Poche parole a mio figlio Marco

0

di Alessandro Falconieri Non ti ho dedicato molta attenzione in questi giorni.  Non l’ho fatto per due ragioni fondamentali:

1 Come ben sai ho predisposizione all’esaltazione di progetti più che di totem (fossero anche miei figli);

2 non ho voluto interferire con l’esperienza che ti ha visto coinvolto con tanta passione, una esperienza che deve appartenerti tutta e che deve irrobustirti.

Mi sembra giusto, adesso renderti giustizia pubblicamente per un’assenza che so ti è pesata, e lo faccio con la fierezza di padre che, pur riconoscendo eccessi di rigore, non può astenersi dal sottolineare l’utilità di questo in relazione ai risultati che consegui nel quotidiano che vivi con la tua personalità e senza rendite di posizione.

Non ho interferito, come dicevo, ma ti ho osservato ed ho apprezzato il consenso che ho visto intorno a te. Mi è finanche capitato di essere avvicinato da persone che avevano capito chi fossi avendomi individuato come “padre di Marco”…

Ieri poi il giorno della gioia, contenuta nella misura adeguata al tempo, per me arricchita da un velo di dolce malinconia.

Dallo spoglio della duecentesima scheda circa, per stabilire il momento, si è presentata al mio cuore l’immagine di un Amico non più tra noi, con il quale ho condiviso sogni, speranze ed amarezze, Uomo buono ben oltre l’apparente ruvidezza tutta foggiana (come spesso Gli dicevo), Maestro di vita prima che di scienza: Vittorio Pagliarulo.

L’immagine mi ha accompagnato per tutta la giornata ed ho rivissuto a memoria le pagine da Lui regalate ai frequentatori di Vivitelese, provando ad immaginare cosa ci avrebbe regalato a sera…

Poi sono uscito dalla tenera apnea ed ho realizzato: ha vinto Telese! In questo sono stato aiutato dal vedere te felice come se fossi diventato il Sindaco.

Questo mi ha confermato che la fede e l’entusiasmo profusi hanno avuto in te ragione ben oltre ogni sterile e stupido personalismo. Bravo, stai crescendo bene!

Sono perciò andato a letto distrutto dalla stanchezza accumulata negli ultimi giorni, ma orgoglioso del fatto che alcuni mi riconoscano perché … sono il padre di Marco!

31 marzo 2010

Alessandro Falconieri 1550 letture al 31/12/2012

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.