“Non scherzate col fuoco”: sportelli informativi di Legambiente a Vitulano e Frasso Telesino

0

di Grazia Fasano Al secondo anno nel Parco Regionale del Taburno Camposauro Legambiente Campania punta a sensibilizzare i cittadini alla salvaguardia dei boschi all’interno del Parco, attraverso la Campagna nazionale di monitoraggio, prevenzione e informazione sugli incendi boschivi “Non scherzate col fuoco”.

È il grande appuntamento di volontariato ambientale in difesa dell’immenso patrimonio forestale dagli incendi boschivi. Non scherzate col fuoco, di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile, torna sabato 3 e domenica 4 luglio nelle piazze e nei boschi più belli d’Italia.

Non scherzate col fuoco è un’iniziativa d’informazione, di prevenzione e di pulizia, un’azione concreta per garantire boschi più protetti e più fruibili. In oltre 500 località Legambiente invita ad unirsi ai volontari per diventare anche  protagonisti contro gli incendi.

Il weekend di Non scherzate col fuoco sarà un’occasione per informarsi sugli incendi boschivi e sui corretti comportamenti da assumere in caso di pericolo. In oltre 500 piazze d’Italia e nelle aree boschive più colpite dagli incendi, saranno allestiti stand informativi dedicati a tutta la cittadinanza.

Escursionisti, cacciatori, pastori, agricoltori e cittadini di ogni età potranno ritirare gadget e materiali divulgativi.

I roghi nell’ultimo anno  in Italia sono diminuiti: si sono verificati 5.422 incendi boschivi, che hanno percorso una superficie complessiva di 73.300 ettari, una riduzione significativa del 20% rispetto al 2008. Sebbene il fenomeno risulti ancora diffuso lungo tutto lo stivale, sono Calabria, Sardegna, Sicilia e Campania le regioni più colpite, con un patrimonio boschivo andato in fumo nel 2009 di circa 60.000 ettari, l’80% di tutto il territorio bruciato in Italia.

Il patrimonio forestale italiano è di 8.700.000 ha, e la superficie percorsa dal fuoco negli ultimi 10 anni è  stata di 838.780 ha, pari al 10% di tutte le aree verdi del nostro Paese.

Dai dati dello Stap Foreste, risulta che  nella provincia di Benevento, nel 2009 si sono verificati 112 incendi boschivi che hanno percorso una superficie complessiva di 188.36 ettari.

Per l’anno 2008 su un totale di 436 incendi sulla provincia beneventana 119 si sono verificati solo all’interno del territorio del Parco Regionale del Taburno-Camposauro che hanno percorso una superficie complessiva di 128.78 ettari di cui 29.91 esclusivamente di superficie boscata, una grossa perdita per una delle più ricche aree verdi della nostra provincia.
Nel fuoco che divampa si conferma un pericoloso segnale di rifiuto della legalità: oltre il 70% degli incendi sono di natura dolosa, appiccati intenzionalmente.
E’ il motivo per il quale Dal Nord al Sud d’Italia, e anche nel Parco Regionale del Taburno-Camposauro, per l’estate 2010 Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile organizzano campi di volontariato antincendio e di cultura di protezione civile all’insegna della sostenibilità ambientale.
Legambiente Campania, nell’ambito del progetto “Vivi il Parco” sostenuto dalla Fondazione per il Sud, in collaborazione con con Parco Regionale Taburno-Camposauro, STAPF Benevento, Comunità Montana Taburno, Protezione Civile di Vitulano, Amministrazione Comunale di Frasso Telesino, Associazione Enpas Frasso Telesino , CSV Frasso Telesino sta realizzando all’interno del Parco Regionale Taburno-Camposauro 6 campi di volontariato di antincendio boschivo nel periodo compreso tra il 14 giugno e il 15 settembre 2010.

Le iniziative della campagna “Non scherzate col fuoco” nel Parco Regionale del Taburno Camposauro sono 2 sportelli informativi, sabato 3 luglio, dalle 17.00 alle 20.00 in piazza SS.Trinità a Vitulano, e domenica 4 luglio , dalle ore 10.00 alle ore 13.00 nella villetta comunale a Frasso Telesino.

“Molti cittadini si avvicinano ai nostri tavoli informativi non solo per informarsi ma anche per segnalare conportamenti scorretti di cui sono a conoscenza –  dichiara Mara Guerrera, responsabile di Legambiente della campagna. Lo spot della campagna di quest’anno è: Se avvistate un incendiochiamate il 1515 o 115…non pensate che lo abbiano già fatto!, perché il problema grave è che, per il ritardo degli interventi di spegnimento, i piccoli fuochi si possano trasformare in grandi incendi ”.

“Se non consideriamo l’estate scorsa,  – afferma Grazia Fasano, presidente di Legambiente Valle Telesina – nella quale gli incendi boschivi sono stati ovunque in Italia condizionati anche dalle condizioni climatiche, sono troppi gli incendi nell’area del Taburno Camposauro soprattutto considerando il patrimonio boschivo come essenziale per la conservazione degli habitat presenti del Parco e del suo patrimonio di biodiversità. L’attenzione va mantenuta alta, e il  numero degli incendi va combattuto in ogni modo, con la prevenzione, con l’attività investigativa e anche con il catasto delle aree percorse dal fuoco a cura delle Amministrazioni comunali, per scongiurare i diversi interessi che ruotano intorno agli incendi dei nostri boschi.”

Le regole di della Campagna “Non scherzate col fuoco”

I protagonisti siamo noi

Il vero nemico del bosco non è il fuoco, ma chi appicca gli incendi. Impariamo a… Non scherzare col fuoco!

› Non abbandonate i rifiuti nei boschi, raccoglieteli negli appositi contenitori o portateli via.

› Non rinnovate il pascolo bruciando, in modo incontrollato, la vegetazione erbacea secca

› Non accendete fuochi fuori dalle aree attrezzate o vicino ad alberi, ceppi, erba e lettiera.

› Non accendete nei campi stoppie e residui vege-tali quando c’è vento e la vegetazione è secca

› Non gettate fiammiferi e mozziconi di sigarette non completamente spenti

› Rispettate sempre la segnaletica che informa sul pericolo d’incendio

› Segnalate alle autorità competenti qualsiasi ille-cito che vedete compiere ai danni del bosco

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.