Incontri ravvicinati … di nessun tipo

27

di Daniele Prece. L’argomento Ufo, dibattuto di recente sulle pagine di Vivitelese, mi ha dato lo stimolo per fare il punto della situazione ed esprimere un po’ meglio anche la mia opinione sulla materia, questo ovviamente sempre nella logica del confronto e il reciproco scambio di idee. Il desiderio di poter assistere a incontri con esseri alieni è un argomento che affascina l’umanità da sempre, ma la realtà dei fatti è purtroppo ben diversa e nonostante le infinite speculazioni che continuamente vengono fatte sull’argomento, ad oggi non c’è nemmeno una prova concreta delle tante ipotesi che si sentono in giro. Il tutto si riduce sempre ad aneddoti, racconti, indizi vaghi, contraddittori, avvistamenti ambigui, che vengono sempre proposti dai media con grande attenzione, ma poi quando arrivano le smentite si ha sempre poca memoria perché nel frattempo l’attenzione sull’argomento è ormai svanita. Avere un incontro ravvicinato con un’entità aliena rappresenterebbe la più grande scoperta per l’umanità, con notevoli risvolti anche etici e filosofici e quindi bisogna esigere cautela e rigore scientifico nell’affrontare un tema cosi delicato.


Nel 1938 Orson Welles diffonde il panico negli Stati Uniti simulando alla radio un’invasione aliena.

È una tappa obbligata di chi reclama credibilità in ciò che afferma, è infatti è grazie al metodo sperimentale che, da Galileo in avanti, la scienza ha fatto i progressi di cui tutti noi oggi beneficiamo. Spetta a chi pone i quesiti sostanziarli opportunamente e non semplicemente dire:”qui c’è qualcosa di poco chiaro, dimostratemi voi che non è vero”. L’onere della prova spetta a chi fa una data affermazione e non viceversa. E non è vero che esiste una scienza “ufficiale” e una alternativa, che viene tenuta segregata e ai margini della comunità scientifica, esiste semplicemente LA scienza, che analizza i fenomeni, fa esperimenti, effettua prove ripetibili e misurabili,dando concretezza alle teorie e alle ipotesi.


“Bisogna sempre sforzarsi di avere la mente aperta, ma non così troppo da far cadere il cervello” (Piero Angela).
Falsa autopsia di alieno

Non è vero che su Marte ci sono resti di antiche città, e nemmeno sulla luna, né in nessun altro pianeta del sistema solare. Il Majestic 12 non ha alcuna attendibilità e lo stesso dicasi per le false missioni lunari, le autopsie aliene, i cerchi nel grano, Nibiru, gli ufo nazisti e così via.

“Astronave aliena” del famoso falso contattista Meier

Ma non si possono accettare delle testimonianze soltanto per atto di fede o perché si ha stima o fiducia in colui che le riferisce. Non è sufficiente credere: ci vogliono le prove. Affermazioni che invocano il bisogno di “credere”, sono di tipo dogmatico e quindi esulano dal campo della scienza.

Sicuramente esistono tanti casi di UFO al mondo (ufo, non alieni), alcuni anche molto interessanti e degni di menzione, ma la validità di tale argomento viene immancabilmente vanificata dai tanti (troppi) ciarlatani e speculatori che imperversano inesorabilmente.

Inutile precisare che qui nessuno si sta ergendo a ruolo di “professore” (o almeno non io) e nei miei post cerco di parlare in modo molto concreto, con argomenti reali, fatti acclarati e che trovano ampio riscontro ovunque. Non mi sono lasciato andare a luoghi comuni e a frasi di comodo, né mi interessa alimentare sterili polemiche, perché sarebbe una cosa sciocca e inutile. Mi sta solo a cuore la correttezza e l’onestà intellettuale in ciò che si dice, insieme a tanta passione e entusiasmo, ma sempre con il dovuto pragmatismo, senza chiusure mentali, ma nemmeno superficialità. Il tutto nel reciproco rispetto e senza alcuna prevaricazione.

Per concludere, le persone degne di merito nel campo della ricerca di vita aliena esistono eccome, ma sono ben altre: sono i tanti studiosi nel mondo che lavorano nell’ombra instancabilmente, cercando di dare un frutto concreto alla scienza, lontano dai clamori e dalla spettacolarizzazione.

