Le mie profezie funzionano!

5

di Adam Biondi. All’indomani della pubblicazione della lettera aperta di dissenso circa le affermazioni di mons. Michele De Rosa sulla pedofilia, in un commento su Facebook scrissi profeticamente “Ho scritto questa lettera perché credo che le affermazioni del vescovo Michele De Rosa siano gravissime e sono disgustato dal fatto che nessun altro da aprile abbia contestato un simile fraseggio. Probabilmente a causa di questa scelta non mi verrà più consentito di fare la guida turistica ma almeno potrò camminare con la testa alta.”

Vengo così a sapere che circa un mese fa un parroco di Cerreto Sannita (non pensate male, non è quello della Cattedrale) ha avuto un colloquio molto particolare con il coordinatore della Pro Loco di Cerreto Sannita. In questo “incontro” il sacerdote esprimeva la sua preoccupazione per il fatto che come guida turistica veniva scelto molte volte il sottoscritto ed invitata la Pro Loco di Cerreto ad evitare che i turisti fossero guidati da me.

Caro Don Edoardo, mi meraviglio. Ogni volta che ho guidato un gruppo di turisti nella Collegiata di San Martino e per il paese ho sempre detto che è grazie al suo intervento che molte opere artistiche si sono conservate e sono arrivate intatte sino ai giorni nostri. Come Don Edoardo ben sa non ho mai parlato di politica né del Vescovo né di ogni notizia che non sia inerente la spiegazione storica ed artistica dei luoghi.

Allora, mi domando, come mai lui ha invitato la Pro Loco a non farmi guidare più gruppi di turisti? Forse perché io ho scritto una lettera nella quale ho denunciato la gravità delle dichiarazioni sulla pedofilia del nostro vescovo? Lascio qualsiasi giudizio ai lettori ma una risposta al mio caro parroco glie la devo dare: Caro Don Edoardo, se molte volte vengo scelto io come accompagnatore di gruppi (dal Comune, dalla Pro Loco, dal FAI, dall’ANCESCAO, dall’INPDAP ecc.) è perché evidentemente sono bravo e conosco la differenza che c’è fra arte barocca e arte neoclassica al contrario di qualcuno che se non erro, oltre ad essere sacerdote, è pure laureato!

Ma da Don Edoardo una uscita simile potevamo aspettarcela, in fondo doveva fare pur qualcosa per “tutelarsi” davanti al suo “datore di lavoro” e per dire a chissà chi  che aveva fatto qualcosa per abbattere il “nemico” Adam Biondi la cui unica colpa è quella di aver contestato un vescovo che afferma tranquillamente di non voler denunciare preti pedofili specie se “pentiti sinceramente”. Quello che non mi aspettavo era il comportamento di un’altra persona, organizzatrice delle ultime due edizioni del raduno dei camperisti del Touring Club Italiano a Cerreto Sannita.

Prima di entrare nel merito del discorso riporto una lettera di un camperista, avvocato, che così si esprimeva in merito all’accoglienza ricevuta a Cerreto durante l’edizione 2009 del raduno:

    “Gentile direttore, vorrei segnalare la stupenda esperienza vissuta dalla mia famiglia e da me in qualità di ospiti del comune di cerreto sannita in occasione del week end delle bandiere arancioni del 3-4 ottobre u.s.. Siamo stati accolti con entusiasmo e gentilezza e siamo stati coccolati per due giorni interi dal prof. Tommaso Giannetti e da Adam, giovane e valente studente dell’istituto d’arte.
    Come accade ai veri e propri ospiti di riguardo  ci sono state aperte le porte della città, del museo della ceramica, e di numerose stupende chiese viceversa non aperte al pubblico.
    La sera del primo giorno non è mancato un ricco buffet offerto dal comune ed il sottofondo musicale di una fisarmonica che ci ha cullato fino al riposo notturno.
    la mattina seguente i nostri due angeli custodi ci hanno mostrato le bellezze naturalistiche del comune di cerreto (la rocca della leonessa etc) raggiunte grazie a due scuolabus messi a disposizione dalla amministrazione.
    Le confesso che tanta cordialità , professionalità , gentilezza erano forse inattese e che andando via abbiamo tutti noi sentito di avere scoperto un patrimonio di umanità, cultura, storia che senza l’occasione della festa del plein air sarebbe andato per noi perso.
    Un saluto affettuoso ed un ringraziamento da parte nostra al prof. Giannetti, ad Adam, al sindaco di Cerreto, a tutti i cittadini che,  vedendoci passeggiare così numerosi tra le strade del paese, ci hanno sempre donato un sorriso di benvenuto[…]”
    .
    http://paesiarancioni.cantiere.duemetri.com/site/12467/default.aspx

