Ma quali partiti !

8

di Ezio Esposito

Sempre più spesso leggo persone , siano esse simpatizzanti o  tifose della lista “VinciTelese”  citare l’appartenenza a questo o quel partito. Io, in questo momento, sento fortemente di appartenere  a un ad un solo partito che si chiama TELESE TERME DA FAR RISORGERE, non esiste altra appartenenza. Tutto il resto è dannoso e fuorviante, e per capirlo ci vuole molto poco: un po’ d’intelligenza, diavolo. Strappiamo le nostre tessere, in questo momento, buttiamole nel cesso. La libertà politica e partitica la si esprime alle elezioni provinciali, regionali, nazionali! Non ha senso, in sede locale, mettere il timbro dell’appartenenza. Ora c’è soltanto TELESE TERME nel cuore, la necessità di spezzare un anello di potere soffocante che ci tiene imprigionati da un quarto di secolo. Il candidato sindaco della lista “VinciTelese,” vincendo, è il sindaco di tutti, o no?

La lista VinciTelese deve essere un’agape fraterna: di pulsioni positive, di impegno collettivo, di idee forti per un programma succinto e realizzabile nel nome dell’interesse superiore di TELESE e dei Telesini; e miope sarebbe gareggiare, fra candidati, per contendersi   una preferenza in più. Se ciò dovesse accadere sarà grettezza mentale, visione corta di quanto è in gioco. L’uomo del monte si sta muovendo, se le mie informazioni sono esatte, con grande impegno e  non gli manca certo la moneta e i contatti giusti per far pendere la bilancia da una parte e non dall’altra.

A noi di VinciTelese vale un solo motto: TUTTI PER UNO UNO PER TUTTI!

e.e.

8 Commenti

  1. Caro Ezio, ci conosciamo troppo bene perché debba aggiungere altro. Troppa sofferenza ci ha accomunato ancor più nel corso degli anni perché vada a chiosare i Tuoi nobili sentimenti.
    Ci sono cose che ritengo superfluo discutere con chi in queste occasioni coglie l’opportunità per dire a se stesso che esiste. Ricordo con malinconia il vecchio nonno di un amico (di Carbonara di Nola) che tra, gli altri ammonimenti, ci propinava un ” ‘uagliù, arricurdateve che ‘a bella femmena, quann’ nun vò fa (traduzione del proto) dice ca le ‘ntoppan’ ‘e pile!”
    Capisci a mme?
    Di una cosa sono sicuro, VINCI TELESE costituirà, oltre alla realizzazione del progetto che la gran parte dei Telesini vuol vedere operativo, un duro colpo per quanti ancora credono di poter imbrigliere coscienze con il fascino di facili prospettive o, peggio, con l’arroganza del sottile ricatto.
    Le prove di verifica le lascio a quanti hanno … impedimento di peli, a me è stato sufficiente guardare negli occhi i compagni di viaggio e leggervi tutta l’ansia e la passione di ritrovarsi concordi su un unico intendimento: VINCI TELESE!!

  2. Sign. Giuseppe De Cicco, repetita iuvant: quando parliamo di “lista civica” ha un significato o no? io, la mia tessera l’ho buttata nel cesso gli interessi superiori di cui ho scritto e che Lei ha letto. La sua tessera la vuole conservare? è libero di farlo senza chiamare in causa la Costituzione, ma sappi che ho solo estremizzato un concetto che non è alla portata di tutti… saluti.

  3. Nessun fenomeno al mondo può impedire al sole di risorgere.
    Come lei menziona De Cicco a riguardo l’art. 49…vale a dire, che tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale, non significhi che ogni singolo cittadino, debba come lei dice, buttare nel cesso, le proprie tessere…non è consono alla libera opinione e pansiero.
    Quindi evitiamo linguaggi volgari……..educazione solo educazione…-

  4. domanda:
    è più libero un uomo che stringendo la tessera del partito al petto risponde signorSI o uno che rispondendo signorNO, in nome delle proprie idee e convinzioni, prende la tessera, la strappa in mille pezzi e lascia che questi ultimi possano librarsi liberamente nell’aere?

    organizzate i neuroni e rispondetevi da soli

    (sono stato abbastanza educato? … non ho detto CESSO!)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.