Petizione Provinciale Telese-Cerreto – Contrada San Tommaso

0

di Carmine Sanzari. Al Presidente della Provincia di Benevento Comunicazione integrativa Petizione del 13 maggio 2010 – prot. n. 0014223 Castelvenere centro abitato di c/da S. Tommaso lavori sul piano viabile Si sono da poco ultimati, su di un tratto della Provinciale Telese-Cerreto, e all’altezza dell’incrocio con l’altra Provinciale Castelvenere-San Salvatore Telesino che coinvolgono entrambe e per intero, il centro abitato di Contrada San Tommaso; i lavori relativi al rifacimento del manto di asfalto, della relativa segnaletica orizzontale nonché opere d’arte in alcuni punti per la raccolta e lo smaltimento delle acque meteoriche. Sul piano della percorribilità, i lavori al piano viabile, che hanno interessato tutto il centro abitato, nonché parte dell’incrocio semaforizzato che va verso Castelvenere e San Salvatore Telesino; gli stessi hanno mitigato l’inquinamento acustico che da tempo tormentava i residenti, poichè prima, i chiusini della fogna urbana, essendo emergenti dal piano viabile, al transitare solerte dei veicoli, specialmente i camion, provocavano forti effetti assordanti e vibrazioni ai fabbricati, avvertibili anche di notte. Di contro, la strada ora si presenta agli automobilisti assai più in risalto, inducendo gli stessi, a percorrerla ancor più velocemente in danno alla salvaguardia dei residenti, e di tutti coloro che la attraversano oltre l’incrocio.

Va precisato, che ciò detto, non vuole essere critico, ma costruttivo, affinchè si apporti beneficio ad una intera comunità che ne fa uso quotidiano percorrendola più volte per svariati motivi, e placare per sempre l’immemorabile preoccupazione dei residenti il centro abitato quando gli automobilisti lo attraversano, poiché, si ricorda, si è stati testimoni di incidenti gravi e mortali, ed in rispetto anche di coloro che sono state vittime di un destino, che forse, poteva essere vinto. Ciò pertanto, si deve convenire che, il centro abitato di Contrada San Tommaso, attraversato per gran parte dalla Provinciale Telese-Terme-Cerreto Sannita, e parte dalla Provinciale Castelvenere–San Salvatore Telesino, vada posto nelle condizioni, IL CUI OBIETTIVO, deve essere quello di collocarlo alle sue funzioni propriamente urbane (residenziali, commerciali, ricreative, scolastiche, ecc.) di cui è identità incontrovertibile, facendolo prevalere sulle esigenze del traffico motorizzato, i cui interventi sono senza alcun dubbio quelli previsti dalle così dette “zone 30”, cioè quelle ove si interviene con un disegno sulla struttura viaria per esaltarne l’ingresso è l’uscita dal centro abitato.

Rievocando pertanto, che in data 13 maggio 2010 è stata inoltrata una petizione richiamando leggi e regolamenti, i quali indicano nel testo i provvedimenti di ingegneria da adottare nei centri abitati; SI È FIDUCIOSI DI UNA CELERE e MANIFESTA PROGRAMMAZIONE STRUTTURALE sul piano viabile (che attraversa il centro abitato) definitivamente, per farlo prevalere sulle esigenze del traffico. Alla nuova Amministrazione Comunale, verrà chiesto che il testo della petizione venga portato in discussione in Consiglio Comunale per ratifica, e chiedere di aderire al “Progetto SICUREZZA STRADALE” enunciato dall’Amministrazione Provinciale che Lei Presiede, come da comunicato stampa n. 2579 del 7 aprile 2011. Per concludere si appellano: il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale i cui indirizzi attribuiscono agli interventi in area urbana una funzione strategica per il raggiungimento dell’obiettivo comunitario, pienamente fatto proprio: ridurre del 40% il numero di morti e feriti entro il 2010; il codice della strada; Le Linee guida per la redazione dei piani della sicurezza stradale Urbana emanato dal Ministero Dei Lavori Pubblici “Ispettorato Generale per la Circolazione e la Sicurezza Stradale” ed infine, la Legge 17 maggio 1999, n. 144 istitutiva del P.N.S.S..

Castelvenere 03 giugno 2011 DISTINTAMENTE

Il rappresentante  (Comitato Promotore Della PETIZIONE)

Carmine Sanzari

Petizione del 13 Maggio 2010

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.