Quindi era scontato il fatto che anche per l’edizione 2010 “sarei stato riconfermato” come guida turistica tanto è vero che a maggio, incontrandomi per strada, il prof. Giannetti mi disse di tenermi pronto per l’edizione 2010 che si è svolta ad ottobre. Ma non sono stato più convocato, come mai? Forse perché a luglio ho scritto una lettera nella quale ho denunciato la gravità delle dichiarazioni sulla pedofilia del nostro vescovo?

Sapevo già da luglio che il prof. Giannetti non mi avrebbe chiamato ma, conoscendo il prof. Giannetti e sapendo che è una persona di cultura, mi sarei aspettato almeno un discorso del tipo “Adam ti avevo detto che dovevi fare la guida ma purtroppo non posso più chiamarti altrimenti mi espongo”. Avrei accettato un discorso di questo tipo, ma purtroppo non mi è stato fatto!

Questo comportamento del tipo “non chiamiamo Adam come guida altrimenti la Curia si arrabbia” mi ha profondamente deluso perché mi ha fatto notare che il prof. Giannetti ha dimenticato tutto la mia disponibilità avuta negli anni scorsi nei confronti delle sue iniziative specie quando era Assessore alla cultura. Egli forse ha dimenticato che il sottoscritto, dietro sua richiesta, quando nel 2007 mancava il custode del museo il sottoscritto per l’intera estate ha aperto e chiuso il Museo civico garantendo così la fruibilità del museo. Ed il tutto gratis! Forse ha dimenticato tutte le volte che ho guidato, dietro sua richiesta, gruppi di turisti gratuitamente! Forse ha dimenticato l’ottimo lavoro svolto la scorsa edizione del raduno dei camperisti come confermato dalla lettera dell’avvocato sopra riportata!

Io invece ho un grande difetto, non dimentico! Per il resto non ho nulla da ridire e sarò sempre disponibile a dare un aiuto per rendere migliore il nostro paese, qualsiasi persona sia a chiedermelo.

5 Commenti

  1. Caro Adam, a te hanno vietato di fare la guida turistica, perchè hai fatto semplicemente e giustamente delle domande, a me certi personaggi di “cultura” che tu nomini, per ripicca politica in occasione di un agriflop di qualche anno fa, chiusero l’accesso alla mia attività commerciale per una settimana, creandomi disagio e danni economici. E che vuò fà, QUESTA E’ CERRETO.

