Cerreto sperimenta misure per il rilancio del commercio e turismo

0

di Lorenzo Morone. Nell’ambito delle misure sperimentali adottate da questa Amministrazione per il rilancio del Commercio e del Turismo, è stato già ripensato il mercato domenicale.

Infatti le Norme esistenti fin dal 2000 prevedono che i mercati:

  •  -Debbano favorire la pedonalizzazione delle aree urbane in cui si svolgono al fine di evitare fenomeni di congestione del traffico veicolare.
  •  -Abbiano due zone distinte: una per i prodotti alimentari e una per i prodotti non alimentari;
  • -Rispettino le esigenze di carattere igienico-sanitario (i prodotti alimentari devono essere separati dagli altri etc );
  •  -Rispettino le esigenze di sicurezza –(Pronto Soccorso e ordine pubblico).

In questo lento, obbligatorio adeguarci alle norme, dagli inizi di luglio stiamo sperimentando alcune soluzioni quali:

 -lo slittamento di 75 metri da piazza Roma dell’area Mercato per inderogabili motivi di sicurezza (scorrimento del traffico senza troppi incroci e rapido raggiungimento delle varie zone di mercato da parte dei mezzi di soccorso e di Polizia);

-lo spostamento dei prodotti alimentari su via Mastrobuoni per la salubrità del sito nel lungo periodo autunnale-invernale; per la facilità di accesso al sito anche dalle persone anziane e/o disabili ( l’area è raggiungibile con le auto da entrambi i lati) e infine parchè sarà più facile dotare la zona dei necessari requisiti igienico-sanitari. Lo slittamento del mercato ha già consentito di rendere più fluido il percorso verso la parte bassa del paese, percorso che prima richiedeva alle auto una autentica gimkana, con tanti incroci. Ora Piazza Roma è più libera, più vivibile e costituirà sempre più un punto di sosta per raggiungere il mercato partendo dall’alto. Sarà inoltre pure possibile istituire sulla Piazza, senza problemi, il MERCATO DELLE PULCI E la VETRINA DELL’ARTIGIANATO.

Ma questo è stato solo il primo passo in quanto il traffico, allo stato attuale, in particolari situazioni, rende invivibile Cerreto, come chiaramente dimostrato domenica 23. Gli inconvenienti sono stati tali e tanti, come abbondantemente lamentato e documentato su Facebook, da rendere indispensabile la partenza immediata di una modifica che consenta di chiudere il Corso, anche “ad horas”, senza creare disagi. Devo ricordare che l’impossibilità di chiudere il Corso a partire da Piazza L.Sodo, ci ha impedito di coinvolgere anche la parte bassa di Cerreto nei programmi estivi, cosa che non dovrà più ripetersi. Chiudere il Corso da Piazza Sodo significa bloccare il paese: era ed è impossibile salire in quanto le due vie laterali sono entrambe a scendere. Soluzioni alternative richiedono tanto personale e pericolosissime modifiche ai sensi di marcia abituali. Allo stato, infatti, esiste una sola via a salire (il Corso) e tre vie a scendere, anzi tre e mezzo (Via Ungaro, Via Sannio, Via Vitelli e, in parte, Via Massarelli. Eppure il numero delle auto che scende è esattamente pari a quello delle auto che salgono. Ecco perché da sabato 6 agosto ci sarà l’inversione di marcia su via Ungaro e Via Telesina in modo che, in caso di chiusura del Corso, di tutto il Corso, sarà facile salire semplicemente svoltando a destra sulla via parallela, così come finalmente è già avvenuto su via Mazzarella nella zona alta del mercato. Ciò comporterà qualche disagio per gli abitanti di quelle strade, allo stato facilitati nello scendere. Ma il loro disagio, che è esattamente quello che da sempre vive chi abita lungo via Sannio e via Mazzarella quando deve salire, sarà compensato da un traffico più scorrevole tutte le volte che sarà necessario chiudere il Corso, non solo la parte centrale, misura indispensabile se vogliamo rivitalizzare tutto il centro storico, da Piazza L. Sodo a Piazza Roma.

Sempre in questa ottica, a partire dal 1° settembre, sarà istituito il Parcheggio orario su Piazza L. Sodo per liberarla dalle auto che ivi sostano per lungo tempo, pur potendo parcheggiare altrove, e favorire le attività commerciali della zona bassa. Il parcheggio consentito sarà di un’ora. Nei giorni festivi, invece, per favorire i visitatori e/o la partecipazione alle cerimonie liturgiche, il parcheggio sarà libero.

Nel mentre ribadiamo che nell’arco dei 5 anni di legislatura onoreremo quanto scritto nel nostro programma, ci scusiamo con i cittadini per i disagi di questa sperimentazione e ringraziamo il Corpo di Polizia Municipale per la collaborazione che ha prestato e presterà pur in carenza d’organico.

Questa Amministrazione sarà sempre disponibile a recepire ogni suggerimento, da qualunque parte venga, purché nell’ottica di un miglioramento generale delle condizioni ambientali di Cerreto, prerequisito indispensabile per migliorare la vivibilità e per favorire il flusso turistico che, come si sa, predilige per lo shopping i centri storici belli ma con traffico regolamentato.

Nella speranza di raggiungere, insieme con voi, i non facili né immediati obiettivi agognati, auguro una serena estate a tutti.

Cerreto Sannita, 31 luglio 2011

Il Vice Sindaco

Arch. Lorenzo Morone

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.