Sono ad esempio Carl Sagan e Frank Drake, primi fondatori del Seti, organismo che da anni è alla ricerca reale di segnali alieni provenienti dallo spazio profondo.


Il radiotelescopio di ARECIBO nell’isola di Puerto Rico, è il più grande radiotelescopio ad antenna singola del mondo.

Chissà perché però neanche uno di questi pianeti è stato scoperto da un ufologo, nemmeno uno.

Il merito purtroppo bisogna darlo sempre a loro, a quei noiosi, barbosi, “scettici”, scienziati. Sempre loro, purtroppo.

“Scopo della scienza non è tanto quello di aprire una porta all’infinito sapere, quanto quello di porre una barriera all’infinita ignoranza” (B. Brecht, Vita di Galileo, 1956)

27 Commenti

  1. Signor Prece, ma cosa dice mai?
    Viene da credere che Lei sia un uomo di poca fede! Non sa che la Sicenza è una cosa oramai superata, rimpiazzata in tutto da ben altre più fondate convinzioni. Evidentemente Lei è rimasto ancora indietro, abbagliato dagli ideali illusori dell’Illuminismo…
    Oggi si è scoperto che i Potenti che governano il mondo sono tutti extraterrestri (fatta eccezione per pochi ultimi eroi come Fidel Castro, Ahmadinejad, Chavez, Kim Jong Il ecc.).
    Tali alieni non sono come noi, ma assumono le nostre sembianze nutrendosi del nostro sangue. Si tratta dei Rettiliani, specie extraterrestre che ha ordito un complotto interplanetario per soggiogare l’umanità intera, dopo aver scoperto che il nostro sangue gli allunga la vita di oltre tre secoli!
    I più famosi Rettiliani italiani sono: il nostro Presidente Giorgio Napolitano, la signora Rita Levi Montalicini (fra di loro molti sono ebrei, infatti si è scoperto che tutto quel popolo proviene da un’altra galassia!), Giulio Andreotti (anche molti mafiosi sono rettiliani!!), ecc.
    Silvio Berlusconi rappresenta il più giovane dei rettiliani del mondo e ne va molto orgoglioso.
    I Rettiliani, fra l’altro, solcano i nostri cieli con aerei invisibili irrorando l’atmosfera con nubi chimiche contenenti sostanze che agiscono sul nostro sistema nervoso, facendoci diventare più stupidi e passivi. Per questa ragione noi non riusciamo a ribellarci. Le stesse sostanze psicotropiche sono contenute come additivi nella benzina e nel gasolio. Questo spiega l’ostracismo che nei confronti di chiunque voglia mettere in pratica il “motore ad aria fritta” (illustratoci egregiamente in questo sito dal signor Flaviano Di Santo, alcuni mesi fa)

  2. Volevo solo fare i complimenti a Daniele per le tante e mail ricevute per il suo articolo. In alcune occasioni si farebbe meglio a stare zitti. Forse è rimasto scottato da qualche commento non favorevole, visto il suo accanimento? I lettori l’hanno premiato col…disinteresse. E poi…Piero Angela…mah! Un semplice giornalista. Carl Sagan invece l’ha azzeccato in quanto ha detto, a differenza di Daniele, tante cose sensate ed equilibrate.

  3. Egr. Marco Ditello, a me sembra che ci sia l’evidenza che i lettori non siano affatto disinteressati all’articolo di Daniele in quanto lo stesso risulta essere tra i più letti.
    Cartesio DOCET che si parla in base all’evidenza dei fatti e non delle semplici illazioni. Qui se c’è qualcuno che ha perso l’occasione per “stare zitto” a me sembra in tutta onestà essere lei, perchè noto dal suo tono più un accanimento personale che una argomentazione obiettiva alla materia in discussione.