  2. Mina e Cocciante, in un lo ro storico duetto, affermavano che l’Amore è tutta “Questione di Feeling”. Oggi, è tutta “Questione di ingerenze”, basti pensare agli scandali IOR-Marcinkus-Calvi, “Crimen Sollicitaionis” per cui ti stai battendo, Ultimo, l’attentato alla libertà di Pensiero avvenuto ultimamente in Sicilia, in una visita pastorale costata ai contribuenti fior fior di € (alla faccia della crisi e di voti di povertà) e tanti ma tanti altri. Purtroppo, anche a causa delle ingerenze che la Chiesa ha sempre fatto valere negli ambienti socio-economici-politici, ci troviamo in un Paese che è privo i una tendenza a crescere culturalmente ed andare avanti in nome di una sempre più ricercata Laicità. Pubblico questo link: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2010/10/11/visualizza_new.html_1734351986.html per far capire quanto questa istituzione, possa da una parte far credere di risolvere i problemi, non rendendosi conto di Avere una delle Banche col Segreto Bancario più chiuso al Mondo (IOR) in cui la Mafia depositò del denaro da riciclare, parla di Castità mentre alcuni suoi dipendenti intrallazzano con bambini, e parla di droga, che è il traffico che ha reso più ricca quella Mafia con cui il suo Amico Marcinkus intratteneva rapporti finanziari. Come vedi, spesso, le istituzioni, si sbugiardano da sole, anzi, propinano il Conservatorismo per acquietare gli animi e intanto fare i loro giochi sporchi alle spalle e non permettere alla Società di Riflettere ed essere perlomeno critica a casa propria : http://www.ilgiornale.it/esteri/spagna_periodico_satirico_bloccato_tipografia_vignetta_contro_papa/cronaca-attualit-spagna-galizia-papa-caricatura-tipografia/27-10-2010/articolo-id=483020-page=0-comments=1 . Bisogna avere il coraggio di denunciare, di aprire le menti chiuse, di far riflettere e porre dei dubbi, cercare di “propagandare” la visione critica delle cose, al posto di dare sempre tutto per scontato come “materia di studio altrui”; perciò, Caro Adam, ti supporto almeno moralmente in questa tua “Crociata (tanto per stare in tema), per far aprire gli occhi a molte persone e far capire dei meccanismi che ormai sono lì lì per incepparsi.
    Appuntamento a fine mese di Novembre, con sempre crescente Stima,

    Antonio Castellitto

  3. Grazie Antonio, i tuoi commenti sono sempre graditi e ti ringrazio ancora una volta per il supporto morale che riservi nei miei confronti. Sono d’accordo perfettamente con il tuo intervento ed in particolare dove dici che “Bisogna avere il coraggio di denunciare, di aprire le menti chiuse, di far riflettere e porre dei dubbi, cercare di “propagandare” la visione critica delle cose, al posto di dare sempre tutto per scontato come “materia di studio altrui””. Questa frase è importantissima e deve far riflettere un sacco di persone. Anche per questo motivo, se non hai nulla da ridire, la divulgherò il più possibile e la inserirò nel mio profilo Facebook nella parte dove sono raccolte le citazioni e gli aforismi.
    Grazie ancora,
    Adam Biondi

  4. Caro Adam, tutta la mai solidarietà.
    Se la Pro-Loco si è sottomessa a tal punto al potere ecclesiastico, credo ci sia veramente un problema grosso in questo paese. la Pro-Loco, per quello che è sucesso, non avrebbe dovuto sottostare alle volontà della curia ma dissociarsi pubblicamente dalle dichiarazioni del vescovo De Rosa quando afferma “‘Bisogna chiaramente perseguire questi casi, ma bisogna avere rispetto del peccatore. Non denuncerei alla polizia un prete accusato. Soprattutto se si e’ pentito sinceramente, lo toglierei di la’ e lo metterei in un posto dove non puo’ piu’ far male, dove avrebbe meno tentazioni”.
    La dissociazione della Pro-Loco doveva essere netta e decisa perchè se la Pro-Loco incarna usi, costumi e cultura di questa comunità allora a maggior ragione doveva prendere le distanze e contestare vibratamente scrivendo a chiare lettere che il popolo di Cerreto Sannita non di riconosce in quelle dichiarazioni fatte da un rappresentante così alto di queste comunità.
    Noi come gruppo di minoranza consiliare “da Sempre per Cerreto” abbiamo presentato un’apposita interrogazione al sindaco che, come ben sai, ancora non ha risposto.
    Evidentemente i “poteri” si sostengono a vicenda e specialmente a Cerreto Sannita dove il clero ha sempre dettato tempi e modi, anche della politica.
    Magari ti propongo, per la notte del 24 dicembre, di organizzare un sit-in “anti-pedofilia” sul sagrato della Cattedrale in occasione della messa di Natale.
    Gisueppe Fappiano

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.