Operazione fiumi 2010. Lunedì 25, a Telese Terme

0

di Laura Genga. Arriva in Campania “Operazione fiumi 2010” la campagna di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile per la prevenzione di frane e alluvioni.  Dopodomani, lunedì 25, a Telese Terme (Bn), giornata ricca di iniziative sulla prevenzione del rischio idrogeologico Martedì 26 ottobre, ore 11.00, a Benevento per la presentazione dei dati inediti di Ecosistema Rischio 2010

È la Campania la settima tappa di “Operazione fiumi 2010”, la campagna nazionale di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile dedicata alla prevenzione di frane e alluvioni, realizzata con il Patrocinio dell’Anci e in collaborazione con gli scouts dell’Agesci e del Cngei, l’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco in Congedo e la Protezione Civile della Regione Marche e della Regione Siciliana.

La tappa campana della campagna itinerante di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile si è inaugurata sta mattina, a Telese Terme, con un tavolo di lavoro tra le Amministrazioni di Telese Terme e Solopaca, per concertare interventi di tutela dell’area SIC sita in località Fiumara, tra i due comuni. Operazione Fiumi incontrerà nelle piazze i bambini e i ragazzi delle scuole elementari e medie per spiegare, attraverso una mostra appositamente allestita e un percorso ludico-didattico organizzato con giochi e altre attività, cosa fare per ridurre il pericolo di frane e alluvioni e come comportarsi correttamente per mettersi in salvo in caso di emergenza. Purtroppo, infatti, l’Italia è caratterizzata da un territorio in cui il rischio idrogeologico è capillarmente diffuso. Non a caso dal 1900 ad oggi, proprio a causa del dissesto idrogeologico, nel Belpaese abbiamo contato 10 mila tra vittime, feriti e dispersi e si sono verificati ben 480 mila i fenomeni franosi.

Non solo informazione, ma anche azioni concrete di manutenzione dei corsi d’acqua, con una giornata di volontariato attivo che coinvolgerà i cittadini nella pulizia degli argini dei fiume Calore da rifiuti più o meno ingombranti.

“Operazione fiumi 2010” attraverserà l’Italia da Nord a Sud, passando per undici Regioni, anche per monitorare le attività che gli oltre 5.000 Comuni a rischio idrogeologico hanno messo in campo per la sicurezza dei cittadini e del territorio contro frane e alluvioni. E con i risultati di “Ecosistema rischio” sarà realizzata una vera e propria classifica dello stato di sicurezza dei comuni, per sollecitare interventi e soluzioni di fronte a lentezze e inadempienze, ma anche per valorizzare gli esempi più meritori.

Il programma della tappa campana:

Lunedì 25 ottobre a Telese Terme (Bn), dalle ore 9.00 alle 13.00, Isola Pedonale di viale Minieri, mostra didattica sul rischio idrogeologico appositamente allestita per le scuole di Telese Terme. Distribuzione di materiale informativo e attività di animazione con giochi educativi rivolta principalmente agli alunni delle scuole dell’obbligo. Bambini e ragazzi potranno così imparare quali sono gli interventi da compiere e le attrezzature e i mezzi speciali che vengono utilizzati in caso di emergenza, nonché come affrontare un’alluvione.

Lunedì 25 ottobre a Telese Terme (Bn), dalle ore 14.30 alle 18.00, località Fiumara tra i comuni di Solopaca e Telese Terme, “Operazione fiumi” darà vita ad una grande giornata di volontariato ambientale dedicata alla pulizia di un tratto delle sponde del fiume Calore. L’iniziativa è in collaborazione con le Amministrazioni Comunali di Telese Terme e di Solopaca, con l’Associazione Volontari di Protezione Civile di Benevento e il Forum dei Giovani di Telese Terme.

Martedì 26 ottobre a Benevento, alle ore 11.00, Operazione Fiumi presenterà in conferenza stampa i dati inediti di “Ecosistema rischio 2010”, l’indagine di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile sulle attività dei comuni di tutta la Campania finalizzate alla prevenzione delle alluvioni e alla sicurezza della popolazione.

Ufficio Stampa Operazione Fiumi

Laura Genga

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.