  4. Cari amici. Mi sto incuriosendo molto nel vedere la cecità umana fin dove arriva. E’ incredibile come si possano ignorare certi fenomeni assolutamente incredibili ed oggettivamente davvero sensazionali. Non bastano, a mio avviso dei commenti e citazioni che non dimostrano proprio niente, per affermare che gli UFO non esistono e che non ci sono o non ci sono state civiltà su altri pianeti o sulla terra, che tuttavia non conosciamo. Qualcuno in questa discussione, sicuramente è prevenuto e non certo i sostenitori degli UFO. Quindi tutti i conduttori televisivi, i giornalisti, i conduttori delle varie radio, gli scrittori di libri, sarebbero degli esaltati, solo perchè lo dice Daniele e qualcun altro, CHE NON CONOSCE NULLA DELLA MATERIA? Posso solo testimoniare che sono persone molto serie ed equilibrate. La citazione di Piero Angela, anche a mio avviso è spropositata, perchè come Daniele si ritiene il centro di riferimento del mondo, ma tuttavia non sa porsi verso i fenomeni inspiegabili con la necessaria umiltà. Mi sembra che testimonianze VERE del fenomeno UFO, perchè no dovuto anche a civiltà aliene, ce ne siano moltissimi e del tutto credibili. Non sto ad elencare,come ha fatto qualcuno, riferimenti vari sperando di convincere qualcun altro. Nella vita occorre aver in considerazione anche gli altri, e non fare, scusta il termine “i razzisti” o gli inquisitori. Ecco, qualcuno ha un atteggiamento da inquisitore e quindi fa la caccia alle streghe. E’ ora di svegliarsi: la stessa scienza cosiddettta ufficilae dopo tanti di derisione ammette oggi senza mezzi termini gli universi paralleli, i viaggi el tempo,il teletrasporto che è stato già raggiunto con le particelle subatomiche, e tuttavia una persona che nulla conosce delle materie di cui sono appassionate tante persone si permette che quelli che si occupano degli UFO sono dei visionari? Inaudito. Per cortesia, prima di esprimere giudizi, stia incollato ore ed ore a leggersi qualcosa anche contro le sue assurde idee, per sapere, però senza paraocchi.Tali persone non permettono il progresso della scienza vera, che ha bisogno sempre di raggiungere traguardi “impossibili” e che sembrano assurdi. Ripeto, più che le critiche a vanvera voglio fatti concreti, non atteggiamenti da censore incallito. Addirittura, se per caso qualcuno non fosse informat, che durante una conferrenza in Francia di veri e propri scienziati, un noto scienziato francese ha detto senza mezzi termini:”anzichè perdere denaro e tempo con il progetto SETI, studiate gli UFO” Concludo qui, in quanto con persone che offendono la materia di cui sono tanto appassionato perchè la conosco bene e perchè l’ho studiata, non meriterebbero nemeno un commento. L’ho fatto solo perchè l’Ufologia non è l’astrologia e non è nemmeno una materia per persone contro a prescindere.

  5. Caro Fulvio, la tua metafora è molto ironica e efficace, ma sinceramente nel vedere quanto accade ogni giorno in Italia, dovremmo essere noi comuni mortali a sentirci alieni. La società viene sempre più assuefatta e annichilita, vengono incensati e glorificati criminali e corrotti di ogni genere, mentre si addita come “diverso” chiunque si permetta di rivendicare le più ovvie istanze di giustizia e parità sociale.

  6. Mah…da quanto esposto nei vari interventi si evince una sola cosa, chiara e netta: c’è chi, come Daniele che con estrema concretezza e correttezza espone, DOCUMENTANDOLE, le proprie idee e c’è chi, d’altro canto, riesce soltanto a far trasparire il proprio astio verso chi ha opinioni divergenti, alimentando infruttuose polemiche non supportate dai fatti (forse proprio perchè tali fatti verrebbero immediatamente smentiti????….): gentile signor Maio, siamo in trepidante attesa di leggere articoli e link a supporto delle sue affermazioni, grazie!

  7. Caro Daniele.

    E’ un piacere galattico scoprire che in ViviTelese c’è un altro alieno oltre me. BIP!

    Io vengo dal pianeta Ork, lo stesso su cui vive mio cugino Mork, quello che negli Anni Settanta è sceso qui sulla terra per conquistare Mindy. BIP BIP!

    Su di lui hanno girato una lunga serie di documentari, non so se ricordi, che andavano in onda nel pomeriggio. BIP BIP BIP!

    Ora Mork e Mindy hanno 3 figli e sono felici. Io sono sceso qui sulla terra per seguire il loro esempio. BIP BIP BIP BIP!

