Viva la partecipazione agli incontri della lista ‘Vinci Telese’

0

di Assunta Funaro

Manca una settimana al verdetto finale, si infittiscono gli incontri e si fa sempre più viva la partecipazione della popolazione. La prima sera di primavera non ha tradito le attese sia in termini climatici che di affluenza e partecipazione dei cittadini al comizio  della lista Vinci Telese in Via Aldo Moro. Qui, dove la tradizione vuole avvenga il comizio di chiusura, già si respira quell’atmosfera frizzante dell’ultimo venerdì, nonostante manchino ancora cinque giorni.

VIDEO: “VINCI TELESE IN VIA ALDO MORO”

http://www.youtube.com/watch?v=GYib9EG4vHU

L’incontro è aperto da Cosimo Di Meola, alla sua prima esperienza politica. Di Meola, seppur emozionato, ha articolato un discorso complesso per tematiche e argomentazioni.

Sottolinea il suo essere principalmente un artigiano, “il cui nobile mestiere riesce a trasformare le materie prime in beni utili a sé e agli altri” e continua rimarcando la difficoltà che hanno avuto in questi anni tanti piccoli imprenditori come lui, a trovare spazio nei pur numerosi appalti pubblici e privati.

“Con la mia esperienza lavorativa, con l’esperienza di vicepresidente della Confartigianato voglio contribuire affinchè si intraprendano azioni a sostegno della nascita di associazioni fra commercianti e imprenditori, associazioni fra i comuni e vengano incentivate le competenze e lo spirito imprenditoriale dei giovani, attraverso agevolazioni quali borse e progetti di studio”.

Segue Anna Tecce che motiva la sua candidatura come legame naturale al suo impegno professionale. “Come psicologa combatto tutti i giorni per il benessere sociale, e credo sia giunto il momento che la politica si assuma lo stesso compito: risanare il tessuto sociale. Nel nostro gruppo abbiamo ben chiaro che, per il bene della collettività, è giunto il momento di collaborare, è giunto il momento di passare da una democrazia rappresentativa a una democrazia partecipativa che non tenga conto dell’appartenenza partitica, ma sia attenta ai bisogni dei cittadini, soprattutto delle fasce più deboli”.

Dopo l’intervento squisitamente tecnico  tenuto al quartiere Scafa, Carmine Covelli si esprime in termini più filosofici analizzando il significato della parola politica. Considerata una dimensione naturale secondo Aristotele e Tommaso d’Aquino, ritenuta una costruzione artificiale dell’uomo per garantire la sicurezza della propria vita, secondo altri autori, tra cui Hobbes. “Purtroppo a Telese gli ultimi eventi hanno constatato che si trattava più di politica sul modello di Hobbes che di dimensione naturale dell’uomo. È un modo di fare politica che va modificato. Telese ha bisogno di idee per cambiare e diventare il gioiello della valle telesina, e noi della lista Vinci Telese, queste idee le abbiamo e ve le stiamo proponendo incontro dopo incontro”.

“In questa prima serata di primavera, con la vostra numerosissima presenza, stiamo scrivendo la nuova primavera di Telese per noi e per i nostri figli” sono le prime parole dell’intervento di un Michele Selvaggio particolarmente emozionato. “Assieme a voi sarà possibile realizzare il sogno di una Telese che sia termale non solo nel nome. Un termalismo che porti ricchezza a tutti, che consenta ai giovani di lavorare, che sia propositivo per il futuro dei nostri figli”.

L’ultimo intervento, prima del discorso del candidato sindaco Carofano, è di Giovanni Liverini, il quale chiarisce che il suo tono di voce non è dovuto alla rabbia bensì alla passione. “La nostra è una proposta politica che punta alla legalità, a fare di Telese il paese dell’accoglienza” e continua “sappiamo bene di dover affrontare problemi spinosi ma abbiamo dalla nostra competenze e credibilità. Va data una risposta concreta in termini di lavoro creando nuove possibilità, penso alla casa per gli anziani, che esiste ma giace, e che da sola può occupare trenta persone; penso alle Terme, per le quali, in sinergia con gli attuali gestori, va attuato un piano che consenta l’apertura degli stabilimenti termali per tutto l’anno che significa maggior offerta lavorativa anche a tutto l’indotto termale. E molte altre sono le proposte da mettere in campo per i vari settori dell’economia del paese”.

Ha concluso la serata Pasquale Carofano che, nonostante la faringite che lo accompagna dall’inizio della campagna elettorale, ha voluto parlare ai numerosi cittadini presenti, in primo luogo per ringraziarli e per esporre loro i suoi progetti per la città all’indomani del voto. “Non preoccupatevi, saprò fare il sindaco con professionalità, coadiuvato da un gruppo di persone competenti e valide, pronte a mettere al servizio della comunità il proprio tempo e il proprio impegno. La mia sarà un’amministrazione volta alla trasparenza, alla legalità e alla partecipazione dei cittadini che saranno chiamati a intervenire non solo come contribuenti ma come parte attiva nelle scelte di governo.

Così come nei precedenti incontri, anche domenica sera Carofano ha parlato di un programma composto da due parti: la prima, quella delle piccole cose, relativa alle necessità di tutti i giorni, e una seconda parte definita piano strategico per il territorio, per il quale sono già stati aperti dei tavoli di incontro, in particolar modo, per l’intercettazione di tutti i fondi europei, nazionali e regionali grazie ai quali sarà possibile avviare interventi importanti senza sovraccaricare ulteriormente i telesini a cui “gli sprechi del passato lasciano oltre duecento mutui e le tasse più alte di tutto il comprensorio”. Appartiene a questo secondo momento del governo Carofano anche l’attuazione di un piano regolatore che, come lo stesso candidato sindaco dice “dovrà essere ampio, partecipato con i cittadini, con le forze economiche e sociali e persino con i bambini, attraverso la struttura scolastica. Tutti dovranno sentirsi fieri di appartenere a questa comunità”.

La campagna elettorale della Lista Vinci Telese prosegue con l’incontro di martedì 23 marzo in contrada Piana.

VIDEO: “VINCI TELESE A CORSO TRIESTE”

http://www.youtube.com/watch?v=Sn6qxM0DB_Q

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.