire come oggi l’uomo può prevedere e ridurre al minimo i rischi che derivano da eruzioni vulcaniche, terremoti , alluvioni e stimolano a riflettere su come il rischio stesso possa rappresentare anche una possibilità di crescita tecnologica, economica e culturale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.