Telese Terme: SOS verde pubblico

0

di Giuseppe Di Cerbo. Nei giorni scorsi abbiamo dovuto assistere al consumarsi di uno scempio a scapito delle piante di Corso Trieste e della Scuola Media. Infatti sono stati messi in atto “metodi di potatura”, per così dire, RADICALI.  Per questo motivo abbiamo provveduto a chiedere al Sindaco l’immediata sospensione dei lavori e chiarimenti in merito con una apposita interrogazione che si allega insieme a delle foto delle piante “potate”.

::

::

I sottoscritti consiglieri comunali, componenti del gruppo Telese Terme 2010, ai sensi e per gli effetti del vigente regolamento del Consiglio Comunale,

PREMESSO

  • che lungo corso Trieste sono in atto operazioni di radicale potatura dei bellissimi alberi ivi esistenti;
  • che tale indiscriminata operazione posta in essere dagli LSU ha suscitato grande stupore nei cittadini, non solo quelli residenti lungo la suddetta strada;
  • che le operazioni in corso non trovano alcuna logica giustificazione, tenuto conto che il buon senso consiglierebbe non solo di non mortificare tali bellissime piante, ma anche di effettuare eventuali operazioni di potatura leggera in periodi in cui le stesse piante non possano subire pregiudizi e seccare (atteso il gelo proprio di questi giorni);
  • che la tradizione ambientalista del nostro comune e l’attenzione degli operai della Provincia a tutela del verde della nostra cittadina termale non si conciliano con le operazioni in corso;
  • che, in ogni caso, le operazioni in corso dovrebbero trovare la loro logica e regolare autorizzazione in atti / relazioni tecniche degli uffici preposti;

Tanto premesso, si chiede di conoscere:

  1. gli atti tecnico-amministrativi sottesi alle operazioni in corso lungo corso Trieste e sopra descritte nonché i funzionari responsabili del coordinamento e delle direzione dei lavori;
  2. gli eventuali atti autorizzativi degli uffici provinciali e forestali preposti;
  3. se non si ritengano le operazioni in corso di serio pregiudizio per la vita delle piante di corso Trieste, la cui responsabilità non potrà che essere ascritta alla superficialità di chi le ha autorizzate.
  4. Se non ritenga il Sindaco di dover passare dalle parole ai fatti e procedere ad un immediato varo di un piano finalizzato alla individuazione di aree per la piantumazione di nuovi alberi, anche in corrispondenza di ogni nuovo cittadino nato, in modo da dare un serio e concreto contributo all’ambiente ed alle tematiche connesse.
  5. Se non ritenga il Sindaco di ordinare l’immediata sospensione dello scempio in atto.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.