Io e Giovannino (Atto I)

0

di Riccardo Affinito. Giovanni Ceniccola, detto anche Giuvanninno o Piciucculillo, è un mio carissimo amico con il quale ho condiviso molte delle attività tipiche della spensierata giovinezza: il bigliardino, la canzone, il varietà, la caccia, le cenette con gli amici, ‘o padrone e sotto, ma soprattutto “ ‘e mattiate”.

Non mi attarderò a descrivervi il personaggio perché Giovannino è vivo e vegeto… molto vegeto, ed è conosciuto a Telese “ comm’’o sette ‘e denare”. Vi preciserò solamente che anche noi, modestamente, avevamo un discreto rapporto con l‘Aglianico.

Credo valga la pena di raccontare alcuni episodi di cui ci siamo resi protagonisti , anche per tramandare alle future generazioni un diverso modo di vivere la gioventù, oramai in via di estinzione, sostituito, inesorabilmente, dal telefonino,  computer ecc. ecc.

La caccia

All’apertura della caccia di molti anni fa, decidemmo di andare a quaglie  “ncoppa Pietraroia”, dove, tra l’altro, ci saremmo incontrati con due suoi conoscenti di Maddaloni.  Quando raggiungemmo il luogo di caccia e scendemmo dalle auto, notai subito che quei due signori, oltre ai fucili, avevano anche le pistole.

  • Giuvà, ma simmo venuti a caccia ‘e quaglie o che??
  • Statte zitto, nun te fa sentì ca chesta è gente ntussecosa!

Quando cominciò ad albeggiare, iniziammo a battere la zona con due bei cani che avevano portato i due “mammasantissima”; ma io avevo in testa un solo pensiero: sparare qualche colpo con le loro pistole:

  • Giuvà, addimannale si me fanno fa nu’ pare ‘e tire cu’ ‘a pistola?
  • N’abbiammo mó cu’ sti’ pistole!! Fenimmo ‘e caccià e jammuncenne  ‘a casa‘ ngrazia e Dio!
  • Jà…nu’ pare ‘e tire sulamente!
  • Ma po’ essere maje ca cu’ tte è sempe na’ storia!? Statte cujeto, ca chesta nun è ggente ‘a piglià a pazziella!

Ad un certo punto ci fermammo per fare colazione e, una volta finito, con discrezione presi il vuoto di una bottiglia di acqua, la piazzai ad una ventina di metri più avanti e rivolgendomi a quello che mi sembrava più alto in gradi gli chiesi:

  • Capo, me facite vedé si riesco a coglie chella butteglia cu’ sta’ pistola?
  • Comme no!? Basta can un ve facite male!!??

Mi porse la pistola e non vi dico l’emozione quando mi trovai con quell’aggeggio in mano; non avrei mai pensato che fosse così pesante.

“Mettiétte nfaccia e sparaje…..cugliétte  na’ preta ca steva miezu metre luntano d’’a butteglia”

  • Giuvinò, aggia capito, chesto n’è cosa pè vuje. Dateme sta’ pistola!

S’addenocchia ‘nterra, appoia ‘a pistola ncopp’o vraccio e… bummm…nun ‘a coglie manch’isso!

Il suo amico “rideva sott’’e baffe”, ma con discrezione, per non urtare la sua suscettibilità.

Prende la sua pistola e…levateve nu’ poco ‘a lloco!  Bummm…e nun ‘a coglie!

Po’ sparaje Giuvannino e niente. Sparaie i’ n’ata vòta, po’ chill’ato, po’ chill’ato, fernetteme tutte ‘e cartucce ma nun furemo cazzi ‘e coglie chella butteglia! Ma fosse na’ butteglia fantasma?

In macchina, mentre ritornavamo a casa, io e Giovannino ridevamo a crepapelle per quella scenetta della bottiglia e perché, ad un certo punto, gli dissi:

  • Giuvà, certo che a sparà cu’ ‘a pistola, facimmo cchiù schifo ‘e Capeppe!

Quando vengo a Telese, qualche volta mi viene voglia di ritornare in quel posto per verificare se

“ chella butteglia sta ancora llà”.


Un giorno andammo a caccia “ abbascio ‘e Rinazzi “: Eravamo io, lui e Tommaso Fasano, una dei più attrezzati cacciatori dell’epoca. Al tramonto stavamo ritornando a casa con un bottino alquanto magro, quando sentimmo dei rumori provenire da una siepe. “Senza sapé né legge né scrive, sparaje nu’ pare ‘e scuppettate” verso la siepe, senza aver avuto il tempo minimo per decifrare la natura di quei rumori. Notammo subito che dalla siepe non volò nulla e quindi non trattavasi di uccelli. “Forze era nu’ serpe… o forze nu’ coniglio”.

Mentre discutevamo, vedemmo spuntare dalla siepe la punta di una canna di fucile con un fazzoletto bianco attaccato in cima e sentimmo una voce un po’ strozzata che diceva: “ nun sparate cchiù…, mi arrendo!!! Ohibò, trattasi di essere umano.

“Puoi uscire, ma piano piano e con le mani in alto!