    Però invece di innamorarmi di una terrestre, mi sono innamorato di un’altra aliena, anch’essa in misisone sulla Terra col mio stesso compito. Lei però viene dal pianeta Wxynht e io lì non ci volevo andare a vivere… così siamo arrivati a un compromesso e abbiamo deciso di restare qui sulla Terra. BIP BIP BIP BIP BIP!

    Niente male, la Terra. Ed è anche vantaggioso che i terrestri siano così stupidi, perché così riusciamo a sottometterli facilmente. BIP BIP BIP BIP BIP BIP!

    Una cordiale stretta di caviglia, come si usa su da noi.

    Fulvork, alias Fulvio Del Deo

  8. Caro Fulvork, mia sorella mi accennava di conoscere abbastanza bene la tua aliena consorte, probabilmente per via delle sue frequenti scorrerie editoriali in libreria! A proposito, ho fatto il test sul tuo sito, ma è uscito 0,66 periodico! Che faccio allora, rinuncio a candidarmi? Si, forse è meglio 🙂 Na-no Na-no…

  9. Ah, ma allora sei Danwiraax… Notavo una certa somiglianza con Elnwiraax, tua sorella, quella aliena scappata via con quel super-figo della galassia KX834895 sul pianeta Sveriäxöæÿøerrer. Salutamela e stringi anche a lei la caviglia con tanto affetto!
    (a propostio di elezioni al comune di Telese: sul sito http://digilander.libero.it/telesestein/ c’è scritto che ci saranno 4 liste, una più schifosa dell’altra… In verità io sapevo che qui le elezioni non si potranno proprio svolgere perché non ci sono ancora i presupposti legali (!!) perciò ancora per un po’ avremo il Commissario… il che mi fa sentire più tranquillo.
    Ciao
    Fulvork, alias Fulvio Del Deo

  10. Hai ragione, con tutti i furfanti che ci sono in giro ultimamente, un commissario ci sta molto bene 🙂 Manderò i tuoi ossequi alla sorella aliena sperduta sul pianeta Sveriäxöæÿøerrer e ricambio i tuoi saluti con un bel dito nell’occhio (sul nostro pianeta su usa cosi!). Danwiraax

  11. La famosa “astronave” di Meier è ben descritta in questo articolo:

    http://thebiggestsecret.online.fr/ufo/billy_meier_smoking_gun.htm

    non importa conoscere l’inglese, le foto da sole sono già sufficientemente esplicative!
    Inoltre la potete vedere anche qui:

    http://dailymotion.virgilio.it/video/x6e1lb_fakebilly-meier-filme-un-ovni_fun

    da notate che su Virgilio questo video è stato indicizzato sotto la voce “divertimento”. Cosa non si fa per campare…

  12. I WANT TO BELIEVE… Non posso fare a meno di notare la citazione, nel tuo articolo, della famosissima e amatissima serie di X-Files. Nemmeno a farlo apposta la figura chiave di quel telefilm era quella di un “credulone” di nome Mulder, ossessionato dall’idea del complotto extraterrestre con il governo degli Stati Uniti(!). Citazioni a parte, è bello leggere qualcuno che non sogghigna all’idea di poter spiattellare ai 4 venti la fantomatica scoperta di un nuovo disco volante o di un nuovo cerchio nel grano. La bramosia per la disinformazione pare essere la linfa vitale sopratutto di ufologi e politici oggigiorno. Ed è forse proprio per questo motivo che ufologia non può essere sinonimo di scienza, dato che quest’ ultima basa le proprie fondamenta sulla diffusione di informazioni che hanno alle spalle un infinito background di teorie ed esperimenti. Purtroppo siamo troppo occupati a drogarci di disinformazione per accorgerci che l’ago della siringa è ormai entrato troppo in profondità nel nostro essere. Ognuno di noi dovrebbe pensare ad eventuali forme di vita aliene a modo suo, proprio perchè forse anche loro, come noi, non hanno le antennine al posto dei capelli!

    Complimenti per l’articolo!

