Cerreto. Due interrogazioni della minoranza al sindaco

1

di Giovanni Pio Marenna. Due interrogazioni urgenti a firma di Rocco Corvaglia e Giuseppe Fappiano  sono state inoltrate dal gruppo di minoranza ‘Da sempre per Cerreto’ al sindaco del comune cerretese. Ecco il testo integrale:

Il sottoscritto,  Corvaglia Rocco, consigliere comunale di Cerreto Sannita, eletto nella consultazione del  6 e 7 giugno 2009,

Premesso:

  • che alla locale Pro Loco venivano assegnati alcuni locali del chiostro di Palazzo Sant’Antonio, tra cui anche i bagni, al fine di rendere fruibile ai visitatori il museo della ceramica;
  • che i bagni, tra cui anche quello per disabili, versano in stato di totale abbandono e non assolutamente utilizzabili fruibili da parte dei visitatori;
  • che la mancata manutenzione degli stessi ha prodotto perfino il distacco delle piastrelle;
  • che i componenti della Pro-Loco lamentano che gli stessi bagni inutilizzati sono diventati dei veri e propri depositi di vari materiali e suppellettili;
  • che inoltre il disimpegno dell’anti bagno, come constatato dal sottoscritto, è invaso da sacchi di rifiuti indifferenziati su cui qualcuno ha perfino urinato, molto probabilmente perché trovandosi in stato di necessità i bagni erano chiusi e trovando i bagni chiusi, ha espresso i suoi bisogni;
  • che tale situazione persiste da molto tempo anche perchè non viene effettuato alcun lavoro di pulizia e disinfettazione mettendo a serio rischio la salute degli inconsapevoli visitatori;

chiede di sapere:

  1. i motivi per cui non c’è nessun intervento in ordine alla risistemazione dei bagni, compreso quelli per persone diversamente abili, situati al pian terreno di Palazzo Sant’Antonio al fine di renderli fruibili ai visitatori della nostra cittadina;
  2. i motivi per cui  non viene effettuata la raccolta dei rifiuti accumulata nell’anti-bagno;
  3. i motivi per cui non è attivata una efficace disinfettazione e disinfestazione al fine di scongiurare possibili infezioni;
  4. i motivi per cui la ditta di pulizie non effettua  la normale pulizia.

Cerreto Sannita, 30 agosto 2010

In fede

Rocco Corvaglia

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

Interrogazione urgente a risposta scritta ed orale

Premesso:

  • che la Scuola Calcio Valle Titernina, con sede sociale in San Lorenzello, ha prodotto regolare richiesta al Comune di Cerreto Sannita per la concessione dell’uso del campo sportivo comunale per la nuova stagione sportiva 2010/2011 per svolgere la propria attività di Scuola Calcio;
  • che con Determina del Commissario Straordinario (Con i poteri del Consiglio) n° 21 dell’11 settembre 2003 questo Comune si dotava del “Regolamento per l’utilizzo del campo di calcio” per far fronte a diversi problemi sorti in funzione di più richieste da parte di più società sportive operanti nel territorio;
  • che con atto n° 7333 del 05/08/2010 a firma del responsabile del settore competente ing. Napoletano, è stato negato l’uso dell’impianto con la motivazione che per lo stesso periodo è stata fatta analoga richiesta da parte della Scuola Calcio Polisportiva Cerretese;
  • che è incomprensibile il diniego dell’autorizzazione alla Scuola Calcio Valle Titernina mentre, allo stesso tempo si concede, di fatto, “in modo esclusivo” la struttura sportiva alla nascente Scuola Calcio Polisportiva Cerretese.
  • che tale decisione è in palese contrasto con quanto previsto dal regolamento sopracitato per i seguenti motivi:
  1. Comma 1, Art. 4 – Il presidente della Scuola calcio Valle Titernina ha fatto regolare richiesta anche in nome e per conto di cittadini residenti in Cerreto Sannita aventi diritto ad usufruire dell’impianto indipendentemente dalla residenza fiscale della Associazione Sportiva perché non prevista;
  2. Comma 3, Art. 4 – Che a fronte di più richieste per l’utilizzo dell’impianto, non è stata attivata la prevista concertazione da parte dell’Ufficio Sport come espressamente regolato;
  3. Art. 6 – è vietato in modo assoluto l’utilizzo dell’impianto sportivo in modo esclusivo da parte di un solo gruppo tranne nel caso in cui si tratti dell’unico richiedente;
  4. Articolo 8 – Comma 2 punto 1) – La Scuola Calcio Valle Titernina risponde in modo pieno a quanto richiesto in quanto i bambini residenti a Cerreto Sannita e tesserati con la stessa sono in maggioranza rispetto a quelli residenti in altri comuni così distinti: residenti a Cerreto Sannita n° 23 – residenti in altri comuni n° 20;

Ciò premesso chiede di sapere quali provvedimenti di indirizzo intende adottare il Sindaco e la Giunta Comunale per porre rimedio alla illegittimità del diniego sopra richiamato con conseguente applicazione corretta del regolamento per la gestione del campo sportivo di cui alla Determina del Commissario Straordinario (Con i poteri del Consiglio) n° 21 dell’11 settembre 2003.

Cerreto Sannita, 30 agosto 2010

Il Consigliere Comunale
Giuseppe Fappiano

1 commento

  1. Come sono lontani i tempi in cui il Corriere della Sera scriveva: bagni a 5 stelle! Che peccato ridurci così!
    Per il campo, che dire. Una volta lo sport serviva per unire, ora anche questo ci divide.
    Che tristezza ci regala Cerreto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.