Non vi dico la sorpresa quando vedemmo comparire da dietro la siepe il più severo ed intransigente guardacaccia della Valle Telesina, un vero “fetentone”. E subito pensammo “ avimmo passato ‘o guajo!!

Tommaso  lesse la preoccupazione sul mio viso e, da cacciatore esperto quale era, mi rassicurò sussurrandomi:

Stà tranquillo ca nun ce po’ fà niente pecché stà sulo; pè fa quaccosa, avessare esse a dduje.

Si avvicinava con un bel sorriso sulle labbra, sembrava divertito per la battuta, ma appena ci raggiunse cambiò subito espressione e con aria corrucciata ci intimò:

  • Scaricate ‘e fucile  e faciteme vedé ‘o permesso ‘e caccia”

Esauriti i preliminari, entrò  nel merito:

–     Nun ‘o sapite can un se po’ sparà din’’e ssepe?

–     E tu non ‘o sapive can un se po’ cacà arete ‘e ssepe?

–     I’ aggia misso ‘a canna d’’o fucile c’’o fazzuletto janco pè segno!

  • Veramente ‘a canna d’’o fucile c’’o fazzoletto è asciuta dopp’‘e scuppettate!
  • Va buò…po’ facimmo ‘e cunte…pè mò, diciteme chi ha sparato dint’’a sepe!?

–      Ma pecché hanno sparato dint’’a sepe? Uh! Giesù, e chi è stato?

–      E m’addimannate a mme ca steva accuvate llà reta?

–      E tu ‘addimanne a nuje ca ce ne jammo pè fatte nuoste?

–      Ah..pecchè, vuje nun sapite niente??!! Gué!! Nun facite ‘e spirituse ca si no ve levo ‘o

permesso e ve sequestro ‘e fucile!

Fu a questo punto che Giovannino tirò fuori uno dei suoi colpi di genio:

  • Ma nun sarrà  stato chillo ca fujeva a chella parte?
  • Ah! Certamente! E si no, pecché fujeva?

–     Forze ha visto ca stive a ffà ‘o bisogno e ha vuluto fa nu’ scherzo.

Intanto si era fatto notte e noialtri, da classici “cacciatori”, continuavamo a “sparà cazzate una appriesso a n’ata” finché il pover’uomo, preso dallo sfinimento, si arrese pronunciando la fatidica frase.

–     Vabbuò! Pè chesta vòta ce passammo ‘ncoppa……ma si v’acchiappo n’ata vòta????!!!!

Quando ci incamminammo verso casa, Giovannino, alquanto “ntussecato” mi rimproverò dicendomi:

Riccà, tu t’’è stà nu’ poco cchiù attiento….tiene ‘o grilletto troppo facile! Già na’ vòta ncoppa Pietraroia c’è mancato poco can un me cuglive ncapa.

Quanno vengo a caccia cu’ tte c’aggia fa, m’aggia mettere ‘o scafandro??!!



Un giorno nel salone di Giovannino, alcuni cacciatori ci riferirono che “ ‘a torre ‘e Malfa” c’era il passo delle allodole, circostanza che si verificava agli inizi del mese di novembre, dopo l’arrivo dei tordi.

Organizzammo una battuta di caccia e ricordo che oltre a me e Giovannino c’erano Tommaso Fasano, Enrico Vecchi e Franco D’Angicco ( mister Frank ). Può darsi che ci fossero anche altri amici, ma in questo momento non li ricordo.

Il pomeriggio precedente ci recammo “ addò Giuvanne ‘abbatóne” per fare provviste  tenendo presente che se avessimo “’ngarrato” la giornata giusta, potevano occorrere molte cartucce. E allora giù ad acquistare senza ritegno finché un vecchio cacciatore che si trovava nel negozio ci chiese:

  • Ma diciteme na’ cosa, jate a caccia o jate a fa na’ guerra?

Quando giungemmo sul posto, ci schierammo in linea orizzontale ad una distanza di circa 50 mt. l’uno dall’altro e cominciammo a battere la zona. Giovannino stava alla mia destra e “ all’intrasatte tra me e isso s’aizaje  na’ cucciarda ( allodola ).

Subito diressi il fucile verso l’uccello e aspettavo che uscisse dalla traiettoria di Giovannino per sparare; infatti subito dopo non lo vidi più all’orizzonte e sparai. Mentre raccoglievo la preda, mi accorsi che Giovannino stava per terra a pancia in giù e si dimenava come un ossesso:

  • Mamma d’o Carmine, aggia acciso a Giuvannino!!

Molto preoccupato mi precipitai verso di lui e, quando lo raggiunsi, gli chiesi cosa gli fosse accaduto e lui, cominciando piano-piano a rialzarsi, ridendo mi rispose:

  • Riccà, i’ te saccio bbuono a te!! Quanno aggia visto c’he addrizzato ‘o fucile a parta mia, nun avenno addó fuje, m’aggia vuttato nterra e aggia scavato na’ buca cu’ ‘a panza. E così mi sono messo in salvo.

Riccardo Affinito 1023 letture al 31/12/2012

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.