Lettera aperta di Angela Abbamondi ai cittadini di Telese

19

Cari cittadini di Telese, con l’accettazione della proposta alla mia candidatura a Sindaco, così come prospettatami da più parti qualche settimana fa, mi ero impegnata , come ancora lo

sono, a contribuire alla costruzione di un Nuovo progetto di governo e di una rinnovata coalizione democratica che potesse aprire una nuova fase nel governo della nostra amata Telese.

Sono infatti convinta che il rinnovamento profondo al quale aspira la nostra Comunità si può realizzare solo attraverso una discontinuità significativa e credibile nei metodi e nella gestione dell’Amministrazione cittadina.

I fatti legati alla storia recente di Telese reclamano una alternanza di contenuti e di uomini: metodi ed azioni di gestione della cosa pubblica dovranno corrispondere a trasparenza e competenza; prima ancora delle cose pratiche da fare, c’è bisogno di assegnare centralità alla società civile attraverso le proprie articolazioni ed agli uomini e donne che meglio potranno corrispondere alle esigenze dei nostri tempi.

Oggi più che mai Telese Terme ha bisogno di un’amministrazione seria, responsabile, competente. I problemi evidenziatisi negli ultimi mesi ci richiamano al dovere di ricostruire il senso di appartenenza alla comunità.

Il nostro Comune, oggi in una situazione difficile, ha bisogno di rilancio, di speranza, dell’avvio di un nuovo ciclo che sia capace di ricucire il tessuto umano, sociale ed economico.

Per poter fare questo rimango convita che Telese necessiti di una Nuova classe dirigente; occorre sangue nuovo nella classe politica locale per rilanciare le migliori culture e le tradizioni democratiche e liberali da sempre espresse nella nostra cittadina.

Il senso della mia candidatura , unitamente a quella degli altri amici che mi hanno supportato in questo ambizioso progetto ( tutti espressione della società civile telesina , donne ed uomini di ispirazione ed ideali anche diversi, provenienti da una pratica di militanza sociale, religiosa e culturale quotidiana) è stata quella di contribuire a rimettere in moto, democraticamente, il tempo della vita pubblica locale finalizzata alla costituzione di una nuova classe dirigente che prendesse le distanze dai tratti che hanno, invece, caratterizzato la classe politica locale in questi ultimi anni: autoreferenzialità e pratiche di autoritarismo diffuso che hanno contribuito non poco ad affossare la Democrazia, la Legalità e la Trasparenza, tenendo lontani i cittadini dalla vera Politica .

L’obiettivo della mia candidatura è stato e resta sempre quello di condividere propositi e valori a partire dai quali generare un’epoca diversa della vita pubblica Telesina.

Oggi, prendo atto, che questo non è stato possibile e con l’umiltà ed il senso di responsabilità che mi appartengono, ringraziando i tanti che mi hanno incoraggiato in questo percorso, ho ritenuto di dover fare un passo indietro, ritirando la mia candidatura a Sindaco, scegliendo altresì di non candidarmi ma impegnandomi sin d’ora a lavorare nella società civile telesina per creare per il prossimo futuro le condizioni e le basi politiche per un auspicato ricambio generazionale della classe dirigente della nostra Telese.

Con questa scelta, sicuramente sofferta sul piano personale, unitamente ai miei compagni di percorso, attraverso una responsabile scelta strategica, decisiva per il futuro di Telese Terme, si è voluto rafforzare uno schieramento più ampio, seriamente in grado di vincere le elezioni e tale da promuovere un processo di rinnovamento morale ed istituzionale e tagliare definitivamente i ponti con il passato.

Il 28 e 29 Marzo p.v. saremo chiamati alle urne per eleggere il nuovo Sindaco ed il nuovo Consiglio comunale di Telese Terme. Chiedo pertanto ai miei concittadini e soprattutto ai tanti amici che in queste ore non hanno voluto farmi mancare il loro sostegno ed il loro incitamento ad andare avanti, di impegnarsi a determinare un profondo e radicale rinnovamento nel governo della nostra cittadina attraverso l’elezione a Sindaco dell’amico Pasquale CAROFANO.

Telese Terme ha bisogno di una Amministrazione Comunale forte ed efficace fondata sulla idealità, sulla concretezza, sull’impegno delle persone perbene, sulla capacità e sull’onestà affinché si possa bene operare.

Con coraggio dobbiamo guardare avanti, guardare al futuro con entusiasmo ed ottimismo.

Nella speranza di veder nascere una nuova Telese libera, Vi saluto con affetto.

