Capeppe, ‘o guappo ‘e Telese (Atto I)

0

 

di Riccardo Affinito. Questa volta vi parlerò di  Capeppe di professione “guappo”, soprannominato così per la sua abitudine, in quanto balbuziente, di anteporre la particella “ca” ai suoi discorsi. Uomo di fascino, riscuoteva molto successo verso l’altro sesso ed, in effetti, gli venivano riconosciute parecchie scorribande amorose.

Sempre acchittato, vestiva il classico abbigliamento “ ‘e l’ommo ‘e cunseguenza “; giacca, sciarpa di seta nel colletto della camicia, fiore all’occhiello e fazzoletto nel taschino. Era una persona di grande simpatia, gioviale, cortese, sempre sorridente; ma nello stesso tempo era accreditato di episodi di “guapparia” eclatanti.

Quello che vi narrerò,  successe tanti e tanti anni fa  “ ‘o Casale “, ove Capeppe si era recato per assistere ad uno spettacolo teatrale insieme ad alcuni amici. Dopo aver acquistato i biglietti, si misero in  fila davanti al locale ove veniva rappresentato lo spettacolo; ma, ahiloro!, l’addetto al controllo dei biglietti era  nientedimeno che Ferdinando “ sferrone “, ove  “sferrone “ non sta per un cognome, ma per  una chiara attitudine.

Alla vista di Capeppe e compagni, Ferdinando sentenziò:

Ferd.:  chill’‘e Telese, nun ponno trasì.

Cap. :  ca…nuje tenimme ‘e bigliette.

Ferd.: e a mme nun me passa manco pa’ capa; aggia ditto ca i Telesini

“        abbuzzagnati” nun ponno trasì, e nun traseno.

Cap. : ca…è meglio a esse abbuzzagnati  ca…“capocuotti d’’o Casale;

Ferdinà, levate a nanze e lassece passà.

Ferd.: ma vuje tenite ‘a capa tosta, aggia ditto ca nun putite trasì.

E, così dicendo, Ferdinando cominciò a spingere Capeppe e i suoi amici fuori dalla fila.

Racconta Capeppe:

ca…cchiù lle dicevo e nun vuttà, ca…chilo cchiù vuttava e a mmé ca…m’abbiaje a ghì ‘o ssangue a via ‘a capa, anzino a che n’ce vedette cchiù…ca…cacciaje ‘o sfierro a rint’’a sacca e…tiè!..tiè!..tiè.., lle vuttaje tre o quatte curtellate.  Ca…Ferdinando cadette nterra comm’’a na pera secca…ca…’a ggente accuminciaje alluccà…nuje apprufittajene d’ammuina e nce ne fujettene. Ca…me ne sagliette ncopp’’o monte e nce rimmanette 4 juorne e 4 notte, aspetanno ‘e sentì si ‘o Casale sunavano ‘e campane ‘a muorto, ca…’e campane nun sunajeno e me ne scennette.

Capeppe non è stato l’unico personaggio del genere a Telese ed indubbiamente ci sono stati altri fatti, da un certo punto di vista, degni di rilievo però, per quanto mi riguarda, a Telese “ ‘O GUAPPO “ era Capeppe!!!

Riccardo Affinito 951 letture al 31/12/2012

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.