La morte nel cuore …

0

di Giuseppe Sangiovanni

IL PERSONAGGIO: Mister Magliulo non smette mai di stupire, dopo la ditta di pompe funebri che sponsorizzava la sua squadra, un calendario con i suoi giocatori nudi nelle bare.  Quando la sua squadra giocava in casa sorteggiava una bara tra i suoi tifosi / usata da un vincitore la settimana successiva.  L`ultima trovata lo stadio costruito e dedicato alla MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO.  Un coccodrillo coi baffi per il vivo e vegeto presentatore capitolino

HA LA MORTE NEL CUORE:  Desidera cedere il proprio corpo agli scienziati per un reality show sulla decomposizione. Di reality show il piccolo schermo ne offre continuamente: irradiati da isole più o meno sperdute, fattorie, appartamenti con o senza agi. Prossimamente potrebbe essere prodotto un reality show sulla decomposizione del corpo umano.

La singolare idea è di Franco Magliulo, 65 anni, splendida famiglia la sua, composta da quattro figli: Maximiliano, Patrick Jordan, Cristhian, Rhoswstha e tre nipotini- depositario di un originale testamento. Lui non vuole (  alla fine dei suoi giorni)- riposare al cimitero, ne far disperdere le ceneri in mare: desidera “semplicemente” donare il proprio corpo agli scienziati, per “farsi monitorare” nel processo di decomposizione, il tutto immortalato dalle telecamere di Channel 4 Television, emittente londinese- già negli anni scorsi interessatasi a lui (per altra idea bizzarra).

La pianificazione del reality, da parte della tv inglese, seppur accompagnata da inevitabili polemiche- sarebbe a buon punto. Magliulo vive in questo paesone di 18mila abitanti, con alto tasso di disoccupazione e criminalità.

Un terzo della sua vita passata in mare, sulle navi di Achille Lauro- girato il mondo in lungo e in largo(giro del mondo per ben tre volte).

“Curavo il giornale di bordo sottolinea Magliulo- prima con navi che trasportavano emigranti, poi con quelle da crociera: otto anni con il passaporto italiano, e dieci con il libretto di navigazione- tiene a precisare.

Nel suo Dna il calcio. Artefice da allenatore di quattro storiche promozioni, con quattro squadre diverse: Marcianise, Acerra, Casalnuovo e San Felice a Cancello.

Presidente tuttofare della Stella Azzurra del suo paese, squadra di calcio già alla ribalta delle cronache internazionali, per un curioso abbinamento pubblicitario. Lo sponsor, fino a due anni fa, era una ditta di onoranze funebri- e ogni domenica la dirigenza sorteggiava una bara da regalare ai tifosi(una fu subito utilizzata dallo sfortunato vincitore).

Con la società, portata avanti a sue spese, partecipa inoltre, a campionati per Giovanissimi regionali; Giovani provinciali(ora primi in classifica); Esordienti e Pulcini.

Tra le prodezze di Magliulo spicca un calendario di bare, dove posano nudi alcuni giocatori della Stellazzurra, o la bara-ciondolo, gadget portafortuna distribuito a tifosi e gente comune.

“Le invento tutte per non far morire il calcio a San Felice, la nostra realtà non è delle più facili- mancano luoghi e strutture di aggregazione-cerco di stimolare ed invogliare i miei concittadini a partecipare: togliendo allo stesso tempo, dalle insidie della strada, circa sessanta tra ragazzi e bambini- e questo mi gratifica”.

“Nella vita ne ho viste di tutti i colori. L’idea di donare il mio corpo, nasce dopo aver assistito circa dieci anni fa, in America a qualcosa di analogo. E’ il mio ultimo gioco. Mettere a disposizione il mio corpo di un gruppo di scienziati- che dovrebbe seguire costantemente l’evoluzione nel processo di decomposizione del mio cadavere. Spero con questo di dare un contributo utile alla scienza, per scoprire nuove cose. Ha persino fatto testamento dal notaio/ dove dichiara di voler donare alla fine dei suoi giorni/ il suo corpo alla scienza.

Magliulo non ama finire al cimitero, come i comuni mortali, non chiede di essere trainato da otto cavalli. Vuole “solo” essere analizzato e pure guardato dall’occhio catodico e magari da qualche milione di telespettori. “Chissà che dal mio Dna possa uscire qualcosa da buono, utile alle generazioni future!- conclude Magliulo.

MAURIZIO COSTANZO E` MORTO !

A SAN FELICE A CANCELLO-IN PROVINCIA DI CASERTA- CHI SI RECA ALLO “STADIO” DI CALCIO – APPRENDE UNA NOTIZIA CHE HA DELL’INCREDIBILE.

LO STADIO NUOVO DI ZECCA- COSTRUITO INTERAMENTE CON I SOLDI DI MAGLIULO – E’ INTITOLATO ALLA “MEMORIA” DI MAURIZIO COSTANZO- CHE – SECONDO LA LEGGE DOVREBBE ESSERE MORTO ALMENO DA DIECI ANNI.

NO, NON TRATTASI DI OMONIMIA- E’ PROPRIO DEDICATO AL NOTO CONDUTTORE PARIOLINO- CHE A DISPETTO DELLA DEDICA E’ NEL PIENO DELL’ATTIVITA’.

MA IL CARTELLONE POSIZIONATO SUL MURO DEGLI SPOGLIATOI NON LASCIA IL MINIMO DUBBIO SULLA “DIPARTITA” DEL GIORNALISTA.

CAMPO SPORTIVO MAURIZIO COSTANZO – GIORNALISTA ALLA SUA MEMORIA- DALLA TRASMISSIONE TUTTE LE MATTINE DEL 24 -01–2005

(questa non è una corbelleria!)- ha scritto convinto Franco Magliulo proprietario dello stadio- che ho portato l’anno scorso a Tutte le Mattine.


CON LA “SPECIALE” IDEA- MAGLIULO- PERSONAGGIO BIZZARRO ( presidente di una squadra di calcio sponsorizzata da una ditta di onoranze funebri- tra il primo e il secondo tempo sorteggiava una bara messa a disposizione tra gli spettatori (utilizzata sfortunatamente dal “vincitore” qualche settimana dopo); non meno singolare quando fece immortalare le nudità dei suoi giocatori tra le bare – per un calendario; l’anno scorso mise a disposizione di una tv britannica- il suo cadavere- con regolare atto notarile- per un reality show dell’orrore da realizzare )- HA INTESO RINGRAZIARE IL PRESENTATORE CON I BAFFI- PER AVERLO OSPITATO AL TEATRO PARIOLI – E DIFESO STRENUAMENTE NELLA MITICA PUNTATA DAGLI ATTACCHI ISTERICI DI RAFFAELE MORELLI- PSICOTERAPEUTA- DIRETTORE DELLA RIVISTA RIZA PSICOSOMATICA- CONTRARIO ALLA SCELTA DI MAGLIULO.

UNA CARINERIA ! UNA PRECE CHE FARA’ ATTAPIRARE SICURAMENTE COSTANZO- CHE ANCORA NON SA “DI ESSERE MORTO”.

Giuseppe Sangiovanni

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.