Il Festival di Sanremo non parla napoletano.

0

di Riccardo Affinito

La canzone “Jammo jà“del maestro Nino D’Angelo, nonostante i ripescaggi, non sarà tra le 12 che questa sera si disputeranno la finale. E pensare che la calorosa accoglienza che le avevano riservato il pubblico del teatro Ariston, non lasciava presagire nulla del genere.

Dopo le note polemiche sull’ammissibilità delle canzoni in dialetto, da più parti hanno sentenziato che la canzone non è “arrivata” al grande pubblico. In effetti il testo, che tratta la questione meridionale, è abbastanza complesso ed infarcito qua e la di metafore che ne ha reso difficile la comprensione. Questa circostanza dovrebbe suggerire agli organizzatori, una volta per tutte, di far scorrere le parole durante le esecuzioni.

Eppure a mio parere la composizione meritava miglior sorte: la sua melodia è gradevole e percepibile all’orecchio; il ritmo incalzante e coinvolgente; l’interpretazione del maestro D’Angelo e della sig.ra Nazionale di grande spessore; il testo drammaticamente attuale.

Insomma una gran bella canzone per la quale faccio i complimenti al maestro D’Angelo.

…………………………………………………………..

Jammo jà.

Jammo jà guadagnammoce ‘o ppane,

nuje tenimmo ‘o sudore int’’e mmane,

e sapimmo cagnà.

Jammo jà e facimmo ampressa,

sott’a st’Italia d’’o smog e d’’o stress,

nuje simmo ‘e furb ca e s’hanna fa fesse.

Simmo nate cu dduje destine,

simmo ‘a notte e simmo ‘a matina,

simmo rose e simmo spine,

ma simmo rami d’’o stesso ciardino.

Meridionale,

simmo terra chiena ‘e mare,

ca nisciuno pò capì.

Stammo bbuono o stammo male,

jammo annaz’accussì.

‘A fatica è nu’ rialo,

e ‘a speranza è partì.

Jammo jà e dàmmece ‘a mano,

si stammo ‘nzieme putimm’ì luntano,

nun se po’ cchiù aspettà.

Jammo jà ca sta’ vita và ‘e pressa,

nuje simmo ‘a casa d’’e vase e carezze,

ma fa notizia surtanto ‘a munnezza.

Cu’ sta mafia, c’‘o mandolino,

ca ce hanno miso da sempe ncuollo,

simmo ‘a faccia ‘e na’ cartolina,

ca ce svenne pè tutt’’o munno.

Meridionale,

simmo voce ‘e mmiez’’o mare,

ca nisciuno vò sentì,

simmo ll’evera appiccicata,

ca nun se sape maje a chi?

simmo ‘o specchio ‘e n’autostrada,

ca nun vonno maje fernì.

Addò ‘o viento s’abbraccia ‘o mare,

troppe so’ ‘e penziere,

e chi cresce c’’o ppane amaro,

è n’italiano straniere.

Si ‘a giustizia se lava ‘e mmane,

songhe janche ‘e bandiere,

e chi maje po’ penzà a dimane,

nasce priggiuniero….

Simmo nate cu’ dduje destine,

simm’’a notte e simmo ‘a matina,

simmo rose e simmo spine,

ma simmo rami d’’o stesso ciardino.

Meridionale,

simmo terra chiena ‘e mare,

ca nisciuno po’ capì,

stammo bbuono o stammo male,

jamm’annanze accussì,

‘a fatica è nu’ rialo,

e ‘a speranza è partì.

‘E guaglione d’’e viche ‘e Napule,

nun sarranno maje Re,

dint’’o Zen ‘e Palermo se bevono ‘o tiempo,

p’’a sete ‘e sapé.

E nun è maje facile a durmì cu’ ‘e pecché,

a campà cu’ ‘a pacienza è ‘o cchiù grande equilibrio,

pè chi pò cadé.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.