Riti settennali. La chiusura della lastra

0

di Giovanni Lombardi. E’ difficile in tre minuti e trentatré secondi, anche con le immagini, raccontare l’appendice processionale che precede la chiusura della lastra.

Ci ho provato, anche se immancabilmente mi accorgo di aver dimenticato quel determinato fotogramma … ma si sa, i tempi del web mal si conciliano con un racconto certosino.

Ho voluto, in un certo senso, iniziare dalla fine. Dalla fine di questi riti settennali di penitenza 2010 e da quella piccola, intensa e particolarissima processione che si svolge sul piazzale del santuario di Guardia Sanframondi. Pochi conoscono questa ‘appendice‘ processionale, infatti, si può dire che la partecipazione, è a esclusivo appannaggio della popolazione residente. La statua dell’Assunta, sempre preceduta dai campanelli, dopo la messa è portata fuori del santuario per la piccola processione.

La statua e il baldacchino ondeggiano tra la folla, i  fedeli  applaudono l’Assunta in segno di gioia e di saluto, la invocano, la toccano per l’ultima volta, la trattengono … quasi a non volersene staccare …

Poi è fatta sostare a metà percorso, infine, sulla piazza inondata dalla luce del tramonto … con lo sguardo rivolto verso valle e le spalle al santuario molto lentamente, a ritroso l’Assunta è portata in chiesa, si chiude la ‘lastra’ della nicchia seguendo lo stesso cerimoniale per l’apertura.  I riti settennali 2010 sono, a questo punto, ufficialmente terminati. Se ne riparlerà tra sette anni ad iniziare da lunedì 21 agosto fino alle domenica seguente 27 agosto 2017.

www.ritisettennali.info

il blog di ritisettennali

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.