Soes Telese Terme… arriva la prima sconfitta

0

di Valerio Vallone

Prima sconfitta, nella seconda fase per la Soes Telese che perde a Nola con un netto 84-55. Partita stregata per coach De Martino che deve fare a meno di Mirotto infortunatosi all’ultimo allenamento, di Rossi, per impegni di lavoro, e con un Valentino chiamato a giocare spiccioli di partita nonostante il suo infortunio muscolare.

C.A.P. NolaSoes Telese Terme 84 – 55 (20-16, 42-26, 64-41) Liucci 4, ne Melone e Moccia, Del Basso 8, Castellano 1, Bugno 11, Covino, Castellano 1, Bontempo 2, Valentino 11, Forray 18


La gara inizia bene per i sanniti con un 4-8 ospite. Ben presto, però, le assenze in casacca bianco-blu si faranno sentire. Telese resiste solo il primo quarto e con gli uomini contati e poche rotazioni rimane a soli 4 punti sotto alla prima pausa. 20-16.

Ma qui entra in scena quello che non ti aspetti. A dare una mano al Nola, che sabato non ne aveva alcun bisogno, sono gli arbitri, Amato ed Ampollino. I due, in assoluta malafede, riescono nell’impresa di chiamare alla squadra di casa solo 3 falli in 20 minuti di gioco. Neanche per sbaglio gli atleti di casa venivano sanzionati dal duo arbitrale, che, senza commissario di campo, approfittavano per prendersi tutto il palcoscenico. Coach De Martino, non ci sta’, è innervosito dalla incompetenza o dalla malafede arbitrale (delle due l’una) , si fa chiamare tecnico dai due protagonisti dell’incontro. Ancora, poco dopo un altro fallo tecnico chiamato nei confronti dell’atleta Moccia, (si vede chiaramente l’arbitro indicare il giocatore), si trasforma inspiegabilmente in un altro tecnico al coach, che apprende della notizia solo a inizio terzo quarto, quando viene allontanato dai “due” dopo aver comunque guidato la squadra fino all’intervallo. Incompetenza, malafede, o entrambe?

Tornando alla gara Telese va 16 sotto alla pausa lunga.

Per il resto del match i ragazzi di De Martino hanno una timida reazione all’inizio del terzo quarto ma nulla possono contro un Nola molto determinato e superiore in tutti reparti viste le assenze pesanti nel roster Telesino.

Il D.S. Vallone a fine gara: “Siamo venuti a Nola, consapevoli delle difficoltà che avremmo incontrato, senza alcuni nostri uomini chiave e con qualcun altro reduce da acciacchi. Ma la vera delusione sono stati gli arbitri. Il Nola nonaveva bisogno dell’”aiutino”. Ora guardiamo avanti, ci aspetta una gara difficilissima contro il Santa Maria A Vico, Domenica in casa, sperando in una direzione arbitrale all’altezza”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.