Telese Terme, 27 febbraio 2010

Avv. Angela Abbamondi

19 Commenti

  1. Sono certo che la vostra sia stata una scelta dettata dalla volontà di vincere, solo da quella ed effettivamente, la somma di diessini, italia dei valori, aennini e gente della società civile sarà vincente nel brevissimo periodo, forse….Poi vi voglio vedere a governare serenamente.Vi do tempo un anno e si torna alle urne.Troppi interessi in gioco, storie diverse, vecchi rancori apparentemente superati davanti ad una telecamera, ma ben nascosti e che torneranno quando meno ve lo aspettate.Quando tutto sarà finito, lo tsunami dell’ingovernabilità si abbatterà anche su di voi, proprio come successo con l’ultimo governo Prodi e, credimi Angela, mi dispiace che in questo tourbillon ti ci troverai anche tu, abituata a volare alto…Con rinnovata stima.Nuccio

    • Ciao Nuccio….il tuo pessimismo cosmico non è che ci incoraggi tanto! per fortuna è virtuale data la distanza dalla quale talvolta ti trovi a scrivere.
      Oltre a sentenziare opinabili certezze, ti sei chiesto dall’altra parte quali sono le ragioni che uniscono?
      Il nostro progetto, basato sul dialogo e sul confronto, mira lontano!…non sarà sicuramente un percorso in discesa ma con molta probabilità è l’unico modo di fare Politica Seria. Con affetto Piero.

      • Carissimo Piero (se ancora ed almeno tu me lo consenti…) che piacere sentirti, seppur virtualmente.Sei tra le poche persone degne di stima, ergo proprio con te non mi metterò a fare polemica…..Tuttavia, come mi insegni,il pessimismo cosmico di leopardiana memoria, talvolta può essere dettato anche da un eccessivo realismo e credo proprio sia questo il mio caso.Certo, non conforta ma è un dato di fatto, non sono abituato ad incensare qualcosa solo perchè è “nuova”(??)…A me sa tanto di inciucio….!!!Detto questo, per mia indole non sentenzio, nè giudico ma esprimo semplicemente il mio pensiero, valutazioni che, al momento, possono risultare giustamente opinabili e te ne do atto, ci mancherebbe.Ne riparliamo fra qualche mese, se ti va.Conosco i miei limiti.Si, me lo sono chiesto dall’altra parte quali siano le ragioni che uniscono, la continuità di un certo modo di fare politica.Così come mi sono chiesto, quali siano le ragioni dell’altra parte e ribadisco siano dettate solo ed esclusivamente dalla volontà di fare massa critica, numero per vincere, poi si vede….Ecco qual’è, a mio personalissimo avviso, la situazione.Quanto al fatto che sia un progetto che miri lontano, permettimi di avere le mie riserve, così come sul fatto che l’ammucchiata sia l’unico modo di fare seriamente politica.Staremo a vedere, una volta chiuse le urne, cosa succederà, chi sarà (e se sarà capace) il vero responsabile di una politica amministrativa seria che auspico concreta e trasparente, vedremo.Con affetto.Nuccio

        • …certo che te lo consento, ci mancherebbe altro, anzi grazie per l’attestato di stima che è ovviamente reciproco. Capisco il tuo scetticismo rispetto al progetto “allargato” ma sono sicuro che attualmente è l’unica strada percorribile non solo per vincere perchè sarebbe riduttivo, ma soprattutto per cominciare a praticare una politica più partecipata, cosa che a Telese manca da circa un ventennio. Le diversità tra gli uomini esistono in tutte le vicende umane, compreso i partiti, quindi la soluzione non è mettere insieme gente con la stessa tessera ma piuttosto mettere al centro i valori imprescindibili per conseguire il bene comune. Anche io sono curioso di vedere se funzionerà….la curiosità è democratica.Un abbraccio

    • Sig. Salvatore ma ha letto i candidati nelle liste?
      I fantasmi vagano ancora nelle liste perciò ………..
      Ci vogliamo illudere di poter sperare in un cambiamento? Io non credo proprio ….Mi auguro solo che il Candidato a sindaco Carofano non si faccia spaventare da questi “fantasmi del passato”…

  2. volare alto? chi? una che per telese non si è mai vista, che vuol fare il sindaco e che poi all’ultimo minuto non si candida nemmeno a consigliere…ma vi prego…avremmo bisogno di persone serie e spero che carofano vinca e metta nell’angolo i pagliacci!!!

  3. Apprezzo molto la tua scelta. Sono convinto che nel futuro avrai tante occasioni per confermare il tuo interesse e la tua disponibilità verso le problematiche che affliggono la nostra cittadina. I prossimi anni sarai sicuramente tra i protagonisti di quel rinnovamento di cui Telese ha tanto bisogno.