    Un saluto a tutti…

  13. Francesco, concordo con la tua riflessione, penso che l’ufologia esprima molto spesso il bisogno delle persone di volere credere a tutti i costi in qualcosa, spinti dalla necessita di immaginare un mondo diverso da quello che normalmente ci si ritrova a dover affrontare, nell’illusoria prospettiva di avere risposte e stimoli più intensi e gratificanti. E nel fare ciò ci si presta a inseguire le storie più fantasiose e improbabili, dando credito ai tanti che si approfittano della loro buona fede e ingenuità.

  14. Io personalmente non ho mai visto UFO, nè conosco nessuno che li abbia visti. Purtroppo per gli scettici però, esistono migliaia di indizi che non possono non essere considerati prove, o della presenza di alieni o della scomparsa di civiltà super evolute abitanti la terra prima di noi. Del resto la storia e la preistoria così come ci sono state insegnate presentano lacune talmente evidenti che alla fine ci hanno portato a credere che il “ciuccio vola”. Vi consiglio di leggere “le impronte degli Dei” o la saga di Zacharia Sitchin e probabilmente comincerete a credere anche voi nell’esistenza di UFO anche se come me, non li avete mai visti. Inoltre le prove concrete già ci sono ma non vengono adeguatamente pubblicizzate vedi Governi Inglese e Ungherese e per dirne una è stata da poco scoperta una piramide gigantesca in Bosnia e il cemento utilizzato è sconosciuto sul nostro pianeta. Se vi piace l’argomento vi invito a leggere Sitchin (Sumeri) o Bauvall (Piramidi) e probabilmete comincerete anche voi a credere senza per questo dover rinunciare a credere all’esistenza di Dio!

  15. Beh, Lorenzo, ma se le prove non vengono pubblicizzate come si fa a dire che i governi le celano? E’ una negazione della negazione, una contraddizione in termini! Inoltre i saggi che tu citi hanno una trama molto romanzata e quindi espongono solo una parte della realtà, cioè quella più accattivante che riesce a catalizzare l’attenzione del lettore…

  16. Cara Raffaella, mi dimostri in questo modo che i saggi di cui sopra, non solo non li hai letti, ma non ne hai neanche sentito parlare, altrimenti non li descriveresti come romanzi! Anche se fosse, lo stesso Dan Brown, in maniera romanzata ha commentato verità storiche dimenticate, perchè scomode ai Governanti del tempo. Ma ritornando al punto, le argomentazioni portate avanti da questi ricercatori lasciano senza parole poichè si basano su fatti che non possono essere contraddetti da persone intelligenti, tranne se queste si nascondono dietro il più ottuso scetticismo. Ti invito vivamente a laggere questi libri, così ti renderai conto che l’assurdità non è credere nel disco volante o credere nell’omino con le antenne, ma la cosa allucinante è credere che le Piramidi le abbiano potute costruire gli Egiziani 5000 anni fa. O seconde te è più semplice credere che i Sumeri, il primo popolo civile a noi noto, non appena uscito dalle caverne, è già in grado non solo di costruire Ziggurat, ma è anche in grado di scovare metalli nelle rocce, è in grado di capire come va lavorato e a che temperature va fuso etc… La storia invece ci insegna che i Sumeri hanno inventato la ruota…ti assicuro hanno fatto molto di più. Tutti questi popoli antichi dimostrano una conoscenza del nostro sistema solare senza possedere gli strumenti per scrutarlo, conoscono la precessione degli equinozi, etc etc…(le stesse nozioni dimostrano di possederle non solo i sumeri, ma anche gli egiziani e i maya dall’altra parte del pianeta senza nessun collegamento spazio temporale tra loro). Non ho molto tempo ma se vuoi posso pian piano riassumerti perchè le teorie sull’esistenza di civiltà superiori sul nostro pianeta siano fondate. Una curiosità, e queste sono solo cuorisità…trova su internet OOPart – out of place artifacts, cioè oggetti fuori posto, che non potrebbero esistere li dove sono stati trovati. Piccoli indizi di cui non avresti bisogno se conoscessi argomentazioni un po’ più profonde. Alla prossima!

