In distribuzione il primo numero di ‘Fuoridalcomune’

0

di Raffaele Di Santo. In distribuzione dalle ore 21,00 in Piazza san Barbato. “Fuori dal comune” non nasce grazie a noi. È sempre esistito, in ogni casa i n ogni vicolo, in tutti i luoghi e… in “tutti i laghi” come direbbe il vincitore di Sanremo 2010: Valerio Scanu. Il nostro periodico è la sintesi divertente e ahinoi raccapricciante degli episodi “fuori dal comune” che caratterizzano la nostra società e tanto più la cittadina Castelvenere. Non esiteremo ad esaltare gaffe, meriti, straripanti ambizioni di nani e giganti della politica, del giornalismo, della cultura, di giocolieri su fili di lana bruciati in partenza e saltimbanchi voltati, in oscena calzamaglia.

Siamo un O.G.M. creato dall’uomo, dalla donna e dal ragazzo che ha voglia di aria fresca, di satira pungente e un pizzico di ironia che non guasta. In questo primo numero di agosto, cui siamo certi di un riscontro positivo abbiamo affrontato argomenti molto vicini al popolo castelvenerese dandogli uno sguardo al passato e ai dintorni. Spazio dunque ai vecchi “segreti” dell’archivio di Stato, ai nuovi personaggi politici, agli scandali della chiesa, alle interviste e alle curiosità più accattivanti. Di recente abbiamo lanciato una nuova iniziativa per denunciare episodi di maltrattamento, disattenzione, inefficienza amministrativa dal titolo “sullaboccaditutti”. Un giorno, sul network fb mi si lasciò un commento con scritto: “A Castelvenere si dovrebbero dire tante cose… è meglio tacere!”- la risposta fu quella che poi è divenuta la nostra frase rappresentativa del giornale e cioè: “Se la libertà di stampa significa qualcosa, significa il diritto di dire alla gente ciò che non vuol sentirsi dire.’ “ G.O. In veste di direttore e di promotore dell’iniziativa ci terrei a precisare che “Fuori dal comune” è un’idea nata da ragazzi e gestita totalmente da ragazzi e dunque lontana da ogni schieramento politico, strumentalizzazione o forme di ostruzionismo. “Fuori dal comune” non ha senso senza di voi… senza il libero cittadino e il libero lettore. Dunque… siate con noi come davanti a un altare… nella buona e nella “cattiva sorte!”.

A voi … “FUORI DAL COMUNE!!!”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.