    • Sig. Giuseppe Grimaldi, lei dice dove era Capezzone? “quando a Telese è successo quello che è successo” , Mi scusi ma la minoranza dove era? Ah probabilmente a farsi una bevuta di acqua solfurea … una buona e compatta minoranze riesce a dettare leggi e farle rispettare….Siamo tutti bravi a scrivere e commentare gli operati degli altri ma siamo altrettanto bravi a scendere in campo a metterci in gioco?
      Riverisco .

      • La Minoranza? Di quale minoranza parliamo? Se parliamo di quella del consiglio comunale le ricordo che da una vita lamentava probabili collusioni. Si ricorda qui manifesti apparsi all’indomani della voragine di Via Udine? Si ricorda dell’intervento di Vendola e della successiva interrogazione parlamentare? Si ricorda dell’affare mulino e della successiva interrogazione parlamentare? Bene, forse la minoranza si era già mossa prima, ma lei non lo ricorda. Se parliamo di minoranza provinciale e regionale sul sito Vivi Telese ci sono un’infinità di comunicati con mittente Mino Izzo, Viespoli, oltre a quelli di Del Basso De Caro che, all’indomani dei fatti del 12 ottobre, invitano il sindaco D’Occhio a dimettersi. Quello di Capezzone non lo ricordo.

    • Tutto è follia in questo mondo, fuorché il folleggiare. Tutto è degno di riso, fuorché il ridersi di tutto. Tutto è vanità fuorché le belle illusioni e le dilettevoli frivolezze.””Sono convinto che anche nell’ultimo istante della nostra vita abbiamo la possibilità di cambiare il nostro destino.”I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini trovano il nulla nel tutto.”
      G. Leopardi

  4. La politica spezza i sogni di tanti in cambio dell’interesse di pochi,una mia piccola teoria
    ASCOLTATE G.GABER
    “LE ELEZIONI”
    Generalmente mi ricordo
    una domenica di sole
    una giornata molto bella
    un’aria già primaverile

    in cui ti senti più pulito
    anche la strada è più pulita
    senza schiamazzi e senza suoni

    chissà perché non piove mai
    quando ci sono le elezioni.

    Una curiosa sensazione
    che rassomiglia un po’ a un esame
    di cui non senti la paura
    ma una dolcissima emozione,

    e poi la gente per la strada
    li vedi tutti più educati
    sembrano anche un po’ più buoni

    ed è più bella anche la scuola
    quando ci sono le elezioni.

    Persino nei carabinieri
    c’è un’aria più rassicurante
    ma mi ci vuole un certo sforzo
    per presentarmi con coraggio
    c’è un gran silenzio nel mio seggio

    un senso d’ordine e di pulizia.
    Democrazia!

    Mi danno in mano un paio di schede
    e una bellissima matita
    lunga, sottile, marroncina,
    perfettamente temperata

    e vado verso la cabina
    volutamente disinvolto
    per non tradire le emozioni

    e faccio un segno sul mio segno
    come son giuste le elezioni.

    È proprio vero che fa bene
    un po’ di partecipazione
    con cura piego le due schede
    e guardo ancora la matita
    così perfetta è temperata…

    io quasi quasi mela porto via.
    Democrazia!

  5. Sono daccordo che la politica spezza i sognii di tanti per l’interesse di pochi. Ma e’ anche vero che fino ad oggi molti, anzi tutti coloro che si sono susseguiti, hanno promesso cambiamenti che purtroppo stiiamo ancora aspettando. Nel suo articolo l’avvocato Angela Abbamondi dice che in politica occorre sangue nuovo forse era meglio dire ci vuole una purificazione generale dell’essere umano che potesse rinascere non perfetto come Dio ma come Dio avrebbe voluto che fosse.Purtroppo questo non avverrà e alla fine chi avra’ il potere per tenerlo dovra’ scendere a compromessi che sicuramente andranno a favore di pochi e faranno danno a molti. La speranza di pochi e che qualcosa cambi veramente. Ma in tanti anni, e sono molti, quello che ho visto e’ sempre la solita minestra. Corruzione,disinteresse dei bisogni dei cittadini, sicurezza zero,servizi poco efficienti,poca professionalita’ negli uffici, posti di lavoro che si perdono, pensionati costretti a vivere con una pensione ridicola, prezzi alle stelle, affitti delle case raddoppiati, una sciagurata gestione del territorio, i giovani costretti, quando sono fortunati, ad andarsene per un posto di lavoro, sperpero del denaro pubblico, mancanza di protezione per i piu’ deboli ecc. ecc. ecc. Personalmente credo che la POLITICA debba risolvere questi probblemi che sono alla base di una vita dignitosa di ogni cittadino.
    Cordialmente luigi buono

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.