  17. Catalogare le persone intelligenti o meno in base al contraddittorio su questi argomenti mi sembra davvero molto…intelligente!
    Comunque ti ringrazio della disponibilita’, di persone in cattedra che dispensano sapere ne ho ascoltate davvero molte durante gli anni di universita’, ma i docenti ne avevano titolo e facolta’! Penso di poter fare a meno di indizi e pseudoinsegnamenti, essendo dotata di raziocinio e capacita’ di discernimento …grazie comunque! 🙂

  18. Anche io preferisco annoverami tra i “non intelligenti” e pensare che l’umanità abbia conseguito in maniera graduale e progressiva l’evoluzione di cui oggi noi tutti siamo testimoni, senza invocare deliranti interventi di matrice aliena, dei quali tra l’altro ancora dobbiamo vedere una prova concreta e misurabile.
    Il fatto che esistano tanti misteri irrisolti e zone d’ombra nella storia più remota dell’umanità, non è sufficiente per speculare in ogni campo del scibile umano, tirando in ballo ogni volta interventi extra-terrestri, complotti planetari e chi più ne ha più ne metta.

  19. Scusatemi, è un argomento che mi affascina e mi sono lasciato andare a commenti che potevo evitare. In ogni caso, il concetto che volevo esprimere non era quello da voi interpretato. Non vi conosco, e anche se vi conoscessi non mi permetterei di giudicarvi più o meno intelligenti di me o di chiunque altro. Non è nelle mie abitudini. Il concetto che volevo esprimere era che, se voi leggeste gli autori di cui ho scritto, potreste cominciare a pensarla diversamente. Non voglio fare il professore, cara Raffaella, volevo solo scambiare pareri con chi la pensa diversamente da me. Cacchio come siete suscettibili….
    Caro Daniele, solo Sitchin e i suoi fans tirano in ballo extra-terrestri, altri autori non escludono quella possibilità, ma sono più inclini a valutare l’ipotesi di civiltà pre umane, super evolute che si sono estinte e hanno lasciato tracce molto evidenti. Cominciate a leggere “le impronte degli Dei” di Hancock, quanto meno vi farete quattro risate!!

  20. Non è suscettibilità…il fatto è che dai per scontato che io non abbia letto quei libri! Non pensi che la capacita’ interpretativa possa essere differente da individuo ad individuo? Fortunatamente i pensieri, le opinioni e le deduzioni personali molto spesso differiscono, possono essere certezze per qualcuno e cose opinabili per altri, sia in questo campo che in tutti gli altri aspetti della vita, non trovi?
    Un saluto! 🙂

  21. Se mi dici che Sitchin scrive romanzi, allora il dubbio che non lo hai letto mi sorge spontaneo. Non te ne faccio una colpa, sia chiaro, perchè avrai letto altri libri magari per te molto più interessanti. Ma in ogni caso non siamo obbligati a scambiare opinioni sull’argomento, poichè ho la netta sensazione che siamo entrati in polemica prima ancora di cominciare a scambiare opinioni.

  22. Ho letto anni fa alcune delle pubblicazioni citate e le ho trovate molto intriganti e piene di spunti illuminanti. E ricordo la rabbia che mi veniva quando poi in TV vedevo il tranquillo e simpatico Graham Hancock alle prese con quel presuntuoso e antipatico di Zawi Hawass, che smontava impietosamente le sue teorie. Purtroppo anche se certe letture possono essere piacevoli e accattivanti sotto il lato descrittivo, concordo sul fatto che spesso ci troviamo di fronte a saggi abbastanza romanzati e fantasiosi, che il più delle volte vanno a cercare unicamente il lato sensazionalistico degli argomenti trattati, con numerose forzature, anacronismi, approssimazioni e imprecisioni varie, che sfuggono ai più. Forse per avere una visione più ampia e completa su certi argomenti, sarebbe appunto opportuno leggere anche cose diverse dai vari Bauval, Hancock, Gilbert e cosi via e non prendere per oro colato tutto ciò che scrivono. Lo stesso Bauval, nelle vari edizioni del suo best seller ha dovuto fare diversi passi indietro, ammettendo palesemente di aver commesso delle grosse inesattezze negli accostamenti teorizzati. Anche io magari, se mi impegno nei calcoli, posso trovare, che ne so, che il diametro di un nuraghe di Osini, moltiplicato per pi greco, è perfettamente uguale a un milionesimo della distanza Terra Luna, ma questo non mi può autorizzare a dire che li si celino misteri di remote civiltà evolute, sarei un folle! Riguardo Sitchin, se lo vogliamo vedere come romanziere, allora tanto di cappello, ma siccome tu lo vanti in quanto “studioso”, sinceramente trovo difficile attribuire legittimità a una persona che da anni fa soldi scrivendo sciocchezze su pianeti sconosciuti, antichi astronauti e cose del genere. Ma tant’è, ognuno va rispettato per le sue idee e i suoi gusti. Per concludere penso che di fronte a certi temi, non sia sufficiente basarsi sulla bravura di un divulgatore a “convincere” il lettore sulle tesi esposte, ma sia necessario fare un passo in più nella direzione della effettiva conoscenza dei fatti e analizzare criticamente gli argomenti esposti, altrimenti il tutto assomiglia ad un plagio subito sulla scia della emotività. Cordialmente (e senza alcuna polemica) Daniele 🙂

