Lettera aperta ai Sanniti

0

di Luigi Rotondi. Ho sempre sostenuto che il Centro Storico di Guardia Sanframondi è un tesoro che  appartiene all’intero Sannio. E’ luogo – perciò – in cui dovrà primeggiare la cultura e non il degrado sociale, nel rispetto, peraltro, delle deliberazioni di Consiglio Comunale, scaturite da mie ragionate proposte. L’attuale Sindaco, forse perché prigioniero del risultato elettorale inquietante – rispetto a cui ogni coscienza democratica dovrà fare le necessarie riflessioni – sta marciando in senso contrario.

A suo stesso dire, ha già chiesto alla Regione Campania di finanziare la ristrutturazione delle case del Centro Storico, per destinarle ad abitazioni di tipo economico e popolare non necessarie.

Per riportare la politica ragionata in Guardia Sanframondi – rispetto al rozzo scenario dei fronti familiari contrapposti, ma uniti contro il progresso – ho fondato il Movimento Politico Sannio Unito.

Lottando pressoché da solo, ho elevato – con una campagna elettorale onesta e culturalizzata – quasi il sette per cento dei votanti, ai quali rinnovo la mia stima.

Ho fondato detto Movimento anche per onorare l’impegno profuso – dal lontano 1970 – unitamente all’indimenticabile Togo Bozzi (io eletto nel gennaio 1982 vice Presidente del Comitato pro istituenda Regione Sannio-Molise, don Togo eletto Presidente del Comitato stesso) per liberare il Sannio dalla morsa campana.

Ho esposto detto Movimento pure per dire – a chi vorrebbe legare le Terre Sannite addirittura alla Provincia di Salerno – di non perdere tempo, perché l’area matesina e fortorina è già con un piede nel Molise, mentre Benevento Città non ripeterà l’errore di accettare la convivenza politica con Avellino e Salerno.

Per le ragioni spiegate, chiedo ai Sanniti – che come me si battono per la moralizzazione della politica – di seguire con attenzione le vicende amministrative guardiesi.

Cordialmente.

Guardia Sanframondi, lì 28/05/2010

Avv. Luigi Rotondi

Movimento Politico Sannio Unito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.