Io e Giovannino (Atto II)

0

di Riccardo Affinito. Il Varietà. Raccontare tutte le volte che io e Giovannino ci siamo esibiti in pubblico è impresa ardua poiché, quando andavamo a cena fuori con gli amici, quasi sempre “all’intrasatte “ compariva una chitarra e venivano fuori degli spettacolini spontanei che allietavano le serate.

La pizzeria “’e Mamella” a Telese e la trattoria che si trovava tra Cerreto Sannita e Guardia Sanframondi, famosa per i suoi spaghetti alla puttanesca ed il pollo alla diavola, erano quelle che maggiormente facevano da cornice alle nostre improvvisate “performance”.

Più avanti arrivarono le prime feste di piazza. Non vorrei sbagliare, ma credo che la prima volta che ci siamo esibiti sullo stesso palco, è stato in una festa organizzata nella piazzetta situata nelle vicinanze della sede ASL di Telese.

In quella occasione cantai “ ‘A signora a fianco” una canzone di Modugno e Pazzaglia che rappresentava il mio cavallo di battaglia dell’epoca, mentre insieme a mio fratello Gino presentammo “Ncopp’’o curnicione”, un famoso sketch dei “Sadici Piangenti”.

Dal canto suo Giovannino, oltre al suo storico sketch che tutti i telesini conoscono, presentò “Vierno”, il suo cavallo di battaglia dell’epoca.

Qualche tempo dopo, nella stessa piazza, presentammo un nuovo repertorio: Io cantai “Totonno ‘e Quagliarella e Giovannino cantò “Chiappariello”; e queste due canzoni ci sono rimaste appiccicate addosso per il resto dei nostri giorni. Non ricordo esibizioni successive ove non ci sia stato richiesto di cantare queste due bellissime canzoni.

Sicuramente dimenticherò qualcuno, ma desidero comunque ricordare altri amici che diedero il loro contributo “artistico”: Leucio Pacelli, Gigino Cappelletti, Peppe Grillo, Biagio Monteforte che in quella occasione sfoderò la sua famosa “Salomè”.

Desidero anche ricordare Gianfranco Ciabrelli tra gli altri organizzatori degli eventi.

Qualche anno dopo, con l’orchestra diretta da Lucio Monteforte, partecipammo a Castelvenere ai festeggiamenti in onore del Santo Patrono e poi iniziarono gli spettacoli estivi nei bagni vecchi organizzati da Ferdinando Di Mezza:

  • alla chitarra Giovanni Esposito;
  • al mandolino Antonio Ceniccola;
  • cantanti macchiettisti: Giovanni Ceniccola e Riccardo Affinito.

Fu proprio nel corso di uno di questi spettacoli che io e Giovannino realizzammo una delle nostre migliori esibizioni, poiché la stessa si arricchì di alcuni gustosi imprevisti.

Era il 26 agosto 1993 e per quella occasione avevamo deciso di presentare, tra le altre cose, “La Cammesella”, un duetto comico del 1875 con versi di L.Stellato e musica di F.Melber.  Giovannino, come previsto nel testo, doveva interpretare una sposina che si presenta del tutto impreparata alla prima notte del viaggio di nozze, ed io interpretavo Ciccillo, il marito “nu’ poco cetrulo” .

All’approssimarsi della nostra uscita in scena, dietro le quinte ci aiutavano a travestirci mia moglie Angelarosa e la figlia di Giovannino. Travestire me fu abbastanza facile mentre per Giovannino, che doveva travestirsi da donna, le operazioni furono un poco più complesse ed allora mia moglie diede una mano a sistemare il “mantesino”

Quando arrivò il nostro turno, entrammo in scena ed effettuammo un giro del palco tutto da vedere per come eravamo conciati:

I’ purtavo nu’ par’’e cazune nire mantenute cu’ nu’ cap’’e spavo, atturcigliate mponte ca parevano a zuava, nu’ par’’e cazette janche ca spiccavano sott’’o cazone, na’ giacchetta a quadrune azzurre e celeste, na’ farfalla nganna senza ‘a cammisa e na paglietta sturzellata ncasata ncapa.

Giuvannino, vestito ‘a femmina, steva peggio ‘e me!

Purtava nu’ par’’e scarpe nere e nu’ par’’e cazette janche a meza coscia tenute a nu’ reggicàlz niro, nu’ scamiciato a quadrune marrò sbuttunato annanze ca sotto se vedeva na’ suttana nera, nu’ mantesino janco e nu’ scialle ncopp’’e spalle. Senza parlà d’’a biancheria intima. Nu’ par’’e mutande janche che l’arrivavono ncopp’’e denocchie e nu’ reggiseno a copp’’a cannuttiera.

Un turbamento sessuale manch’’e cane!!…auto che Monica Bellucci!!!

A questo punto vi chiederete: e ‘a cammesella? Nun ‘a purtava. Incredibile ma vero.

Tenettemo ‘o coraggio ‘e presentà “ La Cammesella” senza ‘a cammesella!

Il fatto è che per vincere l’emozione, dietro le quinte “ce facettemo nu’ par’’e bicchiere ‘e aglianeca e ce scurdaremo d’’a cemmesella”.

Di queso spettacolo conservavo una videocassetta che, sfortunatamente, non riesco più a trovare; ma credo che la canzone si sviluppò, più o meno, nel seguente modo:

Ric.: E levate ‘o mantesino,

Gio.: ‘O matesino gnernò, gnernò!

Ric.: Si nun t’’o vuò levà, mo me soso e me ne vaco da ccà!

A questo punto Giovannino avrebbe dovuto togliersi il “mantesino” e poi rispondere:

E tè, me l’aggio levato,

Ciccillo contento fa chello che buò.

Cominciò a trafficare ma non riusciva a toglierlo ed io, per non perdere il ritmo:

Sempre a tempo di musica

Si nun t’’o vuò levà, mo me soso e me ne vaco da ccà!

Gio.: ‘O mantesino nun se leva, Ciccillo contento fa chello che buò.

Ric.: Si ‘o mantesino nun se leva, ‘a canzone comm’‘a cantammo?

Gio.: E si ‘o nudeco nun se scioglie, ‘o mantesino comme m’’o levo?

Ric.: Si nun te liéve stu’ mantesino, ccà facimmo matina!

 

Il fatto è che il nodo al “mantesino” lo aveva fatto mia moglie ed allora Giovannino, dopo avermi squadrato bene, sempre a tempo di musica ribatté:

Chi ‘o sape Ngelarosa, che cazzo ha combinato!?

A questo punto cominciammo a ridere “tutt’e quatte” finché Ntuniuccio non fu folgorato dal famoso colpo di genio: posò il mandolino e si catapultò su Giovannino col pretesto di volerlo aiutare a togliersi l’indumento. Lo stesso facemmo io e Giovanni Esposito e così, tra lazzi e sberleffi vari, attrezzammo, da un imprevisto, una delle scenette più comiche del nostro repertorio.

La canzone proseguì, ma io mi fermo qui.

 

Riccardo Affinito.

Io e Giovannino Atto I

……………………..

Per chi volesse ascoltare le canzoni che furono i cavalli di battaglia miei e di Giovannino, può ciccare qui:

………………………..

Riccardo Affinito 1471 letture al 31/12/2012

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.