  23. Caro Daniele, per quanto mi riguarda, Zawi Hawass ha smontato ben poco delle teorie di Hancock e Bouvall, e in ordine di tempo l’ultima tranvata che gli egittologi hanno preso è la datazione della Sfinge che come avrai letto, hanno dimostrato avere molti più anni di quelli che l’archeologia ufficiale gli attribuisce. Infatti le evidenti tracce di erosione non sono da attribuire al vento sferzante ne ad inondazioni, bensì ad acqua piovana. Questo non lo dice Bouvall, Hancock o Sitchin, ma apprezzati geologi senza alcuna possibilità di smentita. Questo porta a datare la sfinge ad un periodo che va dal 7000 a.c. all’11000 a.c. periodo in cui il clima nell’area era piovoso al punto da poter giustificare quell’erosione. Per quanto riguarda le piramidi invece, sono gli egittologi a dover provare e non l’hanno mai fatto, che sono state costruite dagli egiziani. Di questo poi magari ne riparliamo. Per quanto riguarda invece le numerazioni di cui parli, non ti sembra strano che questi popoli avessero conoscenza della precessione degli equinozi? La semplice osservazione nei secoli non basta a capire che l’asse terrestre si sposta di un grado ogni 75 anni. Non ti sembra strano che, come tu hai affermato, conoscessero già il Pi greco? La storia ufficiale ci insegna siano stati i Greci qualche migliaio di anni dopo a tirar fuori il Pi, mentre i Greci stessi dicevano che la loro cultura e il loro sapere provenivano dal passato. La storia ufficiale ci ha insegnato, che i popoli di cui stiamo parlando, avendo vissuto migliaia di anni fa, agli albori della civiltà, dovessero essere alquanto primitivi, i Sumeri a detta di Sitchin (ma le sue traduzioni sono pienamente confermate da altri conoscitori di Sumero), già scrivevano di DNA (codice cosmico), disegnavano 12 corpi celesti nel nostro sistema solare, compresi sole e luna, quando i nostri scienziati hanno scoperto il 10° nel 1800 circa e l’11° nel 1900 circa. Come la scienza può dimostrare e spiegare una tale esplosione tecnologica nei più svariati settori in popoli che secondo la storia ufficiale erano appena usciti dalle caverne? Concordo con te che tutto possa essere smontato, e ciò che sembra una certezza oggi, può diventare una sciocchezza domani e viceversa, ma questo non significa che chi ha scritto sciocchezze prima non debba dimostrarle e chi invece le contraddice abbia l’onere della prova. Dimmi come Hawass dimostra che le piramidi le abbiano costruite gli egiziani. A quanto pare le cave sono a qualche km di distanza. Come sono stati tagliati massi che arrivano a pesare 200 tonnellate e oltre? Come sono stati trasportati? e sopratutto come sono state posizionate a quelle altezze con una precisione tale, che tra una masso e l’altro non passa neanche la punta di uno spillo a distanza di migliaia di anni dalla loro costruzione? Sia chiaro, che non attribuisco tutto questo per forza di cose ad alieni o ad Atlantide, ma credo che la storia non sia quella propinata fino ad ora. Non la si può riscrivere poichè non abbiamo nessuna certezza ma ciò non significa che dobbiamo berci tutto e non mi riferisco solo agli avvistamenti ufo, ma a tutto quello che diamo per scontato e che invece non è!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.